Joaquin Phoenix: ‘L’Oscar è una stron…”, e così si gioca la chance di vincerlo. Bell’autogol

Phoenix in ‘The Master’, per cui lo si dava candidato certo agli Oscar

Il solito Joaquin Phoenix, campione di provocazioni grandi o minuscole, specialista in autosabotaggio. Uno che da anni se la tira da maledetto, e ancora non s’è capito se ci è o ci fa. Al festival ultimo di Venezia lo scorso settembre, alla conferenza stampa seguita alla prima mondiale di quella meraviglia di The Master di cui era protagonista, ha dato spettacolo pur non facendo niente, anzi proprio per quello. Aria scazzata da ‘che ci faccio qui e voi cosa volete da me, andate tutti a farvi fottere ‘, immusonito anzi ingrugnato, non ha risposto a una domanda che è una ruminando solo qua e là qualche indecifrabile borbottio, aria assente, anzi a un certo punto è pure uscito per rientrare un po’ dopo. E tutti a chiedersi: ma cosa gli sarà successo?, ma perché sarà uscito?, dandosi naturalmente le peggiori e più maligne risposte. Pensare che tutti i giornalisti erano dalla sua parte dopo aver assistito alla sua strabiliante performance nel film. Difatti di lì a qualche giorno avrebbe giustissimamente vinto la Coppa Volpi come miglior attore ex aequo con l’altro interprete del film Philip Seymour Hoffman, solo che lui mica è tornato a Venezia a ritirare, no, ci ha pensato Hoffman. Ecco, da uno così c’è da aspettarsi di tutto, soprattutto a proposito di premi. Difatti, ecco arrivare l’intervista da lui rilasciata a Interview, lo storico mensile newyorkese fondato da Andy Warhol. Siccome da quando The Master è uscito nei cinema Usa tutti  i critici parlano di una sua certa candidatura all’Oscar e di possibile vittoria, Joaquin Phoenix a domanda al riguardo così risponde: “Penso che l’Oscar sia una stronzata totale (la parola usata è bullshit). Non credo nell’Oscar. È una carota, però la carota dal sapore peggiore che io abbia mai assaggiato nella mia vita. È totalmente soggettivo. Mettere la gente a confronto… è la cosa più stupida del mondo. È stato uno dei periodi peggiori della mia vita quando Walk the Line (per cui ottenne la nomination, ndr) fu in corsa per i premi e tutta quella roba lì. Non voglio più avere una simile esperienza”. Ora, per uno che veniva dato per candidato certo ai prossimi Academy Awards è un bell’autogol. I membri dell’Academy se la legheranno al dito, e chi volete che lo voti adesso? Peccato, perché l’Oscar se lo meriterebbe, e chi se ne frega se lui pensa sia una merda, dateglielo lo stesso e basta.

Questa voce è stata pubblicata in attori, cinema, Container, Oscar e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Joaquin Phoenix: ‘L’Oscar è una stron…”, e così si gioca la chance di vincerlo. Bell’autogol

  1. DanielaC. scrive:

    Sarebbe divertente vedere/sapere la sua reazione se gli daranno realmente l’Oscar nonostante o proprio grazie a , questa intervista.

Rispondi