PHILOMENA (recensione). Film furbissimo, un lacrima-movie irresistibile con una Judi Dench da podio

Da giovedì 19 dicembre 2013 al cinema, Ripubblico la recensione scritta lo scorso settembre dopo la prima mondiale al Venezia Film Festival._D3S1363.NEFPhilomena, regia di Stephen Frears. Con Judi Dench e Steve Coogan. Presentato in Concorso a Venezia 2013, dove poi ha vinto il premio per la migliore sceneggiatura. Tre candidature al Golden Globes, tra cui miglior film e migliore attrice categoria ‘drama’.PHILOMENA_RAW_0199.CR2
Philomena ha ormai un’età e vuole a ogni costo ritrovare il figlio che le è stato strappato cinquant’anni prima in Irlanda e dato in adozione in America. Sarà un giornalista politico in crisi professionale a darle una mano. Emergeranno cose inaspettate, anche dolorose. Un film ispirato a fatti veri, irresistibile, di ineccepibile confezione. Con una Judi Dench travolgente, accolta alla conferenza stampa da una standing ovation. Però, nonostante la massiccia iniezione di british humour, il film resta qualcosa tra Carramba, Invernizio e C’è posta per te. Non proprio il cinema che amo. Voto 5 _D3S8512.NEF
Applausi pazzeschi stamattina da parte della schifiltosa platea dei giornalisti, non certo facile agli entusiasmi. Immagino che alla proiezione per il pubblico sarà standing ovation, soprattutto per Dame Judi Dench. Che dire? Prodotto furbissimo, di implacabile confezione e perfezione, una macchina programmata per il successo, e successo sarà in tutto il mondo. Mica per niente dietro c’è quel genio della cineindustria, e pure del marketing, che risponde al nome di Harvey Weinstein. L’uomo che dal niente ha creato negli Stati Uniti il caso di The Artist portandolo agli Oscar che sappiamo, e che ha fiutato prima degli altri il ricco mercato degli spettatori di terza e quarta età (e anche oltre) vogliosi di storie su misura. I molti dollari incassati prima da Marigold Hotel e poi da Quartet l’hanno convinto a perseverare nel genere, ed ecco che da casa Weinstein sono arrivati Una canzone per Marion (pessimo però) e adesso questo Philomena. Stavolta gli ingredienti per un trionfo al box office ci sono tutti. Una storia che sta tra Carramba, C’è posta per te (inteso come De Filippi) e il vecchio Matarazzo, e però realmente accaduta a una signora irlandese. Figuriamoci, un bambino illegittimo partorito in un collegio retto da tremende suore irlandese e poi sottratto alla genitrice e venduto in adozione a una coppia di americani. E lei, Philomena, adesso a un’età inoltrata vuole sapere di quel figlio, vuole ritrovarlo, vuole conoscerlo, vuole sapere che vita ha avuto, se felice o no. Puro Invernizio. A questo aggiungiamo un’interprete di eccellenza quale Judi Dench, e un regista di ottimo mestiere e mai corrivo come Stephen Frears. Il risultato è quanto abbiamo visto stamattina in Sala Darsena, con tanto di applausi e lacrime, e non è che l’inizio per un film che andrà lontano. L’abilità suprema dello sceneggiatore, del regista e anche degli interpreti è stata nel contemperare la strutturale lacrimosità di una vicenda simile con abbondanti iniezioni di britannicissimo humor e disincanto, e raffinatezze di scrittura. Lo scontro di caratteri, il gornalista politico-intellettuale che vuole scrivere un libro sulla storia russa e la popolana ex infermiera avida lettrice di romanzacci rosa, è delineato come meglio non si potrebbe, e certi dialoghi dovrebbero diventare materia di studio in certe scuole di sceneggiatura (sopratutto italiane). Sicché il prodotto si adatta sia al pubblico che un tempo si definiva popolare (però adulto-adulto, non mi vedo un ventenne fare la fila) sia a quello festivaliero. È la figlia di Philomena a intercettare un giornalista in disgrazia, licenziato da un ministro per cui lavorava come spin doctor o portavoce o qualcosa del genere, e convincerlo a incaricarsi di quella ricerca. Fiutando il pezzo, Martin Sixsmith accetta. La prima tappa è il collegio irlandese di monache in cui la giovane Philomena era stata rinchiusa dopo essere rimasta incinta. Uno di quei Magdalene di cui già un film vincitore qui a Venezia descrisse anni fa le nefandezze. Naturalmente nessuno sa niente, le monache di allora son quasi tutte morte, un incendio ha distrutto i documenti. Il giornalista decide di aggredire la vicenda dall’altro lato, dall’America, dove il figlio Alex era stato adottato. Ed è da Washington che lui e Philomena ripartono. Non voglio rivelare granché. Dico solo che in quello che salta fuori c’entrano Reagan, Bush, la Casa Bianca, l’omosessualità, l’Aids. Un melodramma che solo la realtà avrebbe potuto combinare a un tale livello di intensità giacché, signora mia, la vita è un romanzo. Ho visto giornaliste piangere come fontane, io no, scusate. Riconosco l’abilità dell’operazione, e benissimo ha fatto Venezia a prendersi Philomena in concorso, che poi son di quei film che conquistano il mondo e premi di vario tipo, piantando la bandierina di questo festival dappertutto. Massimo rispetto per Judi Dench che, se tutto fila liscio, rischia di beccarsi tutte le nomination possibili e magari anche qualcosa di più (tant’è che qui circola la battuta: “Ma l’ha già scelto il vestito per l’Oscar?”). Viva Dench, viva Frears. Però, sorry, il cinema che mi fa fremere è di altro tipo.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, Post consigliati, recensioni e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a PHILOMENA (recensione). Film furbissimo, un lacrima-movie irresistibile con una Judi Dench da podio

  1. Magda scrive:

    Concordo dopo la visione del film. Insopportabile il buonismo della signora che perdona e accetta qualunque cosa, ma altrettanto poco credibile e melenso il tentativo di contrapporre a quello l’indignazione del giornalista che si ritira in buon ordine comprando una statuetta votiva…. per carità. Le Magdalene è stato tutt’altra cosa, un pugno nello stomaco di denuncia che ti portava dentro a un mondo da sempre nascosto, pesante si, faticoso, ma abbastanza autentico, non una favoletta edulcorata ad usum dei buoni sentimenti.
    So che la storia è vera, ma il modo con cui è presentata non è verosimile né stimola riflessione. Un film che sarebbe inutile se alcuni passaggi della signora non fossero davvero incantevoli, quelli ironici naturalmente o quelli della sua confusione e incertezza, unici tratti umani.

  2. Pingback: Oscar: la mia classifica dei 9 candidati al miglior film | Nuovo Cinema Locatelli

Rispondi