TorinoFilmFestival32. Recensione: ARCANA di Giulio Questi. Cinema dal sottosuolo

Arcana di Giulio Questi. Sceneggiatura di Giulio Questi e Kim Arcalli. Con Lucia Bosè, Maurizio Degli Esposti, Tina Aumont. Italia 1972. Presentato al TFF32 nella sezione After Hours/Giulio Questi.
104-Arcana-2Il terzo e più misterioso film del grande irregolare Giulio Questi. Apparso agli inizi degli anni Settanta, scomparso quasi subito in un buco nero, riproposto qui a Torino. Film di inaudita selvaggeria e sofisticate visioni culturali, tra surrealismi e anarchismi alla Buñuel, crudeltà alla De Sade e richiami etnografici alle ricerche di De Martino sul tarantismo. Un demoniaco che innesta il fantastico sul politico-sociologico. Un oggetto cinematografico unico e massimamente perturbante. Con una Lucia Bosè meravigliosa. Voto 9
hqdefaultAlla gremitissima proiezione al cinema Massimo era presente Giulio Questi, 90 anni, uno dei grandi eccentrici del nostro cinema tra Sessanta e Settanta. Solo tre film, Se sei vivo spara, La morte ha fatto l’uovo e Arcana, che sono però bastati a issarlo tra gli autori di culto. Un vero dandy, Questi, che parla con somma sprezzatura e distacco della sua vita professionale, della sua produzione cinematografica. “Il mio è cinema di genere, girare capolavori non è mai stato il mio obiettivo”, ha detto. Il che lo rende ancora più grande, oltre che infinitamente simpatico. In attesa di leggere il libro che gli è appena stato dedicato e raccoglie le memorie di una vita di molti successi e altrettanti clamorosi tonfi e stop, Se non ricordo male (a cura di Domenico Monetti e Luca Pallanchi, edizione Rubbettino), mi sono rivisto qui al Torino Film Festival Arcana, anno 1972, film-maudit e dunque diventato leggendario, circolato pochissimo allora e subito ingoiato da un buco nero. Scritto da Questi con Kim Arcalli, e oggetto cinematografico indefinibile. Cinema sociologico, etnografico, politico. Ma ingabbiato nei modi del genere horror-fantastico. Con anarchismi, follie, surrealtà tra Buñuel (l’ultima parte deve moltissimo a L’angelo sterminatore) e Marco Ferreri. Anche, con quel che di laido, sordido, morboso, malato, perverso così anni Settanta. Qualcosa che oggi non sarebbe non solo irrealizzabile, ma nemmeno pensabile. Una donna venuta a Milano dal Sud, rimasta presto vedova del marito tranciato da un convoglio della metropolitana, e con un figlio a carico, per tirar su un p0′ di soldi si mette a fare la maga-fattucchiera-chiromante-tarocchista attingendo alle pratiche magiche del suo mondo di origine. E anche dietro a questo film, come nel caso di Il demonio di Brunello Rondi, si intravedono le ricerche etnografiche di Ernesto De Martino sugli arcaismi del meridione profondissimo. Il nuovo lavoro rende subito bene, grazie anche alla partecipazione-complicità del figlio, il quale mostra di avere poteri che neanche la madre. Siamo, in pieno mood ’70, in un rapporto paraincestuoso con fremiti erotici del figlio per mamma e di mamma per il figliolo, con ambiguità disseminate lungo tutto il film. Ma un’altra donna scompiglierà l’equilibrio. Scene pazzesche, come l’esorcismo della tarantata laggiù nel Sud, come gli amuleti che il figlio pazzo dissemina per tutta Milano, e sembrano installazioni d’arte avanguardistica. Non sempre il tessuto drammaturgico tiene, le incongruenze sono tante e vistose, ma la potenza della messinscena e lo sguardo autenticamente sadiano di Questi travolgono ancora oggi. La famiglia protagonista si chiama Tarantino, e se non è premonizione questa (Quentin peraltro si è dichiarato ammirarore di Questi), e la scelta del nome da parte dei due autori allude probabilmente al fenomeno del tarantismo studiato da De Martino. Lucia Bosé quale madre-strega è di una bellezza e di una sensualità come neanche la Loren è mai riuscita a essere, il figlio è Maurizio Degli Esposti. E c’è Tina Aumont. Se vi capita, correte (ma come potrà capitare questo film di cui non esiste dvd, e la cui unica copia è probabilmente quella proiettata qui a Torino?).

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, Dai festival, festival, film, recensioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a TorinoFilmFestival32. Recensione: ARCANA di Giulio Questi. Cinema dal sottosuolo

  1. Pingback: Il film imperdibile stasera in tv: LA MORTE HA FATTO L’UOVO di Giulio Questi (dom. 29 genn. 2017, tv in chiaro) | Nuovo Cinema Locatelli

  2. Pingback: Un film-cult stasera in tv: LA MORTE HA FATTO L’UOVO di Giulio Questi (dom. 18 giugno 2017, tv in chiaro) | Nuovo Cinema Locatelli

  3. Pingback: Il film imperdibile stasera in tv: SE SEI VIVO SPARA di Giulio Questi (ven. 21 luglio 2017, tv in chiaro) | Nuovo Cinema Locatelli

  4. Pingback: Un film-cult stasera in tv: SE SEI VIVO SPARA di Giulio Questi (ven. 29 sett. 2017, tv in chiaro) | Nuovo Cinema Locatelli

Rispondi