24 FILM stasera in tv (dom. 10 giugno 2018, tv in chiaro)

Jackie Brown

Lucy

Cliccare il link per la recensione di questo blog. Alcune schede si riferiscono a precedenti messe in onda.

Sciuscià di Vittorio De Sica, Rete Capri (66 dt), ore 21,00.
L’allenatore nel pallone di Sergio Martino, Iris, ore 21,00.
Closer di Mike Nichols, Cine Sony (55 dt), ore 21,00.
Royal Affair, Rai Storia, ore 21,09.
Il velo dipinto di John Curran, la5, ore 21,10.
Shame di Steve McQueen, Cielo, ore 21,15.
G’olé, Mediaset Extra (34 dt), ore 21,15.
Si continua con la messa in onda sui vari canali di film che ricostruiscono le passate Coppe del mondo, mentre la nuova sta ormai per cominciare. Questo G’olé, crasi orrenda di Gol e Olé, va a ricostruire fasi iniziali, inntermedie e finali del Mondiale 1982. Sì, quello della vittoria della nazionale di Bearzot. I giorni dell’urlo di Tardelli, di Pertini e Juan Carlos affiancati sugli spalti, della partita a carte in aereo tra Dino Zoff e Pertini. Di questi dettagli che fan parte della nostra memoria sportiva e collettiva c’è poco purtroppo in G’olé, documentario ufficiale (di produzione inglese) di quella World Cup.
Lucy di Luc Besson, Italia 1, ore 21,20.
Dr. Knock, Canale 5, ore 21,25. Prima tv.
L’esercito delle dodici scimmie di Terry Gilliam, Mediaset Italia2, ore 21,30.
Non sono un grande estimatore di Terry Gilliam (che conta comunque su un bel gruppo di devoti), lo ritengo un enorme talento ingorgato e autoreferenziale che continua a girare a vuoto in una orsonwellesiana sala degli specchi. Però il suo cinema bigger than life merita rispetto, anche se qualcuno un giorno deve avergli detto che è il nuovo Fellini e lui gli ha creduto. L’esercito delle dodici scimmie è ancora uno dei suoi film digeribili. E poi c’è il richiamo di star come Bruce Willis e Brad Pitt.
La ragazza che giocava col fuoco, la7d, ore 21,30.
Cineversione scandinava di uno dei romanzi di Stieg Larsson, tutti girati parecchio prima che David Fincher realizzasse la sua versione americana di Uomini che odiano le donne. Stavolta siamo alla seconda puntata della saga, con Michael tornato alla direzione del giornale Millennium e la punk-detective-hacker Lisbeth sospettata di un delitto. Chiaro che è innocente. Con Noomi Rapace, la prima e vera Lisbeth che Rooney Mara non è riuscita a oscurare.
Frenesia dell’estate di Luigi Zampa, Rete Capri (66 dt), ore 22,30.
Uno dei film meno ricordati – è dell’anno 1963, momento aureo del nostro cinema – di Luigi Zampa, uno dei maestri della commedia all’italiana, soprattutto della sua forma più deformata e grottesca. Qui, con l’aiuto determinante della sceneggiatura co-firmata da Age e Scarpelli e Mario Monicelli, Zampa realizza uno di quei piccoli e chiaroscurati affreschi di estate italiana con microstorie e vari personaggi che si intrecciano in una località di mare, in questo caso Viareggio. Amori nascenti, amori declinanti, tradimenti, piccole e grandi avidità, equivoci, inganni, disinganni. E che cast: Amedeo Nazzari, Vittorio Gassman, Sandra Milo, Michèle Mercier, Lea Padovani, Philippe Leroy, Philipe Noiret e perfino Maria Cumani Quasimodo, moglie del premio Nobel.
Tin Men – 2 imbroglioni con signora di Barry Levinson, Rai Movie, ore 22,45.
Commedia anni Ottanta pazza e brillante-amara del molto eclettico Bary Levinson, che qui torna indietro agli anni kennediani per raccontare di due venditori, acerrimi rivali, di porte e finestre di alluminio. Si faranno parecchio del male, con questioni di corna a peggiorare ulteriormente le cose, ma si ritroveranno dopo tanto battagliare a dover far fronte insieme alle difficoltà del mestiere e della vita. E intanto l’era Kennedy finisce, e insieme finiscono parecchie illusioni americane. Da recuperare. Con la formidabile coppia di opposti Richard Dreyfuss e Danny De Vito. Occhio a Barbara Hershey e al cult actor Seymour Cassel.
Diabolique, Cine Sony, ore 22,55.
Fu un clamoroso flop questo remake hollywodiano del classicissimo noir I diabolici di Clouzot. Con Sharon Stone e Isabelle Adjani nei ruoli di incube e succube che erano stati di Simone Signoret e Vera Clouzot. Diabolique è diventato nel tempo un culto camp.
Jackie Brown di Quentin Tarantino, Paramount Channel, ore 23,00.
Mezzo destro e mezzo sinistro – 2 calciatori senza pallone di Sergio Martino, Iris, ore 23,12.
Dopo i trionfi di L’allenatore nel pallone, Sergio Martino ritorna alla commediaccia footballistica l’anno dopo – è l’85 – con questo film dal titolo impossibile. Stavolta si punta decisi sulla coppia basso-comica Gigi & Andrea quali calciatori non di primissima fascia che si prenderanno dopo qualche vicissitudine la loro rivincita. Solo per cultori del genere.
Tamara Drewe di Stephen Frears, Rai 5, ore 23,16. Anche su RaiPlay.
Anna, quel particolare piacere di Giuliano Carnimeo, Spike tv (49 dt), ore 23,20.
Titolaccio da soft porno. Ma questo film di uno dei più prolifici e eclettici (nel senso di pronti a tutto) registi del nostro cinema bis tra Sessanta e primi Ottanta, Giuliano Carnimeo, è qualcosa di più complesso, pur restando consapevolmente nei confini del cinema ultrapopolare. Un film che è insieme erotico, melodramma, noir. Anna è la donna di un boss del narcotraffico (siamo nella Milano della mala dei primi ’70, quella di Di Leo e di tanti poliziotteschi) e, quando lui finirà carcerato, lei si ritroverà sola con il bambino di cagionevolissima salute che intanto ha avuto. Ad aiutarla, e a farla innamorare, ci sarà un giovane medico. Ci sono tutte le premesse del dramma, che puntualmente deflagrerà quando il boss se ne uscirà di galera. Con Edwige Fenech, Corrado Pani e ‘il padrino’ Richard Conte.
Due prostitute a Pigalle (Zig-Zig), Cielo, ore 23,20.
Uno dei non molti disastri, di critica e di pubblico, nella carriera formidabile di Catherine Deneuve. Un film del 1975 firmato dall’attore e qui regista Laszlo Szabo che mescola arditamente, e senza riuscirci, musical, noir e melodramma. Una stravaganza e, a guardarla oggi, una rarità preziosa per cinefili matti e Deneuve-dipendenti. Oltretutto, accanto alla somma Catherine c’è un’altra delle signore del cinema d’autore francese di allora, Bernadette Lafont. Insieme cantano e ballano in un equivoco cabaret e, per arrotondare e comprarsi l’agognata villa delle acanze, si prostituiscono. Ma resteranno invischiate in un bruttissimo caso, il rapimento della moglie di un loro cliente. Titolo italiano sciaguratissimo, anche se pure l’originale Zig-Zig non è granché. Ci sono i nostri Walter Chiari e Tino Carraro per ragioni coproduttive. Straculto sicuro.
Alex Cross, la memoria del killer, Rai 4, ore 23,27.
Mission: Impossible III, canale 20, ore 23,30.
Pat Garrett e Billy the Kid di Sam Peckinpah, Rai Movie, ore 0,40.
Ulisse di Mario Camerini (Fuori orario), Rai 3, ore 1,10. Anche su RaiPlay.
Giovannona coscialunga, disonorata con onore, Spike tv (49 dt), oe 1,10.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi