FILM STASERA IN TV: i migliori secondo me (mercoledì 11 agosto 2010, parte seconda)

Dopo i sette film segnalati nel post precedente, procediamo con le altre scelte – sempre molto personali – della serata e della notte tv. Ricordo ancora che per avere un quadro completo della programmazione conviene dare un’occhiata al sito MyMovies Guida in tv e a quello di Sky.

Double Team – Gioco di squadra, Sky Cinema Hits, h. 21,00. La strana coppia Mickey Rourke (il cattivo) e Jean Claude Van Damme (il buono) in uno spara e fuggi del 1997 diretto da Tsui Hark, riverito maestro di Hong Kong che qui si mette al servizio di un film di serie. Tsui Hark sarà in concorso a Venezia con Detective Dee, dando un’occhiata a questo Double Team un po’ ci si prepara e si fa bella figura in caso di conversazione cinefila.
Staying Alive, RaiDue, h. 23,30. Il sequel tardivo (ben sei anni dopo) di La febbre del sabato sera. La stravaganza sta nel fatto che la regia è di Sylvester Stallone che sposta il sogno ballerino di Tony Manero verso il muscolare-palestrato. Difatti in Staying Alive Travolta è irriconoscibile, con un corpo gonfiato da stalloncino (inteso come Sylvester) che gli toglie quella grazia che l’aveva reso mitico.
Femme fatale, Rete4, h. 21,10. Brian De Palma in trasferta francese firma questo noir che vorrebbe essere un omaggio ai classici ma che si risolve in un falllimento. C’è la solita femme fatale (qui Rebecca Romijn) e il maschio irretito dalla suddetta (Antonio Banderas). Me lo ricordo come una gran delusione. La vera debolezza del film è Rebecca Romijn, allora pompatissima dalla promozione di Femme fatale, che non ha mistero né sex appeal, una lungagnona buona tutt’al più per qualche servizio di moda, e finita a fare il/la trans in Ugly Betty.
Squadra antimafia, RaiUno, h. 23,40. Penultimo della serie del trucido commissario Nico Giraldi, overo Tomas Milian nella sua fase post-monnezza ma sempre immerso in linguaggio ed estetica borgatara. Oggi Milian è oggetto di devozione, non immeritatamente. Certo, un film così non può piacere ai cultori del cinema alto.
Ritorno a Brideshead, Sky Cinema 1, h. 1,25. L’ultima versione cinematografica (2008) del romanzo di Evelyn Waugh. Più esplicita sul legame omosesuale tra i due protagonisti di quanto non lo fosse la pur bellissima serie tv inglese degli anni Ottanta. Emma Thompson è la madre-matriarca di Sebastian.
Redbelt, Sky Cinema Hits, h. 22,55. Chi ama David Mamet, incantato a suo tempo da La casa dei giochi, non si perda questo sul film del 2008. Costruzione perfetta, dialoghi magistrali come sempre nel drammaturgo americano, al servizio di una storia che vede un samurai moderno, un veterano della Guerra del Golfo esperto in arti marziali, alle prese con un dilemma morale. Rovesciamenti e colpi di scena in puro stile Mamet.
Piccoli affari sporchi, Sky Cinema Mania, h. 22,35. L’eclettico Stephen Frears, mai un film uguale all’altro, stavolta punta forte sull’impegno affrontando addirittura il traffico di organi. Pencolante tra noir e cinema civile. Irrisolto, ma Frears è sempre Frears, con un occhio speciale nel radiografare i bassifondi della coscienza. Per fortuna c’è quell’attore di culto che è Sergi Lopez, purtroppo c’è Audrey “Amélie” Tautou, una delle attrici più antipatiche del mondo.
12, Cinema Sky mania, h. 0,20. Una delle cose migliori della serata tv. Nikita Mikhalkov, regista-boss del cinema sovietico e ora anche del cinema panrusso, filma un remake della Parola ai giurati di Sidney Lumet. 12 è il numero dei giurati che stanno per condannare un ragazzo per omicidio, ma poi vengono convinti da uno di loro della sua innocenza. L’originale di Lumet è una meraviglia, ma questo gli sta a pari. Michalkov è così bravo da fare spettacolo anche con qualche sedia in una palestra disadorna. Senti il tanfo della Russia profonda e l’odore del sangue della guerra in Cecenia. Presentato a Venezia 2007 dove fu assegnato un Leone Speciale a Mikhalkov per l’insieme dell’opera. Nominato all’Oscar come miglior film straniero.
New Jack City, Rai4, h. 0,20. Grande successo del 1991 di Mario Van Peebles, regista e anche attore (però il protagonista è un demoniaco Wesley Snipes) di questa crime story su un re del ghetto diventato potente grazie allo smercio di crack. Nulla di particolarmente nuovo, l’ennesima variazione sui temi Padrino e Scarface (quello di Brian De Palma). Il film, violentissimo, ha però una sua potenza ed è il perfetto, allarmante ritratto dell’età del crack, la droga più sporca di tutte. Da vedere.

Fine seconda parte. Seguirà la terza parte con altre segnalazioni in un prossimo post. Stay tuned!

Questa voce è stata pubblicata in film, film stasera in tv, stasera in tv, tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a FILM STASERA IN TV: i migliori secondo me (mercoledì 11 agosto 2010, parte seconda)

  1. Pingback: FILM STASERA IN TV: i migliori secondo me (mercoledì 11 agosto 2010, prima parte) | NUOVO CINEMA LOCATELLI

  2. Pingback: FILM STASERA IN TV: i migliori secondo me (mercoledì 11 agosto 2010, terza parte) | NUOVO CINEMA LOCATELLI

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.