Recensione: WAJIB, un film di Annemarie Jacir. Invito a nozze per palestinesi d’Israele

969530Wajib – Invito al matrimonio, di Annemarie Jacir. Con Mohammed Bakri, Saleh Bakri. Al cinema da giovedì 19 aprile distribuito da Satine Film.
969529Wajib è, nella sua forma di classico wedding movie, una finestra, e anche di più, spalancata su un modo poco conosciuto e spesso distorto come quello dei palestinesi d’Israele (e, in questo caso, palestinesi di religione cristiana). Nazareth: un padre gira insieme al figlio per la città a consegnare a parenti e amici l’invito alle nozze della figlia. Ed è il pretesto per entrare in molte case e raccontarci storie illuminanti. Voto 7 e mezzo
969525Cosa intendiamo per film palestinese? Che sia prodotto nei territori dell’autorità palestinese? Che autori e attori appartengano ai territori? E se sono invece palestinesi di nazionalità e passaporto israeliano – non tutti sanno, anche se tutti dovrebbero saperlo, che in Israele vivono almeno 600mila arabi – che marchio dobbiamo imprimere al film? Forse il criterio migliore, anche se il meno oggettivo, è basarsi sulla cultura, la lingua, l’antropologia, l’appartenenza identitaria. E allora Wajib è indubitabilmente palestinese.
Siamo a Nazareth, città araba in territorio israeliano (ma con periferie e nuovi insediamenti sempre più massicciamente ebraici). E il mondo che si va a indagare è tutto e solo plaestinese, ed è un mondo, messo sotto la lente dalla regista Annemarie Jacir, che si rivela assai più sfrangiato di quanto l’informazione media ci fornisca, e di come venga descritto attraverso la gabbia della politica e dell’ideologia. Annemarie Jacir appronta un’abbastanza classica wedding comedy, ma ne fa lo strumento per entrare nella vita di una comunità, per mostrarcene usi, costumi e tratti antropologici, la sospensione e la divisione tra nostalgie tradizionaliste e una modernità spesso ottusamente adottata. E ancora, le complicate relazioni con gli israeliani, il diverso schierarsi rispetto al nazionalismo palestinese e antisraeliano. Tutto nei toni sorridenti, almeno nella prima parte, della commedia di modi, costumi, caratteri, molto ben scritta, e solo un filo troppo lunga. Ma Wajib (in arabo: dovere, obbligo, compito, mansione, incarico) è assai godibile, centra parecchi bersagli, soprattutto apre una finestra su una palestinità assai quotidiana, lontana dal cliché dell’eterna intifada.
Un padre di nome Abu Sahid fa il giro con il figlio trentenne di parenti e amici per consegnare a mano, secondo la tradizione, gli inviti per le nozze della figlia. Abu Sahid è uomo intelligente e rispettato. Non fanatico. Insegnante nella locale scuola, ha tirato su generazione di ragazzi, per strada lo fermano, lo salutano, lo ringraziano. Sua moglie, la madre dei suoi due figli, l’ha lasciato molti anni prima per andarsi a sposare in America un altro uomo. Un’onta per un maschio arabo, ma Abu Sahid è troppo intelligente e pragmatico per autodisprezzarsi. Quei due figli li ha allevati da solo, non ha perdonato la moglie, ma non coltiva desideri di vendetta. Il figlio, architetto, si è trasferito a Roma, dove ha trovato lavoro e si è fidanzato con la rampolla di un esponente della nomenclatura politica palestinese esiliato da Israele.
È dicembre, di lì a qualche settimana sarà Natale, le case sono addobbate, albero e presepe, dal che scopriamo che Abu Sahid è un palestinese cristiano, e come lui lo sono gran parte dei parenti cui va a consegnare l’invito. Sconcerto dopo il press screening al festival di Locarno 2016 dove Wajib è stato presentato in concorso (senza ricevere premi): ma come, ci sono arabi cristiani? e ci sono arabi in Israele? e ci sono arabi cristiani in Israele? ma allora che lingua parlano? l’israeliano? (intendendo, gli sciagurati: l’ebraico). La sagra dell’ignoranza, oltretutto soddisfatta e orgogliosa di sé. Ma passiamo oltre che è meglio.
Nel loro distribuire inviti (in puro Nazareth-style, autoironizza il figlio europeizzato al telefono con un qualche amico straniero o con la fidanzata: non ricordo) incontrano zie savie e zie matte con l’insana passione dell’interior decoration di gusto un filo greve-mediorientale. C’è l’ex ragazza del figlio e la compagna di classe del padre ancora innamorata di lui. C’è la casa vuota di chi si è arruolato nell’Isis (detto giustamente, all’araba, Daesh), e ci sono amici, ex amici, quasi nemici. Un mondo totalmente separato dagli ebrei israeliani o che ha con loro solo rapporti funzionali. E quando il figlio vede in un caffè due soldati di Tsahal si lamenta di quell’intrusione  in uno spazio tradizionalmente palestinese, mentre il padre minimizza. Continua a leggere

Pubblicato in al cinema, cinema, Container, film, recensioni | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Recensione: DOPPIO AMORE, un film di François Ozon. Puro cinema, un esercizio di alta acrobazia cinefila

649ba0e9b125e78fab5791feaaa2caac804cdaf4fe6ac641a446a0feb9dc443fDoppio amore (L’amant double), un film di François Ozon. Con Marine Vacth, Jérémie Renier, Jacqueline Bisset. Al cinema da giovedì 19 aprile distribuito da Academy Two.
6b558382504a034852bd1c175393552eQuanti sghignazzi e buuh a Cannes 2017. Eppure Ozon, da quel cine-citazionista che è, rivisita con intelligenza e devozione un genere illustre, quello del noir gemellare tra Lo specchio scuro di Siodmak e Inseparabili di Cronenberg. La sofferente Chloé sta con uno psicanalista e ha per amante il suo (di lui) gemello. Seguiranno cose assai paurose, con derive horror e gran dispiego di pratiche sessuali non così allineate. Marina Vacht è una meraviglia, il dardenniano Jérémie Renier all’altezza del doppio compito. Voto 8
e6f7c8797de16454db33c1c55a82fe52Che linciaggio sui social dopo la proiezione a Cannes 2017 di L’amant double, ennesimo omaggio di François Ozon al cinema, alla sua storia, ai suoi generi. E anche in sala son stati assai sonori i fischi. Sarà che Ozon ha il torto – per me è qualità rara, e sintomo di coraggio – di non stabilire complicità con lo spettatore, di mantenersene a distanza attraverso il filtro di messinscene eleganti e gelide. Insomma, non è di quegli autori empatici (che parola infame) che piaccion tanto al giorno d’oggi e fanno fremere di emozione (altra parola infame). Mica per giocare al solito gioco del contrarian, ma a me Doppio amore è parso un bellissimo film. E potrebbe capitargli quello che è successo a Personal Shopper di Assayas e The Neon Demon di Refn, accolti tra gli sghignazzi a Cannes 2016 salvo essere salutati come capolavori di lì a qualche mese dagli stessi che li avevano massacrati. Ma, dico io, si potrà anche non amare L’amant double, ma come si fa a non riconoscerne la sapienza costruttiva, e nel rifare il genere illustre del doppio (nella sua sottovariante con gemelli e gemelle). E come si fa a non riconoscere la devozione per il cinema di Ozon, e la sua consapevolezza del cinema come macchina desiderante.
Una giovane donna di nome Chloé, troppo bella per non essere anche turbata e inquieta, ha per marito uno psicanalista e per amante il suo gemello, pure psicanalista. Mentre scende in campo, e non si capisce se solo nella fantasia o anche nella realtà, la gemella di lei. Rimandi da vertigine a un’enormità di film del passato sul doppelgänger, e sull’io doppio, insieme confuso e diviso, dei gemelli, e butto lì i primi che mi vengono in mente. Lo specchio scuro di Robert Siodmak con Olivia de Havilland. E poi Inseparabili di David Cronenberg e Sorelle di Brian de Palma. Se vogliamo, pure Persona di Ingmar Bergman. A fare da baedeker in questa immersione nell’abisso tra passioni e ossessioni e scatenamenti dell’eros, il freudismo semplificato già utilizzato in film come Io ti salverò (qui la paziente si innamora del suo analista, là era l’analista a innamorarsi del suo paziente), ancora Lo specchio scuro di Siodmak e Improvvisamente l’estate scorsa di Mankiewicz. Dove l’analisi si fa griglia di interpretazione, detection, indagine, investigazione, tecnica di svelamento del mistero e dei segreti ben celati laggiù nell’inconscio. Continua a leggere

Pubblicato in al cinema, cinema, Container, film, recensioni | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Recensione: SUCCEDE, un film di Francesca Mazzoleni. Purtroppo succede poco, anzi nient

Succede (e nulla sarà più come prima), un film di Francesca Mazzoleni. Tratto dal libro di Sofia Viscardi (Mondadori). Con Margherita Morchio, Matilde Passera, Matteo Oscar Guggioli, Brando Pacitto, Giovanni Anzaldo, Francesca Inaudi, Giampiero Judica.
Un po’ meno peggio di quanto ci si aspettasse, questo film tratto dal besteller di Sofia Viscardi. Succede ha un suo garbo, la protagonista ha una faccia intelligente, tutti gli attori sono credibili. Il guaio è il vuoto narrativo: in Succede non succede niente. Voto 5 meno
Non chiedetemi del caso Sofia Viscardi. Di come una diciottenne (oggi dovrebbe avere un paio di anni in più) sia potuta arrivare in cima alle classifiche di lettura e vendita con il suo romanzo-racconto di formazione Succede (ed. Mondadori). Non saprei dire perché non ho letto il libro-fenomeno, e credo mai lo leggerò. Né sono mai andato sul suo canale youtube che mi dicono conti su una legione di liker e follower. Dico solo che non è la prima volta che un’autrice ragazzina scala le classifiche, era successo già nei remoti anni Cinquanta con Françoise Sagan e il suo Bonjour tristesse. Dite che eravamo ad altri stratosferici livelli? Sì, avete ragione, non c’è gara né paragone, però l’età è quella. Sono andato a vedermi il film che dal romanzo viscardiano è tratto senza aspettarmi niente, ma anche senza preclusioni, consapevole di non essere proprio il target d’elezione di una simile prodotto. Devo ammettere che è andata meno peggio del previsto, anche se si tratta di una robuccia. Robaccia no, non è quel trashume di cui molti hanno sparlato. Succede, diretto da una regista neanche trentenne, Francesca Mazzoleni (il nome è lombardo, ma lei è nata a Catania), non è mica così infame. Ha un suo garbo. Ci presenta una gioventù liceale un filo al di sopra dell’immagine di generazione sfasciata e scazzata e sdraiata ormai dominante. Con tre attori giovanissimi nei ruoli principali assai in parte, di massima naturalezza, non artefatti, credibili, pure simpatici. Margherita Morchio che è la protagonista Margherita/Marghe/Margi/Meg/Maggie (sono tante le declinazioni del nome in corso di film) ha un’aria assennata e intelligente, una sua graziosità non convenzionale, non è insomma di quelle lolitazze tremende, makuppate e instagrammiche, che fa spavento solo a vederle, ed è una presenza che salva il film dallo scivolare nel peggio giovanilismo e manierismo teen-italico. Il guaio di questo Succede, girato da Francesca Mazzoleni con cognizione di causa – si vede che non è distantissima dalla generazione che racconta – e cinelinguaggio modernista ma senza eccessi e convulsioni – sta nel suo vuoto narrativo. Forse la piccola odissea esistenziale di Margherita, con i diarismi adolescenziali, gli aforismi kitsch, sulla pagina funzionava meglio. Ma trasposta in cinema è il grado zero drammaturgico. Storia qualunque di Margherita che ha appena lasciato un amore stronzo e si ritrova alle prese con un giovanottino appena approdato a Milano con cui è qualche struscio e bacio rubato e poco convinto (già, dimenticavo, la storia è milanese). Mentre la sua più spregiudicata amica Olly (non sta per Olivia, ma per Olimpia) se la fa con un tizio trentenne, mentre l’amico Tom, un bravo ragazzo assai protettivo con Marghe, sogna di scappare in Argentina per scappare da una vita familiare un po’ così (madre separata con tendenza al depresso alcolico). Ci saranno piccolissimi malintesi, una crisuccia tra la Marghe e la Olly, e la scoperta che il Grande Amore è sempre stato lì a un passo. Bastava riconoscerlo e afferrarlo. Continua a leggere

Pubblicato in al cinema, cinema, Container, film | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

11 film stasera sulla tv in chiaro (giov. 19 aprile 2018)

Attacco al potere

Words and Pictures

Cliccare il link per la recensione di questo blog. Alcune schede possono riferirsi a precedenti messe in onda o all’uscita del film.

Soldati a cavallo di John Ford, Rete Capri (66 dt), ore 19,30.
John Ford, anno 1959, alle prese con un episodio della Guerra di Secessione. Non è uno dei suoi film maggiori, però piuttosto raro, quindi da beccare al volo. Con John Wayne e William Holden, e già questo giustifica la visione.
Dolce inganno con Katharine Hepburn, Rete Capri (66 dt), ore 21,00.
Words and Pictures, Rai Movie, ore 21,10.
Attacco al potere, Rai 3, ore 21,15.
L’impiegato di Gianni Puccini, Rete Capri (66 dt), ore 22,30.
After.Life, Rai Movie, ore 23,05.
Un horror-supernatural del 2009 con parecchie ambizioni psicologistiche e di andare oltre i raccapricci del genere. Una ragazza muore, ma si risveglia nella stanza delle pompe funebri con l’uomo che dovrebbe condurla nell’al di là. Succede infatti che in caso di morte imporvvisa – così ci spiega il film – si finisca in una specie di parcheggio, di limbo, do xona di nessuno e di passaggio, insomma deceduti ma non troppo. Mah. Però con due attori di fama, Christina Ricci e Liam Neeson.
La chiave di Tinto Brass, Cielo, ore 23,05.
Joko invoca Dio… e muori di Antonio Margheriti, Italia 7Gold, ore 23,30.
“Il miglior western di Antonio Magheriti, scatenato e violento come pochissimo”: così Marco Giusti, il catalogatore del cinema bis italiano, nel suo cinedizionario Stracult. Con Claudio Volontè, fratello di Gianmaria, e il ballerino tv Paolo Gozlino. Solo per i cultori e i feticisti dell’italian western.
Man on Fire di Tony Scott, Tv8, ore 23,35.
Tutti gli uomini del presidente di Alan J. Pakula, Iris, ore 23,38.
Io vi dichiaro marito e… marito, Italia 1, ore 0,30.

Pubblicato in cinema, Container, film, film in tv | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il film imperdibile stasera in tv: L’IMPIEGATO di Gianni Puccini (giov. 19 aprile 2018, tv in chiaro)

L’impiegato di Gianni Puccini, Rete Capri (66 dt), ore 22,30. Giovedì 19 aprile 2018.
Una commedia sofisticata anomala per il cinema italiano, un film a modo suo leggendario che però pochi hanno visto davvero. Del 1960, è diretto da un signore di nome Gianni Puccini dal curriculum importante, prima come critico poi come collaboratore alla sceneggiatura per Luchino Visconti e Giuseppe De Santis. Ma L’impiegato segna anche il primo ruolo da protagonista per Nino Manfredi, destinato a diventare uno dei colonnelli del nostro cinema popolare. E qui modesto e anonimo impiegatuccio romano che per scappare dalle noie quotidiane si inventa – suggestionato dai Gialli Mondadori! – una vita parallela, sognandosi scrittore americano circondato da donne meravigliose e immerso in intrighi gangsteristici. L’amore vero arriverà nella persona di un’inflessibile ispettrice venuta da Milano. Tra gli sceneggiatori Elio Petri. Musiche di Piero Piccioni. Con un cast fantastico che comprende Eleonora Rossi Drago, Anna Maria Ferrero (due delle donne più belle del cinema italiano) e Gianrico Tedeschi.

Pubblicato in cinema, Container, film, film in tv | Contrassegnato , , , , , , , , , , | 1 commento