Rivedere Kevin Spacey stasera in tv: AMERICAN BEAUTY (mart. 14 nov. 2017, tv in chiaro)

American Beauty, Rete 4, ore 23,29. Martedì 14 novembre 2017.Schermata 2017-11-14 alle 14.02.400112Nel momento della rovinosa caduta di Kevin Spacey, ecco che Rete 4 (coincidenza o qualcosa di più?) ce lo fa rivedere stasera nella sua cineperformance massima, quella che lo portò all’Oscar, insomma American Beauty. Clamoroso successo degli anni 1999 e 2000, una paccata di soldi incassati in tutto il mondo, quando anche un film non a effetti speciali, non supereroistico, non animato aveva la chance di sfondare sul mercato globale. Il che oggi sembra fantascienza. O archeologia cinematografica. Arrivarono in tutto 5 Oscar: oltre a Spacey, miglior film e migliore regia a Sam Mendes. Un debutto folgorante, quello del fino allora regista di teatro (britannico) Mendes, che azzecca l’opera della vita, qualcosa che poi non riuscirà più a replicare, anche se ritengo i suoi due Bond, Skyfall e Spectre, assolutamente meravigliosi (sì, anche Spectre, registicamente perfino suoperiore al precedente, con invenzioni quali il piano sequenza iniziale a Città del Messico). American Beauty è un torbidissimo, malsano ritratto dei suburbia americani e dei vizi nascosti dietro e sotto la normalità, secondo la vecchia lezione lynchiana di Velluto blu. Un uomo qualunque di nome Lester trascina la sua stanca vita di quarantenne e qualcosa con una moglie e una figlia che lo disprezzano, e consolandosi con piccolissimi vizi come la masturbazione sotto la doccia (please, evitiamo di sovrapporre alla luce della cronacaccia d’oggidì attore e personaggio)Finché non perderà il senno per una compagna di scuola della figlia, e sarà un’eplosione degli istinti e della fantasie, sessuali e non. Mollata la famiglia, il timido everyman crede di aver finalmente scoperto il vero sé, ma le cose si riveleranno pià complicate, ovvio. E sarà un crescendo paranoico. Con Kevin Spacey ci sono Annette Bening e Mena Suvari. La fantasia erotica a base di petali di rosa entrerà nel famoso immaginario collettivo.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi