23 film stasera in tv (dom. 7 genn. 2018, tv in chiaro)

The Oath

Marigold Hotel

Cliccare il link per la recensione. Le schede possono riferirisi a precedenti messe in onda del film o alla sua uscita in sala.

Mani di velluto, Iris, ore 20,59.
Uno dei tanti film programmati in questi giorni in tv per celebrare gli 80 anni di Adriano Celenano. Spaventoso successo all’epoca – correva l’anno 1979 – come del resto succedeva a tutti i prodotti della ditta Castellano & Pipolo. I quali, poggiandosi a divi popolari come Adriano Celentano e Renato Pozzetto, recuperarono in chiave medio-bassa e plebea la commedia carina e piccoloborghese dei telefoni bianchi. Con qualche strizzata d’occhio perfino alla sophisticated e screwball comedy americana. Certo, cinema al grado zero per assenza di ogni eleborazione e azzardo linguistici, narrativi, strutturali, stilistici, che però al pubblico piacque immensamente. Mani di velluto è forse la meno corriva e più carina delle commedie del duo, con il suo protagonista (Celentano) inamorata di una ladra di mestiere (Eleonora Giorgi, e già questo cultizza il film). Diciamo che Mani di velluto ruba qualcosa perfino a Mancia competente di Lubitsch.
Frontera, Cine Sony (55 dt), ore 21,00.
Un immigrato clandestino dal Messico (avete in mente il famoso muro di Donald Trump?) viene accusato ingiustamente di omicidio. Salterà fuori un verminaio di corruzioni e razzismi. Con Ed Harris e Eva Longoria.
The Oath – Il giuramento, Rai 4, ore 21,00.
Ritorno in Islanda dopo qualche film a Hollywood, anche di ottimo successo, di Baltasar Kormákur (Contraband, Everest). Un noir psicologico con un padre che, per salvare la figlia tossicomane, cerca di far fuori il pusher.
Marigold Hotel, Rai Movie, ore 21,10.
Il primo, il fondativo e il migliore (il sequel, messo presto in antier, paramount channel, cine sony, capri television, e per sfruttarne l’enorme e inaspettato successo, sarà molto più fiacco). E il perfetto film per il pubblico della terza e quarta età che, latitando ormai nella sale i venti e trentenni, costituisce il nerbo pagante del cinema non-blockbuster. La storia è di quelle di spiritosità british (un marchio di fabbrica). Un gruppo di pensionati inglesi variamente assortiti, si va dalla copia al maturo gay che non lo dice alla bizzarra lady dal carattere impossibile, decide di andare a vivere in India, a Jaipur, nel Marigild Hotel. Spacciato su internet come un paradiso di grandeur e comfort coloniali, si rivelerà invece un palazzo sì meraviglioso, ma in disfacimento. I nostri resteranno e scopriranno comunque la dolcezza del vivere. Con Judi Dench e Maggie Smith dominanti a far proprio il film. Dirige John Madden.
Code Name: Geronimo. Killing Bin Laden, Rai Storia, ore 21,10.
L’operazione che portò in Pakistan un pugno di Navy Seals a stanare e uccidere Bin Laden ricostruita in un onesto film per la tv. Buono, ma non all’altezza di Zero Dark Thirty di Kathryn Bigelow sullo stesso tema.
L’incredible storia di Winter il delfino, la5, ore 21,10.
Enorme successo qualche anno fa al box office americano, meno in Italia. Un delfino salvato da una trappola ma rimasto senza la coda, verrà accudito-adottato da un bambino e ritroverà la sua efficienza fisica dopo un intervento ricostruttivo. Ispirato a un fatto verissimo di cronaca. Edificante. Perfetto per chiudere televisivamente il tempo natalizio.
Three Kings di David O. Russell, Paramount Channel (27 dt), ore 21,10.
Shame, Cielo, ore 21,15.
Il fuggitivo, Rete 4, ore 21,15.
Solomon Kane, Tv8, ore 21,15.
Free State of Jones, Rai3, ore 21,20.
Hunger Games, Italia 1, ore 21,20.
Piume di struzzo, la7d, ore 21,30.
La versione americana del Vizietto. Con Robin Williams nella parte che fu di Tognazzi. Meno corrivo di quanto ci si potesse aspettare, grazie alla regia di un signore della mdp come MIke Nichls e all’acuminatissima sceneggiatura di Elaine May.
Escalation di Roberto Faenza, Capri Television (66 dt), ore 22,30.
Silverado, Cine Sony (55 dt), ore 22,50.
Sabato, domenica e venerdì, Iris, ore 23,03.
Altro Celentano-movie trasmesso in occasione dei suoi 80 anndeil signore del nostro rock e dei silenzi televisivi. Che qui interpreta uno dei tre episodi quale impresario di una compagnia di ballo costretto a inventarsene di ogni per trattenere la prima ballerina.
Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo. Rai 5, ore 23,06.
Top Gun, Paramount Channel (27 dt), ore 23,10.
Baise-moi, Cielo, ore 23,10.
Il caso Kerenes, Rai Movie, ore 23,15.
Via da Las Vegas, Rete 4, ore 0,02.
Jump Street, Rai 4, ore 1,07.
Cercasi Gesù con Beppe Grillo, la7, ore 1,10.
Per chi ama Beppe Grillo (io no), attenzione, questo è il suo esordio al cinema (anno 1982). Disastroso. Casa editrice cattolica cerca qualcuno che abbia una faccia da Gesù per campagna promozionale. Trovano Grillo, strano hippie vagabondeggiante. Un flop, benché alla regia ci fosse lo squisito Comencini. Grillo non riuscirà mai più a sfondare nel cinema. C’è anche la Maria Schneider di Ultimo Tango.
Febbre da cavallo, Iris, ore 1,12.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi