Film stasera in tv: ONE HOUR PHOTO con Robin Williams (mart. 23 genn. 2018, tv in chiaro)

One Hour Photo di Mark Romanek, Paramount Channel (29 dt), ore 21,10. Martedì 23 gennaio 2018.
L’altra faccia di Robin Williams, troppo spesso confinato in film per il pubblico family della domenica, e invece attore inquieto e capace di calarsi in ruoli disturbanti. Come in questo abbastanza cultistico One Hour Photo, anno 2003, dove è uno psicopatico, come poi lo sarà in Insomnia di Christopher Nolan. Impiegato nel corner di sviluppo fotografie di un grande magazzino – quando ancora si portavano a stampare foto e la rivoluzione digitale non si era ancora del tutto compiuta -, Seymour è un uomo incolore che vive attravrso le vite degli altri. Quelle che intuisce o si inventa dalle immagini che gli portano. È attratto specialmente dagli Yorkin, la famiglia perfetta, marito e moglie govani e belli, e figli altrettanto perfetti. Fino a duplicarne le immagini e conservarle a casa, in una deriva voyeuristica e fetcistica che mina il suo già precario equilibrio psichico. Quando si renderà conto che quella famiglia senza macchia da lui idealizzata ha in sé i germi dell’imperfezione e della distruzione, scenderà in campo, e diventerà un uomo molto pericoloso. Diretto da Mark Romanek, One Hour Photo allarma per come rivela, profeticamente, la schiacciante prevalenza nella nostra contemporaneità dell’immagine e della rappresentazione sul reale. Fu un buon successo arthouse e per Robin Williams un’importante affermazione. One Hour Photo venne proiettato al festival di Locarno 2014 in omaggio a Robin Williams, appena scomparso nel modo tragico che sappiamo. E Connie Nielsen, co-protagonista del film di Romanek e presente a quel Locarno quale membro della giuria, lo ricordò senza toni retorici e con vera partecipazione. Fu una giornata, e una serata, particolare al festival. Alle 23,45 doveva essere proiettato in Piazza Grande La venere in pelliccia come celebrazione di Roman Polanski, per il quale era stato previsto un premio alla carriera, ma dopo le polemiche innescate da un giornale locale per i trascorsi giudiziari del regista polacco-francese, Polanski declinò. E il suo film venne spostato a notte fonda e sostituito da One Hour Photo. Curiosita: il giovane marito-padre del film di Romanek è Michael Vartan, nipote dela cantante yé-yé anni Sessanta nonché ex moglie di Johny Hallyday Sylvie Vatan.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi