VeneziaFestival2014. Recensione: A PIGEON SAT ON A BRANCH… di Roy Andersson. Un piccione che potrebbe diventare leone

Schermata 2014-09-03 a 23.07.32A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence (En duva satt pa en gren och funderade pa tillvaron) di Roy Andersson. Con Holger Andersson e Nisse Vestblom. Svezia. Venezia 71-Concorso.
11610-En_duva_satt_pa_en_gren_och_funderade_pa_tillvaron_1--__Roy_Andersson_Filmproduktion_ABUno dei più seri candidati alla vittoria. Due poveri venditori di tristi amenità si aggirano come clown in una landa caliginosa, opaca, plumbea. Tra follie e un’ordinaria banalità. Una successione di tableaux vivants. Freaks che fan ridere e piangere, come in un circo dei più derelitti. Siamo dalle parti del capolavoro. Voto 9
Schermata 2014-09-03 a 23.07.42Ha un’età, lo svedese Roy Andersson: classe 1943 e fate voi i conti. Ma non è mai troppo tardi per un leone, per la consacrazione a maestro del cinema, e qualcosa di grosso qui a Venezia gli tocca, se lo merita, glielo devono dare. Ultimo di una trilogia partita con Songs from the Second Floor e continuata con You, the Living, questo A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence (Un piccione stava appollaiato su un ramo riflettendo sull’esistenza) ha davvero conquistato tutti ieri, e vediamo se è la volta buona per far conoscere il suo regista in Italia dove finora non se l’è filato nessuno o quasi. Tableaux vivants da una landa d’Occidente (la Svezia?) desolata, caliginosa, opaca, illuminata da una luce livida che non produce ombre. Facce e corpi come mostrificati e alterati, e pallori e guance terree e carni malate da impietoso quadro di Lucian Freud. Per raccontarci cosa? Non si sa, non si capisce bene, ma in fondo non è poi tanto importante. L’importante è lo sguardo di Andersson su uomini, donne, cose e paesaggi, quello sì, e quello che Andersson offre al nostro sguardo e il come lo fa. Una galleria di poveri freaks. Si comincia con un signore e una signora come immobilizzati tra le vetrine di un qualche museo di scienze naturali a contemplare scheletri e altri reperti, o forse loro stessi museificati e imbalsamati. Umani-oggetto di un diorama. Il movimento è quasi abolito in questo film, la cui fissità ricorda molto da vicino quella dell’universo ritratto e messo in scena dall’austriaco Ulrich Seidl. Con la differenza, fondamentale, che lo svedese dà prova di una pietas nei confronti dei suoi disgraziati, patetici, stralunati personaggi di cui Seidl non sarà mai capace. Si comincia, dopo il prologo al museo, con un ‘Tre incontri con la morte’, tre episodi fulminanti costruiti con ingegneristica precisione su come la signora con la falce possa intervenire nei modi più strambi e improvvisi. Un vanitas vanitarum che ci introduce alla coppia diciamo così protagonista, due sfigatissimi venditori di scherzi, denti da vampiro e altre malinconiche amenità, che sono un travestimento della classica coppia di clown e che percorrono ora al centro ora lateralmente o tangenzialmente il film. Battibeccano, fanno la pace, cercano di vendere le loro povere cose senza riuscirci, cercano di riscuotere crediti senza riuscirci. Vivono in una specie di dormitorio pubblico, attraversano funerei paesaggi urbani e periferici, rovine industriali, pezzi di natura sporca e inselvatichita. Viene da ridere e viene da piangere, come in un circo dei più derelitti. Scene che non si dimenticano. La lezione di flamenco, il numero da musical dei soldati nella taverna di Lotta la zoppa, l’irruzione in un caffè di un settecentesco re di Svezia a cavallo che si porta via come amante il bel barista, l’incubo del gigantesco cilindro-bolide forno-inceneritore. Si possono vedere in Andersson infiniti rimandi e citazioni. Tati, Buster Keaton, Chaplin, i Monty Python, l’inevitabile Fellini. Ma Andersson alla fin fine è solo se stesso, di quegli autori che sanno costruire un proprio universo rendendolo unico, riconoscibile, mettendoci sopra il proprio marchio. Lo strambo titolo viene da una poesia, o meglio il racconto di una poesia, fatto da una ragazzina differente in uno spettacolino scolastico. Capolavoro, se è ancora consentito frequentare questa parola.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, Dai festival, film, recensioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a VeneziaFestival2014. Recensione: A PIGEON SAT ON A BRANCH… di Roy Andersson. Un piccione che potrebbe diventare leone

  1. Pingback: VeneziaFestival2014. LA MIA CLASSIFICA dei film del concorso (a mart. 2 sett.) | Nuovo Cinema Locatelli

  2. Pingback: VeneziaFestival2014. LA MIA CLASSIFICA dei film del concorso (alla sera di merc. 3 settembre) | Nuovo Cinema Locatelli

  3. Pingback: VeneziaFestival2014. LA MIA CLASSIFICA FINALE dei film del concorso | Nuovo Cinema Locatelli

  4. Pingback: Chi vince a Venezia: I FAVORITI a poche ore dai premi | Nuovo Cinema Locatelli

  5. Pingback: Qui Venezia: il Leone d’oro va al Piccione di Roy Andersson. Meritatamente | Nuovo Cinema Locatelli

  6. Pingback: Venezia,TUTTI I PREMI e le recensioni dei film vincitori (del Concorso e di Orizzonti) | Nuovo Cinema Locatelli

  7. Pingback: Venezi, tutti i premi. E le recensioni dei flm vincitori (del Concorso e di Orizzonti) | Nuovo Cinema Locatelli

  8. Pingback: Venezia, tutti i premi. E le recensioni dei film vincitori (del Concorso e di Orizzonti) | Nuovo Cinema Locatelli

  9. Pingback: Recensione: SOAP OPERA di Alessandro Genovesi. La commedia italiana ambisce all’upgrading (anche se il tentativo non è così riuscito) | Nuovo Cinema Locatelli

  10. Pingback: Il film da non perdere stasera in tv: VITTORIO D. su Vittorio De Sica (giov. 13 nov. 2014) – tv in chiaro | Nuovo Cinema Locatelli

  11. Pingback: I 50 migliori film dei festival 2014 | Nuovo Cinema Locatelli

  12. antonio perolfi scrive:

    Leggo solo ora il suo commento al film; sono completamente d’accordo, soprattutto quando dice che sono più importanti le emozioni provate rispetto al significato delle scene.

Rispondi