Tre maratone OSCAR a Milano, sabato 3 e domenica 4 marzo

Sono ben 3 le maratone organizzate a Milano tra sabato 3 e domenica 4 marzo con film variamente candidati all’Oscar.

1) La più imponente (oltretutto a ingresso libero) è quella di Vanity Fair al cinema The Space Odeon sala 2. Dove a partire dalle 10,00 di sabato 3 marzo si proietteranno tutti i 9 film candidati all’Oscar quale miglior film dell’anno, il più importante e ambito.
Il primo è Dunkirk di Chistopher Nolan (sabato 3 mrzo ore 10,00), l’ultimo Lady Bird di Greta Gerwig (domenica 4 marzo ore 21,00). Gli altri: L’ora più buia di Joe Wright (3 marzo, h. 12,30); Get Out – Scappa di Jordan Peele (3 marzo, h. 15,30); Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino (3 marzo, h. 18,00); Il filo nascosto di Paul Thomas Anderson (3 marzo, h. 21,00); Tre manifesti a Ebbing, Missouri di Martin McDonagh (4 marzo, h. 11,00); The Post di Steven Spielberg (4 marzo, h. 14,00); The Shape of Water – La forma dell’acqua di Guillermo Del Toro (4 marzo, h. 17,20).
Quest’anno, non capita così di frequente, tuti i nominati meritano di essere visti. L’ingresso alla maratona Oscar di Vanity Fair – val la pena ripeterlo – è libero fino a esaurimento posti, è necessario però prenotare il biglietto sul sito
(il link: www.vanityfair.it/oscar2018). Tutti i film sono in VO con sottotitoli.

Tre manifesti a Ebbing, Missouri

2) Il cinema Beltrade proietta invece domenica 4 marzo i cinque candidati all’Oscar come migliore film in lingua straniera. Tutti belli e altamente consigliati, e l’occasione di poterli vedere nello stesso giorno e nella stessa sala è imperdibile. Ancora una volta il Beltrade si distingue per la sua cinefilia. Il programma – e relative schede dei film – lo trovate sul sito, io mi limito a riportare titolo e ora di proiezione.
L’insulto di Ziad Doueiri (Libano). Ore 16,00.
Corpo e anima di Ildikó Enyedi (Ungheria). Ore 18,00.
Una donna fantastica di Sebastian Lelio (Cile). Ore 20,10.
Loveless di Andrey Zvyagintsev (Russia). Ore 22,10.
The Square di Ruben Östlund (Svezia). Ore 23,59.
I favoriti all’Oscar sono Una donna fantastica e The Square, io però spero vinca Loveless, di gran lunga il migliore della cinquina.

Loveless

3) Corti da Oscar domenica 4 marzo nella sala di recentissima apertura Il Cinemino, via Seneca 6, tel. 02 35948722, e nel vicino, ormai storico, Teatro Parenti. Occasione da non perdere per vedersi i cinque corti candidati nella categoria live action e i cinque in corsa invece per l’Oscar del migliore corto di animazione.
I titoli e le schede li trovate sul sito del Cinemino cliccando i link qui sotto. Il programma:
Corti da Oscar – Live Action, domenica 4 marzo: Cinemino ore 19,10 e Teatro Parenti ore 20,40.
Corti da Oscar – Animazione, domenica 4 marzo: Teatro Parenti ore 19,00 e Cinemino ore 21,00.
La serata continua al Cinemino con la proiezione della cerimonia di consegna degli Oscar.

My Nephew Emmett

Questa voce è stata pubblicata in al cinema, cinema, Container, film, Oscar, premi e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi