PIETÀ di Kim Ki-duk, Leone d’oro a Venezia, esce il 14 settembre. Trailer e recensione

Venerdì 14 settembre, a pochi giorni dal Leone d’oro vinto a Venezia (la consegna dei premi è stata sabato 8 settembre), esce nei cinema Pietà del coreano Kim Ki-duk. Per saperne qualcosa di più rimando alla mia recensione da Venezia subito dopo la proiezione (e prima del Leone). Storia del brutale esattore di uno strozzino e di una madre, storia d’amore e vendetta, storia di colpe ed espiazioni disseminata di richiami religiosi, simboli cristiani e non. Faccio notare che la casa di distribuzione, la Good Films, ha nel frattempo aggiunto l’acento al titolo originale che è, e resta, Pieta, forse a riecheggiare il latino pietas. Film a fasi alterne, con voragini e abissi ma anche picchi inarrivabili e momenti sublimi, che è il caso di non perdersi. Avvertenza: trattasi di film cruento, disturbante, a tratti insostenibile, dunque prepararsi. Bel film comunque, anche se io il Leone maggiore l’avrei dato a The Master di Paul Thomas Anderson.
[youtube http://www.youtube.com/watch?v=qNwTnicZekM&w=560&h=315]

Questa voce è stata pubblicata in cinema, film, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a PIETÀ di Kim Ki-duk, Leone d’oro a Venezia, esce il 14 settembre. Trailer e recensione

  1. toniletterari scrive:

    Ti ringrazio per il costante aggiornamento sulla Mostra. E’ stato interessante seguire gli articoli ed ora sono curioso di vedere soprattutto The Masters. Da quanto ho capito, però, non sono stati dei film memorabili…o sbaglio?

    • luigilocatelli scrive:

      The Master di Anderson è un gran film, lo è anche secondo me To The Wonder di Malick. Poi molti film notevoli in altre sezioni diverse dal concorso

      • toniletterari scrive:

        Non mancherò.
        Mi spiace per “Bella addormentata” di Bellocchio, che reputi non all’altezza. Lo guarderò.
        In generale è un regista che sembra non piacere più agli italiani…A me Buongiorno notte ad esempio è piaciuto anche se tutti quelli che l’hanno visto l’hanno bollato come noioso. Grazie, a presto

  2. Pingback: Ecco perché PIETA di Kim Ki-duk non ha l’accento (nell’originale) | NUOVO CINEMA LOCATELLI

Rispondi