Film stasera in tv: FRIDA (ven. 9 dic. 2016, tv in chiaro)

Frida, un film di Julia Taymor. Paramount Channel, ore 23,20. Venerdì 9 dicembre 2016.
e422981e63frida1Biopic dell’ormai lontano 2002 che mette in cinema vita e opere, passioni e avventure, amori e disamori, storie private e storia pubblica di Frida Kahlo, pittrice e pasionaria politica messicana asces alla fama globale negli anni Venti-Trenta. E diventata decenni dopo un’icona femminista, di protagonismo e volitività femminili, adottata dai meglio salotti e circoli dell’occidente, adorata dal fashion system, collezionata da star come Madonna. Il film con Salma Hayek nel title role arriva sull’onda di quella riscoperta e di quei modaiolismi, risultando un hommage genuflesso, più che un ripercorrere con distanza critica i tragitti della sua protagonista. Siamo all’agiografia, benché redatta nello stile fammeggiante e di eccessi barocchi cui ci ha abituato la regista Julia Taymor (Across the Universe, Titus). Frida e l’incidente da ragazzina che l’avrebbe costretta per sempre a una grave disabilità motoria. Frida e la sua scoperta della pittura, tra naïvité, etnicismi messicani, surrealismi (una mistura che non mi ha mai fatto impazzire, e uso un garbato eufemismo). Frida e il suo amore con Diego Rivera, pittore muralista e militante comunista. Frida e i suoi incontri celebri, da Breton a Trotsky. Tutti la ricordiamo come nei suoi autoritratti, occhi e capelli nerissimim, e intorno e addosso fiori e ancora fiori. Nonostante la confezione visivamente ipersatura e prepotente, un film convenzionale. E però a suo tempo piacque molto, soprattutto all’ala femminile del pubblico. Con Antonio Banderas e pure la nostra Vaeria Golino.

Pubblicato in cinema, Container, film, film in tv | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Film stasera in tv: il musical CHICAGO (ven. 9 dic. 2016, tv in chiaro)

Chicago, un fim di Rob Williams, Paramount Channel, ore 21,10. Venerdì 9 dicembre 2016.
p3Uno dei film che hanno rilanciato negli anni Duemila il musical, genere che sembrava ormai decotto. Diretto nel 2002 da Rob Marshall, Chicago si è portato a casa un bel po’ di Oscar, compreso quelli di miglior film e per la migliore attrice non protagonista a Catherine Zeta-Jones. Ottimo cast: oltre a Zeta-Jones, Richard Gere e Renée Zellweger, e tutti a cantare e ballare che è un piacere. Chi non l’ha visto, non manchi l’appuntamento con questo musical di ascendenze assai nobili, tratto dalla versione teatrale firmata Bob Fosse, John Kander e Ferd Ebb. Anni Venti, Chicago. Due giovani donne in galera, entrambe accusate di delitti orrendi di origine passionale, entrambeansiose di allontanare l’esecuzione cui son state condannate e di diventare famose. O di tornare a esserlo. La prima è già una star del cabaret-vaudeville, la seconda sogna di essere come lei. Assai cinico nel suo mescolare crime e musical, con parecchi richiami al Brecht dell’Opera da tre soldi. Del resto siamo nei Roaring Twenties, anni spericolati ed estremi, tra proibizionismi, arricchimenti illeciti, scatenamenti dei sensi in localacci, sfrenatezze pre-catastrofe capitalistica a Wall Street. Certo bisogna amare il musical, se no meglio astenersi.

Pubblicato in cinema, Container, film, film in tv | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il film imperdibile stasera in tv: LA MALA ORDINA di Fernando Di Leo (ven. 9 dic. 2016, tv in chiaro)

La mala ordina, Cielo, ore 23,10. Venerdì 9 dicembre 2016.
italianconnection_007edited_904Gran poliziesco (non poliziottesco) del maestro Fernando Di Leo, il nostro Melville. Lo gira nel 1972 incrociando il mafia-movie al melodramma familiare. Un malavitoso ruba un carico di droga a un boss: dall’America vengono chiamati due killer perché lo facciano fuori. Seguirà morte di moglie e figlioletta del trafugatore di droga e la sua successiva, crudelissima vendetta. Un quadro senza pietà, cioè in puro stile Di Leo, delle malvagità umane, in cui nessuno si salva e tutti sono contaminati dalla colpa. Con una Milano tra le più dark e belle mai viste al cinema. Anche questo film, come tutto Di Leo del resto, è amato appassionatamente da Tarantino. Nella versione inglese lo chiamarono The Italian Connection, per sfruttare la scia del French Connection girato da Friedkin.

Pubblicato in cinema, Container, film, film in tv | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Film da vedere stasera in tv: MEZZOGIORNO DI FUOCO di Fred Zinnemann (ven. 9 dic. 2016, tv in chiaro)

Mezzogiorno di fuoco, Rete Capri, ore 21,00. Venerdì 9 dicembre 2016.
highnoon2high-noon-originalMitologico western del 1952 firmato da uno dei tanti registi germanofoni accorsi in America negli anni ’30 dalla Mitteleruropa, Fred Zinnemnn. Il quale cosnerverà in tutta la sua carriera una certa austerità vecchio-continentale, una naturale ripulsa per gli effettisimi e le ruffianerie più smaccatamente hollywoodiane. Lo si vede anche in questo che è uno dei suoi vertici, un western solenne e severo come un oratorio, giocato sull’attesa, sulla sospensione, sull’impacabilità del tempo. Con lo sceriffo Kane solo e abbandonato da tutti in attesa del fatale mezzogiorno in cui arrverà alls stazioone il suo nemico: il gaglioffo che lui ha fatto incarcerare e adesso incredibilmente, anticipatamente rilasciato di galera (sembra l’Italia di oggi) e voglioso di vendicarsi. Una pendola scandisc il passare delle ore, dei minuti, e l’avvicinarsi al momento dell’ordalia, ed è un’inveznione entrata dritta nella storia del cinema, successivamente citata e clonata infinite volte. Davvero, Kane è un uomo solo contro tutti. Vorrebbe che fuggisse e si sottraesse al duello la moglie quacchera, contraria all’uso della violenza. Se la squagliano per paura, per viltà, per opportunismo gli amici e i falsi amici. Arriva mezzogiorno, e sarà duello sotto il sole a picco. Classicissimo. Meraviglioso Gary Cooper, oscarizzato. Grace Kelly, bellissima, è la moglie. Sceneggiatura del blacklisted Carl Foreman.

Pubblicato in cinema, Container, film, film in tv | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Stasera in tv il documentario-intervista E VENNE L’UOMO – Un dialogo con Ermano Olmi (ven. 9 dic. 2016, tv in chiaro)

28486-e_venne_l_uomo_-_un_dialogo_con_ermanno_olmi__ermanno_olmi__3E venne l’uomo – Un dialogo con Ermanno Olmi, un film di Alessandro Bignami. Rai Movie, ore 22,45. Durata 47 minuti.
È il secondo dei due film trasmessi nella ‘Serata Ermanno Olmi’ che Rai Movie dedica oggi, venerdì 9 dicembre 2016, a un maestro vero, e non discutibile, del nostro cinema.
E venne l’uomo è preceduto alle 21,20 dalla messa in onda di Torneranno i prati, il film sulla prima guerra mondiale girato dal regista bergamasco nel 2014.

In prima televisiva il documentario-intervista a Ermanno Olmi proiettato lo scorso settembre a Venezia nellea sezione Classici, ed è qualcosa che chi ama il cinema non dovrebbe perdersi. 85 anni e un bel po’ di film memorabili in cirriculum, ma memorabli veramente, il più pacato e appartato dei nostri autori viene intervistato dal critico Federico Pontiggia sul suo cinema e il cinema degli altri, sulla sua Weltaschauung così intrisa di umanesimo cristiano e compassione verso gli ultimi. In un incontro che va su e giù lungo la vita e carriera del regista bergamasco, tra trionfi (Il posto, L’albero degli zoccoli) e film belli e sfortunati. Come quell’E venne un uomo con cui Olmi raccontò cons traniamenti quasi brechtiani papa Giovanni XXIII e che che fu male accolto a Venezia negli annI Sesanta, perpoi diventare culto indergabile. Tanto da suggerire il titolo a questo documentario diretto da Alessandro Bignami.

Pubblicato in cinema, Container, documentari, documentario, film | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento