Film-cult stasera sulla tv in chiaro: THE ROCKY HORROR PICTURE SHOW (mercoledì 1° gennaio 2014)

The Rocky Horror Picture Show, Iris, ore 21,06.
Che dire di un film che è consideratop il cult di tutti i cult, anzi il titolo-simbolo della stessa categoria del cult? Piaccia o meno, si tratta di qualcosa di epocale. Pensare che quando uscì, nel 1975-’76, non ebbe certo un’accoglienza trionfale da parte del pubblico medio. Sarebbe stato ripescato di lì a poco in piccoli cinema di tutto il mondo e celebrato e consacrato oggetto di devozione, innescando pure resistenti mode e fenomeni imitativi. Al cinema Mexico di Milano fu proiettato ininterrottamente per dieci anni, con tanto di appuntamento settimanale in cui i fan si esibivano rifacendo le scene più ghiotte. Con simili credenziali inutile cercare di capire se TRHPS sia bello e brutto, semplicemente è. Una coppia di fidanzati durante la notte, ed è una notte tempestosa, si perde in una qualche parte dell’America primi anni Settanta, finché si ritrova in una strana magione ove domina un signorotto, il dottor Frank-N-Furter, abbigliato come un Dracula transgender, labbra di lurido blu, occhioni cerchiati di nero, guêpière nera, tacchi a spillo. Un’icona gothic-dark con sprofondamenti nell’immaginario gay. La sua missione è costruire l’amante perfetto assemblando carni e cervello, un amante chiamato Rocky, biondo, muscoloso e scemo, che sta a lui come la Creatura stava al dottor Frankenstein. Musiche e siparietti, perché, signori, questo è un musical di canzonacce e balli. Un inno a quella che allora si chiamava trasgressione, e che poi vuol banalmente dire scopare scopare scopare in tutti i modi e con tutti i sessi possibili. Inno all’omo-, all’uni-, alla bi-sessualità. Un film che è perfetto figlio del suo tempo e sembra oggi uscire da una cripta anni Settanta. Non così innovativo e originale, perché a ben vedere qualcosa condivide con i campissimi film del warholiano Paul Morissey Blood for Dracula e Il mostro è in tavola, barone Frankenstein. Frank-N-Furter è Tim Curry nel ruolo della vita, la fidanzata ingenua è Susan Sarandon, che dal film uscirà meno ingenua, e anche il fidanzato, se è per questo. Don’t dream it, be it, ‘non sognarlo, siilo’ è la famosa chiusa, e temo che questo perentorio invito ad abolire ogni confine tra sogno e vita abbia fatto da allora più male che bene. Opinione personale.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Film-cult stasera sulla tv in chiaro: THE ROCKY HORROR PICTURE SHOW (mercoledì 1° gennaio 2014)

  1. Alessandra scrive:

    Il cinema Mexico di Milano lo fa ancora (questo è il 33° anno), ogni venedì (estate esclusa). È una delle 5 Rocky Horror House esistenti al mondo 🙂

  2. Pingback: I FILM più interessanti di stasera (1° gennaio 2014) sulla TV IN CHIARO | Nuovo Cinema Locatelli

Rispondi