FILM STASERA IN TV: i migliori secondo me (mercoledì 11 agosto 2010, prima parte)

Non troverete in questa pagina tutti i film in onda stasera e stanotte sulle varie tv, dall’analogico al satellitare al digitale terrestre (per i palinsesti completi rimando al sito MyMovies Guida in tv e a quello di Sky). Qui ci sono solo le mie scelte personali con una breve scheda. Avvertenza: la programmazione potrebbe anche subire dei cambiamenti.

L’amore e il sangue, 7 Gold, h. 22,45. Primo film americano dell’85 di Paul Verhoeven (Robocop) ma con una storia molto europea. Siamo nel 1501 in una landa che ricorda le Fiandre, tra battaglie, principesse, mercenari, infernali macchine da guerra, castelli assediati, peste bubbonica. Il repertorio heavy metal di Verhoeven però retrodatato. Strano prodotto filmico, tra il film storico e il fantasy. Con Rutger Hauer già consacrato da Blade Runner. Greve, non per tutti i gusti. Verhoeven o lo ami o lo odi, non ce n’è (io mi schiero nel primo gruppo). Mi viene il sospetto che il recente Solomon Kane abbia preso parecchio da L’amore e il sangue.
Questione di punti di vista, Sky Cinema Mania, h. 21,00. Se non fosse di Jacques Rivette, nome e nume della Nouvelle Vague, lo scanserei per almeno due motivi: parla di circo (argomento che mi mette addosso una malinconia infinita) e c’è Sergio Castellitto, che non è il mio attore preferito. Ma per fortuna c’è quell’incanto che si chiama Jane Birkin che, unita alla regia di Rivette, mi renderà sopportabile questa storia di Kate che torna nel circo di famiglia e trova la voglia di ricominciare grazie a un misterioso visitatore italiano. Uscito l’anno scorso, non l’ha visto nessuno. Chissà in tv.
Il grande match, Cult, h. 21,00. Strano film di coproduzione tedesco-spagnola sul calcio passione senza frontiere. Sta per arrivare la finale di Coppa del Mondo 2002 Germania-Brasile (il film però è di tre anni dopo) e la cinepresa coglie tre storie lontane ma parallelele in Mongolia, Sahara e Amazzonia, con nomadi, tuareg e indios tutti pazzi del pallone e in fremente attesa di vedersi in tv il grande match. Ci si accapiglia tra tifoserie opposte, si discute, si cerca di riparare il televisore che fa le bizze, intanto si vive. Carino. Un po’ troppo programmatico e sceneggiato. Ma almeno Il grande match non è la solita lagna antiglobalista e antimondialista sul calcio oppio dei popoli.
Vincere, Premium Cinema, h. 21,00. Celebrato Bellocchio sulla storia d’amore tra il giovane Mussolini e una povera disgraziata di nome Ida Delser che da lui ebbe un figlio e si vide poi segregata per non disturbare Benito nel frattempo diventato Duce. Notevolissimo Filippo Timi as Mussolini, purtroppo insopportabile come capita ormai da un po’ Giovanna Mezzogiorno. Per chi ha Premium Cinema (io no).
Eroi all’inferno, Sky Italia, h. 21,00. Bellico sporca-dozzina style del 1973 con il borderline Klaus Kinski, e già questo lo rende interessante. Poi alla regia c’è Michael Wotruba, ovvero Aristide Massaccesi ovvero Joe d’Amato, artigiano seriale del nostro cinema basso e povero, che cambiava nome secondo il genere: d’Amato per l’erotico, Wotruba per l’action, quello vero di Aristide Massaccesi quando capitava. Fregatevene delle stroncature che troverete sui vari dizionari e guide del cinema, e date un’occhiate. I ragazzi delle cinefanzine lo adorano.
Grissom Gang, Sky Classics, h. 21,10. La rampolla di un ricca dinastia newyorkese viene rapita – siamo negli anni Trenta – da una gang. Uno della banda perde la testa per lei e la ragazza ricambia. Tratto da un noir di Chase, Grissom Gang ricorda la storia vera di Emanuela Trapani e Renato Vallanzasca che ipnotizzò l’Italia negli anni Settanta (a proposito, sta per uscire Vallanzasca, gli angeli del male di Michele Placido, in anteprima a Venezia). Filmato e firmato dal grande Robert Aldrich, quando uscì nel 1971 non ebbe la fortuna che meritava. Ormai Hollywood si era convertita a film come Easy Rider e Il laureato, e il sublime artigianato di un Aldrich appariva (ingiustamente) vetusto. Da rivalutare.
Transformers – La vendetta del caduto, Sky Cinema 1, h. 22,50. Seconda puntata della saga, con la guerra fracassona tra Autobot e Decepticon che continua fino alla scontro finale. Fenomeno di enorme successo popolare che un po’ di attenzione se lo merita, se non altro per capire da che parte va il pubblico unico globale. Basi pensare che solo negli Usa Transformers – La vendetta del caduto si è portato a casa 401.790.274 dollari.

Fine prima parte. Seguono la seconda e la terza parte con altri titoli della sera (e della notte) televisiva.

Questa voce è stata pubblicata in film stasera in tv, stasera in tv, tv e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a FILM STASERA IN TV: i migliori secondo me (mercoledì 11 agosto 2010, prima parte)

  1. Pingback: FILM STASERA IN TV: i migliori secondo me (mercoledì 11 agosto 2010, terza parte) | NUOVO CINEMA LOCATELLI

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.