Venezia 74. E il Leone d’oro va a Guillermo del Toro (The Shape of Water). Gli altri premi, e un commento instant

The Shape of Water, il film Leone d'oro

The Shape of Water, il film Leone d’oro

No, non mi piace questo palmarès, fatto di qualche premio sacrosanto e altri parecchio sballati o al posto sbagliato (un classico di tutti i festival). Ho amato The Shape of Water di Guillermo del Toro, il film sapiente e irresistibile di un maestro del fantastico, solo con qualche riserva sul suo virtuoso correttismo politico, e però mi chiedo se non fosse il caso di dare il Leone d’oro a un film più piccolo e fragile. O più in sintonia con il senso e la tradizione della Mostra del cinema. Come il magnifico First Reformed di Paul Schrader, uscito senza niente (almeno la Coppa Volpi a Ethan Hawke, sant’Iddio) o Mektoub di Abdellatif Kéchiche (che immagino adesso da qualche parte a smaltire la rabbia, e sottolineo immagino). A non piacermi sono soprattutto i due premi a film virtuosamente indignati e al servizio delle buone e un po’ troppo ovvie cause: il primo, per la migliore regia, a una cosa irrisolta e ruffiana come il francese Jusq’à la garde (che si è portato via pure quello per la migliore opera prima, roba da pazzi), il secondo – il premio speciale della giuria – all’australiano pro-aborigeni conculcati Sweet Country di Warwick Thornton (e penso ancora a Kéchiche e Schrader, e non ho parole). Discutibile pure il Leone d’argento a Foxtrot dell’israeliano Samuel Maoz, una macchina da festival con le sue pretenziosità arty e le stimmate dell’impegno smaccatamente esibite. Ineccepibili invece la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile a Charlotte Rampling, una leggenda – standing ovation, meritata, l’unica della serata – e il premio Mastroianni al ragazzino Charlie Plummer, per lo straziante, bellissimo e sottovalutato Lean on Pete. Niente da eccepire nemmeno sul premio alla migliore sceneggiatura assegnato a Martin McDonagh per Tre manifesti fuori Ebbing, Missouri, che è davvero un film squisitamente di scrittura. Dimenticavo la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile a Kamel El Basha, l’attore palestinese di una delle sorprese del concorso, il libanese The Insult. Attore di teatro qui, come ha detto nel suo speech di ringraziamento, al suo primo film. Bravo, per carità. Ma perché non premiare con un ex aequo anche l’altro protagonista dell’Insulto, bravo e fondamentale quanto lui? (pensiero cattivo: forse perché interpreta il ruolo meno politicamente corretto di un cristiano maronita?). Ignorati dalla mediocre giuria i due migliori del concorso, e scusate se insisto ma è il vero scandalo, il capolavorissimo First Reformed di Paul Schrader e Mektoub, l’opera più radicale e coraggiosa di Kéchiche. Ignorati pure Guédiguian, autore di un film pieno di sottigliezze e malinconie, e la leggenda del cinema-documento Frederick Wiseman (che non ha portato però a Venezia il suo film migliore). Grazie a Dio almeno ci siamo risparmiati nel palmarès il temuto cinese ‘dalla parte delle bambine’ Angels Wear White e il trombonesco colossal sui migranti Human Flow di Ai Weiwei. Anche alle sciagure ci dev’essere un limite.
Qui di seguito il palmarès del concorso Venezia 74 (alla pagina del festival trovate la lista completa, con anche i premiati di Orizzonti, della Virtual Reality ecc.). Cliccare sui link per la recensione di questo blog.

LEONE D’ORO per il miglior film
The Shape of Water di Guillermo del Toro

Leone d’argento – Gran Premio della giuria
Foxtrot di Samuel Maoz

Leone d’argento – Premio per la migliore regia
Xavier Legrand per Jusqu’à la garde

Coppa Volpi per la migliore attrice
Charlotte Rampling per Hannah di Andrea Pallaoro

Coppa Volpi per il migliore attore
Kamel El Basha per The Insult di Ziad Doueiri

Premio per la migliore sceneggiatura
Martin McDonagh per Three Billboards Outside Ebbing, Missouri

Premio speciale della giuria
Sweet Country di Warwick Thornton

Premio Mastroianni a un giovane attore o attrice emergente
Charlie Plummer per Lean on Pete di Andrew Haig

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, Dai festival, festival, film, premi e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Venezia 74. E il Leone d’oro va a Guillermo del Toro (The Shape of Water). Gli altri premi, e un commento instant

  1. heuresabbatique scrive:

    Anche a me il palmares di quest’ anno è sembrato folleggiante pur non avendo visto tutti i film del concorso, anzi ne ho visti solo 5, quindi sono la persona forse meno titolata a parlarne, tuttavia mi permetto di fare due annotazioni a prorposito di questa chiusa del festival. Anzitutto Del Toro, che a me è sembrato il contrapasso, forse necessario se si è di fede darvinista, per certe scelte aristocratiche degli anni passati, e penso a Sokurov, Lav Diaz (in particolare). Insomma un compromesso perfetto: un regista con una poetica personale, ma che rinuncia ad un approccio con il pubblico che sia di mortificazione e desertificazione degli istinti più bassi: l’ intrattenimento. Anzi dell’ intrattenimento Del Toro, che io personalmente non ho mai troppo amato, ha sempre fatto un arma a suo favore. Però si un festival, anzi una mostra d’ arte cinematografica dovrebbe, come scrivi, (in)seguire la fragilità di certe opere, la marginalità di certe visioni personali. Beh non mi sembra però un Leone d’ oro scandaloso. Pur non avendo visto tutti i film del concorso, Samuel Maoz, di cui ho visto il film, non mi sembrava che potesse andare a premi per la qualità intrinseca, poi ovvio una macchina da festival, con la sua costruzione, la sua danza sarebbe da dire, dato il titolo è la trama, e la drammaturgia del suo film in Concorso. Mi è spiaciuto per Wiseman, poteva essere l’ occasione per dare un premio ad un maestro assoluto, per la prima volta a Venezia in Concorso. Occasione mancata. Ma per fortuna, mia devo dire, nulla di troppo peso a The Insult, film irritante, fino al prurito per me. Anche per come l’ ho visto trattare. Tutti a parlarne benissimo, quando per me si tratta di un prodotto mediocrissimo. Ma la cosa più ignobile l’ ha fatta Amelio con due preni all’ iraniano No Date, No Signature, film troppo troppo furbo, e così poco originale. Amelio che ha avuto il merito di premiare un film, in parte deludente, ma che ha osato che è Caniba. Peccato che non abbiamo premiato The Night I Swam di Manivel e Kohei, una delle cose più belle della Mostra. Sacrosanto il premio Venezia Classici al film di Klimov, un capolavoro e anche un restauro superlativo. Io avrei premiato forse il film di Nacer Khemir, un film che mi ha sedotto, nella sua irriducibile forma di cinema, ma come restauro più in fieri. E quindi forse meno idoneo. Si infine peccato per Schrader ma forse come dicevi e scrivevi tu la sua idea di cinema è troppo radicale, è radicalmente altra. Non avendo intercettato il sul First Reformed, nel periodo di permanenza al Lido, spero in una qualche coraggiosa distribuzione. La speranza come si sa è sempre l’ ultima a morire.

  2. Pingback: Venezia 2017, un bilancio. Buon festival, ma per favore non parliamo di sorpasso su Cannes | Nuovo Cinema Locatelli

  3. Pingback: Venezia 2017, il mio bilancio. Buon festival, ma per favore non parliamo di sorpasso su Cannes | Nuovo Cinema Locatelli

Rispondi