ANTEPRIMA VENEZIA: “Miral”, il film di Julian Schnabel e Rula Jebreal

Freida Pinto, già vista in "Slumdog Millionaire", è Miral nel film di Julian Schnabel

Miral“, di Julian Schnabel. Con Freida Pinto, Hiam Abbass, Willem Dafoe, Vanessa Redgrave.

Atteso, molto atteso a Venezia dove sarà in concorso. Intanto ecco trailer, foto e news sul film che ha riunito (anche nella vita) il pittore-regista Julian Schnabel e la giornalista Rula Jebreal. Parla della questione palestinese e le polemiche sono già in agguato. Uscita nei cinema italiani il 3 settembre

La coppia Julian Schnabel e Rula Jebreal al lavoro sul set in Israele del loro film "Miral"

IL TRAILER ITALIANO
[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=POQvn3WFpKg&fs=1&hl=it_IT]

Scusate, ma non me n’ero accorto. Voglio dire, non mi ero accorto che Julian Schnabel, artista molto anni ’80 di quadri di enormi dimensioni e di enorme successo presso le celebrities (in Italia uno dei suoi collezionisti è l’ex calciatore Billy Costacurta), oltre che regista di ottimi film (Prima che sia notte, Lo scafandro e la farfalla), stesse con Rula Jebreal. Sì, la bellissima giornalista italo-palestinese (ma con passaporto israeliano, essendo un’araba nata in Israele) che ha lavorato per anni a La7 e con Michele Santoro in Rai. Vista la sua lunga vacanza dal video nazionale, mi chiedevo dove fosse finita. Rovistando sul web in cerca di risposta e telefonando a qualche amica-collega che di mestiere sta sulla notizia, sono rimasto sbalordito nell’apprendere che è da un bel po’, dunque ormai radicata, a New York “attuale compagna dell’artista e regista Julian Schnabel”, dicono le note internettiane. Scusate, la cosa mi era sfuggita o chissà perché l’avevo freudianamnete rimossa. Intanto vedo sul web tanto di foto di loro due che passeggiano per Manhattan. Coppia notevole, devo dire, lui con quella fisicità monumentale, lei sempre di irresistibile sensualità.

Willem Dafoe e Hiam Abbass ("Il giardino di limoni") in una scena di "Miral"

La mia curiosità si deve al fatto che sta per arrivare finalmente Miral, di cui si parla da almeno un paio d’anni, il film che Julian Schnabel ha girato su sceneggiatura che la stessa Rula ha tratto dal suo libro La strada dei fiori di Miral (Rizzoli). Il film lo davano come sicuro partecipante a Cannes, invece niente. Adesso è nella lista ufficiale dei film in concorso a Venezia (1°-11 settembre), con contemporanea uscita nei cinema italiani il 3 settembre. In attesa di vederlo, cerchiamo di capire qualcosa di Miral, che si annuncia come un caso, non solo per motivi cinematografici, anzi soprattutto per quelli extracinematografici.

Miral a una manifestazione pro-Palestina

Tanto per incominciare, c’è l’aspetto privato, con la domanda: Julian Schnabel ha deciso di girare un film da La strada dei fiori di Miral prima di conoscere Rula Jebreal? O solo dopo averla conosciuta e essersene innamorato? E non ditemi che è la stessa cosa, che quel che conta è l’opera e che la biografia dell’autore (qui, degli autori, visto che Rula ha scritto soggetto e sceneggiatura) non conta nulla. Conta eccome. Semmai è il giudizio sull’opera che deve prescinderne. Comunque, anche qui un giro di telefonate aiuta. Pare che i due si siano incontrati la prima volta a un festival di Cannes grazie alla mediazione e ai buoni uffici di una signora milanese in posizione assai rilevante nel ranking mondano-salottiero e anche lei come Rula di radici arabe. In attesa di essere inondati nelle prossime settimane da una valanga di notizie sulla coppia e sul film (so per certo che alcuni settimanali si stanno disputando l’intervista esclusiva a Schnabel-Jebreal), vediamo di capire qualcosa di più di Miral.

L'orfanotrofio di Hind (Hiam Abbass)

Veniamo dunque all’aspetto non social e non gossiparo, quello che rende Miral così atteso e interessante. Ed è che tratta un tema dei più controversi, da cui il cinema mainstream si è tenuto finora lontano: la questione palestinese. Miral racconta di Hind, una palestinese che nel 1948, dopo la fondazione dello stato di Israele, apre a Gerusalemme un orfanotrofio per raccogliere i tanti bambini travolti dagli eventi di quel periodo.

Hind e i suoi bambini. Qui crescerà anche Miral

Molti anni dopo un uomo porta una bambina nell’istituto di Hind: è sua figlia. Vuole allontanarla e cambiarne addirittura il nome per proteggerla dalle prossibili ritorsioni sulla famiglia dopo che una loro parente ha compiuto un attentato. Miral cresce sotto la guida di Hind, coinvolgendosi sempre più nella causa palestinese, fino a sfiorare la scelta dell’estremismo, da cui però riuscirà a ritrarsi.

Il poster

Le polemiche su Miral sono in agguato. Anche perché fra i paesi produttori di questo film che racconta di palestinesi c’è anche Israele (gli altri sono Francia e Gran Bretagna). Perché in America ha deciso di distribuirlo Harry Weinstein, l’ex signor Miramax, che non ha mai nascosto la sua amicizia per lo stato ebraico. La mia personale opinione è che questo sia un motivo di interesse in più per correre a vedere il film, che potrebbe diventare anche un’occasione di dialogo a distanza, o almeno di confronto, tra le due parti. Ma cosa ne diranno i palestinesi più intransigenti? Lo accuseranno di collaborazionismo? E i più estremi tra gli israeliani lo accuseranno di essere un manifesto filopalestinese? Forse è per sopire le possibili polemiche che la Pathé, la casa francese di produzione, ha tenuto finora su Miral un profilo basso: niente sito ufficiale, notizie rilasciate col contagocce, solo qualche foto e, da poco, il trailer.

Partecipazione straordinaria al film di Vanessa Redgrave

Finora la maggior parte delle note riguarda la protagonista, la Freida Pinto di Slumdog Millionaire, molto somigliante nelle foto di scena a Rula Jebreal, che del resto nel libro e nello script ha sparso più di un elemento autobiografico. Hind è Hiam Abbass, l’attrice palestinese del Giardino di limoni residente da tempo a Parigi. Due illustri partecipazioni speciali, Wilem Dafoe e Vanessa Redgrave, e un ruolo anche per Stella Schnabel, figlia 26enne di Julian. A conferma che Miral è anche specchio della vita del regista. Miral/miroir.

Schnabel e Rula Jebreal sul set di "Miral" in Israele

IL TRAILER

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=ck96h97y9Vs&hl=it_IT&fs=1]

Questa voce è stata pubblicata in cinema e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a ANTEPRIMA VENEZIA: “Miral”, il film di Julian Schnabel e Rula Jebreal

  1. Pingback: Le foto di Julian Schnabel e Rula Jebreal sul set di MIRAL | NUOVO CINEMA LOCATELLI

  2. Pingback: Perché MIRAL di Schnabel vincerà (secondo me) il Leone d’oro a Venezia | NUOVO CINEMA LOCATELLI

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.