20 film stasera in tv (sab. 7 aprile 2018, tv in chiaro)

Tilda Swinton in ‘… e ora parliamo di Kevin’ di Lynne Ramsey

‘Angèle et Tony’ di Alix Delaporte

Cliccare il link per la recensione di questo blog. Alcune schede si riferiscono a precedenti messe in onda o all’uscita del film.

Il prescelto, Iris, ore 20,59.
Eva contro Eva di Joseph L. Mankiewicz, Capri Television (66 dt), ore 21,00.
A good marriage, Rai 4, ore 21,03.
Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino, 20 (canale 20 dt), ore 21,10.
Il coraggio della verità di Edward Zwick, Rai Movie, ore 21,10.
Denzel Washington quale colonnello incaricato di un’inchiesta sulla morte di una elicotterista durante la guerra del Golfo. Niente è quano sembra, tutto contraddice la versuone ufficiale data inizialmente dei fatti. E il  buon colonnello scoperchierà un verminaio.
Amici, amanti e… di Ivan Reitman, Paramount Channel, ore 21,10.
Commedia del glorioso Ivan Reitman (Ghostbusters) con Natalie Portman e Ashton Kutcher che da amici si trasformano in amanti. Con imprevedibili conseguenze.
Viva! Viva Villa!, Spike (49 tv), ore 21,15.
La rivoluzione messicana di Pancho Villa secondo Hollywood, in un film del 1968 diretto da Buzz Kulik con dentro una qualche consonanza con certi coevi western italiani tipo Tepepa o La resa dei conti. Robert Mitchum è un aviatore americano cui il caso fa incontrare Pancho Villa (un improbabile Yul Brinner): sarà strana ma solida amicizia tra i due, mentre intorno si fa la revolución. Con Charles Bronson e, incredibilmente, Maria Grazia Buccella in trasferta hollywoodiana.
Chissà perché… capitano tutte a me, Nove, ore 21,25.
Bud Spencer-movie dove il nostro attore oversize è uno sceriffo che ha preso sotto la sua protezione un bambino alieno. Sì, venuto dallo spazio. Loro due contro tutti, in una favola con quacle scazzottata diretta nel 1980 da Michele Lupo.
Action di Tinto Brass, Cielo, ore 21,20, replica alle 0,15.
Lady Henderson presenta di Stephen Frears, la7d, ore 21,30.
Liberami, un documentario di Federica Di Giacomo, Rai Storia, ore 22,08.
L’uomo leopardo di Jacques Tourneur, Capri Television (66 dt), ore 22,30.
… e ora parliamo di Kevin di Lynne Ramsey, Rai 4, ore 22,45.
L’esercito delle dodici scimmie di Terry Gilliam, Iris, ore 23,13.
Non sono un grande estimatore di Terry Gilliam (che conta comunque su un bel gruppo di devoti), lo ritengo un enorme talento ingorgato e autoreferenziale che continua a girare a vuoto in una orsonwellesiana sala degli specchi. Però il suo cinema bigger than life merita rispetto, anche se qualcuno un giorno deve avergli detto che è il nuovo Fellini e lui gli ha creduto. L’esercito delle dodici scimmie è ancora uno dei suoi film digeribili. E poi c’è il richiamo di star come Bruce Willis e Brad Pitt.
Michel Petrucciani – Body & Soul, Rai 5, ore 23,21.
Braveheart di Mel Gibson, Nove, ore 23,25.
Dopo che la propaganda leghista (bossiana, presalviniana) se n’è impossessato, sarà ancora possibile rivedere questo film con obiettività, per quello che semplicemente è, senza pregiudizi favorevoli o sfavorevoli? L’epopea dell’eroe nazionale di Scozia William Wallace che nel 1200 lotta per ridare la libertà al suo popolo insidiato dalle mire della corona inglese resta un grande spettacolo, benissimo interpretato e orchestrato da Mel Gibson, anche regista. Scene di battaglia di esatta crudezza e senza bellurie estetizzanti, film fisico e anche rozzo, ma molto efficace. Mel Gibson fece capire a tutti al tempo di Braveheart (1995) di non essere solo un attore muscolare ma anche un regista muscolare, già voyeuristicamente intrigato dalle membra percosse, mutilate, martoriate come poi si sarebbe visto benissimo in The Passion. Braveheart è il prototipo ben riuscito di ogni successivo film di riscatto etnico. Pioggia di Oscar. Oggi da ruvedere anche alla luce del ritorno registico di Mel Gibson con il bellissimo La battaglia di Hacksaw Ridge.
Top Secret! di Abrahams & Zucker, la7d, ore 23,25.
Angèle et Tony di Alix Delaporte, Rai Movie, ore 0,40.
Grindhouse – A prova di morte di Quentin Tarantino, 20 (canale 20 dt), ore 0,45.
L’ultima vacanza di Wayne Wang, Paramount ChaDidier, nnel, ore 1,00.
Commedia del 2006 diretta dall’un tempo regista indie-newyorkese Wayne Wang e qui mesosi al servizio di Queen Latufah. Che è un’impiegata di un megastore cui viene diagnosticato (ma tranquilli, trattasi di falsa diagnosi) un cancro. Sicché decide di godersi il poco tempo che le resta raggiungendo nella Repubblica Ceca la città termale di Karlovy Vary dove opera uno chef da lei idolatrato. Niente di che, ma Karlovy Vary (sede anche di un glorioso film festival) con le sue atmosfere Belle Epoque merita da sola la visione. Lo chef è Depardieu.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi