A Fuori Orario, la diversità in 4 film (con un film gay tedesco del 1919!)

La notte di Fuori Orario, la trasmissione di cinema che porta firma e volto di Enrico Ghezzi, stavolta è sul cinema diverso, anzi DIVERSO (D)AL CINEMA, così si chiama la cinenotte curata da Roberto Turigliatto. Anche se la cosa non viene esplicitamente enunciata, in due di questi film (Anders als die Andern e Tè e simpatia) si allude all’omosessualità.
Imperdibile è Anders als die Andern (Diverso dagli altri), film tedesco del 1919, che riflette la campagna di allora per l’abolizione del paragrafo 175 che considerava l’omosessualità un crimine. Il film si ispira alle teorie del pioniere dei movimenti omosessuali Magnus Hirschfeld e racconta di un violinista che si innamora di un suo allievo. Dati i tempi, il dramma incombe.
Gli altri titoli sono Il ragazzo dai capelli verdi di Jopseph Losey (1948), Il rullo compressore e il violino, film di diploma di Andrej Tarkovskij (1950), Tè e simpatia di Vincente Minnelli (1956).

Foto di Anders als Die Andern

Questa voce è stata pubblicata in cinema, film e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.