Stasera in tv due film di Massimo Troisi (merc. 11 giu. 2014): SCUSATE IL RITARDO e RICOMINCIO DA TRE

Scusate il ritardo, Iris, ore 21,11.
Ricomincio da tre, Iris, ore 23,12.
Continua su Iris la programmazione dei non molti film di e con Massimo Troisi a vent’anni dalla sua scomparsa. Stasera tocca a Scusate il ritardo e al suo primo da regista, quello che lo rivelò e lanciò nel cinema, Ricomincio da tre.

Ricomincio da tre

Ricomincio da tre

Scusate il ritardo
Il secondo film di Troisi autore, oltre che attore. Siamo nel 1983, a due anni dal trionfale esordio, vista la quantità abnorme di lire ramazzata al botteghino, di Ricomincio da tre. Il character è sempre lo stesso, il neo-napoletano timido e balbettante e smozzicante un’incomprensibile lingua al di fuori della cerchia vesuviana (e io, brianzolo, non ci ho mai capito niente, tanto da invocare i sottotitoli, allora e oggi), rigorosamente, quasi furiosamente negazionista di ogni cliché del campano pulcinella cantante e tarantella-ballante. Nella qual cosa sta la novità epocale del personaggio Troisi, l’imporre all’Italia una napoletanità altra, malinconica se non addirittura cupa. Poi, certo, Troisi costruisce sulle poprie introversioni e psico-incertezze un monumento barocco fatto di esitazioni, farfuglii, gestualità accennate e subito spezzate, mimiche facciali, espressioni attonite, che diventa presto maniera. La trama? Che volete che importi, conta solo per la quantità di pretesti forniti all’esibizione del suo dilagante protagonista. Comunque: l’eternamente disoccupato Vincenzo ha parecchie difficoltà con la ragazza bella e difficile con cui sta, difatti è Giuliana De Sio, cui non riesce a dare le attenzioni richieste (è la solita storia, insomma, quelli che vengono da marte e quelle che invece da venere). Con il fedele Lello Arena.
Ricomincio da tre
Titolo diventato proverbiale. Primo film da attore-regista di Trroisi, fino a quel momento conosciuto solo per il cabaret televisivo con il suo gruppo La smorfia (lui, Arena e Decaro). Un successo che travolgerà tutto. Gaetano è un quasi-trentenne napoletano afflitto dal solito spleen troisiano, bloccato in un lavoro di fabbrica che non gli piace, che a un certo punto decide di mollare tutto e andarsene su a Firenze da una zia. “Emigrante?”, gli chiedono. “No. E che, un napoletano non può viaggià? deve solo emigrà?”, fa lui, anzi bofonchia lui, in una battuta-tormentone memorabile che ribalta secoli di cliché sul meridionale pezze-al-culo e valigia di cartone. In Toscana le cose si complicano un po’ con la zia, e intanto Gaetano conosce una ragazza. Seguono avventure minime con galleria di vari tipi umani, in un reticolo narrativo che ha il solo scopo di scolpire il personaggio Gaetano-Troisi, ragazzo del Sud per niente solare e assai introflesso. A tutt’oggi, il suo film migliore, il suo manifesto. Il titolo? “E che ricominciare da zero… tre cose mi son riuscite nella vita, da quelle ricomincio”.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Stasera in tv due film di Massimo Troisi (merc. 11 giu. 2014): SCUSATE IL RITARDO e RICOMINCIO DA TRE

  1. Pingback: I film più interessanti stasera (merc. 11 giu. 2014) sulla tv in chiaro | Nuovo Cinema Locatelli

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.