Berlinale 2014. Recensione: THE GRAND BUDAPEST HOTEL. Wes Anderson gira un altro dei suoi film leggiadri, ma stavolta si sente il rumore dell’Apocalisse (d’Europa)

20146244_3

Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.