FILM STASERA IN TV: i migliori secondo me (mercoledì 11 agosto 2010, terza parte)

Sono molti i titoli interessanti. Così, dopo i sedici film già segnalati nei due post precedenti (prima e seconda parte), procediamo con le altre scelte – sempre molto personali – della serata e della notte tv. Per avere un quadro completo della programmazione dare un’occhiata al sito MyMovies Guida in tv e a quello di Sky.

Noi due sconosciuti, Sky Cinema Hits, h. 21,00. La regista danese Susanne Bier, reduce dal successo di Dopo il matrimonio, viene chiamata in America per girare questo Noi due sconosciuti, psico-dramma familiare su una giovane vedova (bellissima, trattandosi di Halle Berry) alle prese con un vecchio amico che potrebbe diventare qualcosa di più (Benicio del Toro). Il film non funzionò al box office, ma merita la prova d’appello televisiva.
I sopravvissuti della città morta, Sky Italia, h. 22,30. Avventuroso con ambientazione turca tra Istanbul e Cappadocia girato dal 1984 da uno dei grandi artigiani del cinema di genere all’italiana, Antonio Margheriti. Questo è un suo lavoro tardivo, ma sempre con quell’inconfondibile Margheriti-touch leggero e svelto.
Ogro, Sky Cinema Italia, h. 0,10. Uno dei pochissimi film di Gillo Pontecorvo, quindi assolutamente da vedere. Quando lo gira il regista romano ha alle spalle l’immenso successo di La battaglia di Algeri e il travagliato Queimada con Marlon Brando, allora flop oggi culto globale. Con Ogro, uscito nel 1980, ricostruisce l’attentato dell’Eta all’ammiraglio Carrero Blanco. Ma non era il momento per film su attacchi terroristici, in un’Italia che solo due anni prima aveva visto il rapimento Moro. Fuori sincrono. Fuori tempo massimo. Proprio questo però lo rende interessante. Con Gian Maria Volontè.
Il disprezzo, Sky Cinema Classic, h. 1,10. Capolavoro senza se e senza ma firmato Godard. Che, in trasferta a Capri, gira nel 1963 questo film con i soldi di Carlo Ponti e tratto da Moravia. Travagli produttivi e incomprensioni con Ponti, che farà rimontare la versione italiana cambiando anche la colonna sonora. Versione che Godard ovviamente ripudierà. Ma Il disprezzo ha resistito anche a questo e rivisto oggi restituisce al meglio il senso del cinema di Godard. Brigitte Bardot è fantastica. La location, la villa di Malaparte a Capri, altrettanto.
Cinque per la gloria, MGM, h. 22,25. B-movie del maestro Roger Corman che con molto talento e pochi soldi rifà a suo modo Quella sporca dozzina, diminuendo il numero anche per motivi di budget. Del 1964, il periodo migliore della Corman Factory. Per cinefili e non solo.
I maghi del terrore, MGM, h. 1,50. Un altro Corman, ma questo è uno dei suoi vertici: un classico del terrore a tutti gli effetti, però con ironia. Sfida a colpi di effettacci tra maghi. Con un cast da urlo: Vincent Price, Peter Lorre, Boris Karloff. Più un giovanissimo Jack Nicholson prima del successo (siamo nel 1963).
Swarm, Jimmy, h. 1,25. Catastrofico del 1978 dell’Irwin Allen coautore con Guillermin dell’Inferno di cristallo. Questo non è allo steso livello ma fa paura comunque con il suo sciame di api inferocite venute dal Brasile che rischiano di mandare in tilt gli Stati Uniti. Ma la cosa commovente e patetica del film è la presenza di veccchie glorie hollywoodiane, Olivia de Havilland, Henry Fonda e il Fred MacMurray della Fiamma del peccato.
Vero come la finzione, Premium Cinema Emotion, h. 23,oo. Stravagante film in cui due storie scorrono parallele, quelle di un agente del fisco e del romanzo che una scrittrice sta scrivendo. La stravaganza sta nel fatto che il protagonista del romanzo è proprio lui, l’esattore delle tasse. Le cose si complicano quando la scrittrice vorrebbe farlo morire. Lambiccato ma interessante. Solo che per un film così ci voleva Michel Gondry (Se mi lasci ti cancello), invece alla regia c’è Marc Forster. Con il comedian Will Ferrell, Emma Thompson e Maggie Gyllenhaal.
Metroland, Premium Cinema Emotion, h. 1,00. Due amici nell’Inghilterra prima dei Beatles e della minigonna. Uno va a Parigi affascinato dall’esistenzialismo e dagli chansonnier (come in An Education), l’altro in Africa. Si ritroveranno molti anni dopo, e sarà il momento dei bilanci. Ambizioso, presentato a Venezia nel 1997. Ma Metroland non è diventato quel culto che gli autori speravano. Con Christian Bale e Emily Watson. Interessante.

Questa voce è stata pubblicata in film, film stasera in tv, stasera in tv, tv e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a FILM STASERA IN TV: i migliori secondo me (mercoledì 11 agosto 2010, terza parte)

  1. Pingback: FILM STASERA IN TV: i migliori secondo me (mercoledì 11 agosto 2010, prima parte) | NUOVO CINEMA LOCATELLI

  2. Pingback: FILM STASERA IN TV: i migliori secondo me (mercoledì 11 agosto 2010, parte seconda) | NUOVO CINEMA LOCATELLI

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.