Archivi tag: sara forestier

Cannes 2019. Recensione: ROUBAIX, UNE LUMIÈRE (Oh Mercy!), un film di Arnaud Desplechin. Un noir bressoniano

Roubaix, une lumière (Roubaix, una luce; titolo inglese: Oh Mercy!), un film di Arnaud Desplechin. Con Roschdy Zem, Léa Seydoux, Sara Forestier, Antoine Reinartz. Compétition. Desplechin torna nella sua Roubaix, Francia estremo nord, per quello che si presenta come un … Continua a leggere

Pubblicato in cinema, Container, Dai festival, festival, film, recensioni | Contrassegnato , , , , , , , , , , | 1 commento

Cannes 2019. Migliore attore e migliore attrice: i favoriti

Riconoscimenti tutt’altro che secondari, quelli che vanno in un festival al migliore attore e alla migliore attrice. Con predilezione da parte delle giurie a premiare interpreti sconosciuti venuti da lontano. Come la protagonista qualche edizione fa qui a Cannes del … Continua a leggere

Pubblicato in anteprime, cinema, Container, Dai festival, festival, film, premi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Recensione: A TESTA ALTA di Emmanuelle Bercot. E il femminile domò il giovane ribelle

A testa alta (La tête haute), un film di Emmanuelle Bercot. Con Catherine Deneuve, Benoît Magimel, Rod Paradot, Sara Forestier, Diane Rouxel. Al cinema da giovedì 19 novembre. Storia di un ragazzo difficile e selvaggio. Figlio di una famiglia complicata, … Continua a leggere

Pubblicato in al cinema, cinema, Container, film, recensioni | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Cannes2015: LA TÊTE HAUTE (recensione). Discreto film d’apertura, grande Deneuve

La tête haute (Standing Tall), un film di Emmanuelle Bercot. Con Catherine Deneuve, Benoît Magimel, Rod Paradot, Sara Forestier, Diane Rouxel. Storia di un ragazzo difficile e ribelle fino alla selvaggeria. Figlio di una famiglia complicata, capace di esplosiva violenza … Continua a leggere

Pubblicato in Container, Dai festival, festival, film, recensioni | Contrassegnato , , , , , , , , , | 3 commenti

Torino Film Festival. SUZANNE (recensione). Un mélo sobrio e proletario, una discesa agli inferi per amore

Suzanne, di Katell Quillévéré. Con Sara Forestier, François Damiens, Adèle Haenel, Paul Hamy. Sezione Festa mobile.Sud della Francia. Suzanne molla tutto, anche suo figlio, per seguire Julien e infilarsi con lui in una vità di marginalità criminale. Ritratto femminile fatto … Continua a leggere

Pubblicato in cinema, Container, festival, film, recensioni | Contrassegnato , , , , , , , , | 3 commenti