FILM STASERA IN TV: la Top 10 secondo me (17 agosto 2010 – seconda parte)

I miei dieci film preferiti tra quelli della sera e della notte televisiva, partendo dal decimo posto e salendo man mano. Nel post precedente i titoli dal decimo al sesto posto, adesso i primi cinque. La scelta è assolutamente personale, persino faziosa. Si omettono magari titoli famosi per lasciare il posto ad altri bizzarri, eccentrici, meno conosciuti. Avvertenza: si prendono in considerazioni solo i film che incominciano tra le 21.00 e la 1.00. Chi volesse avere la programmazione completa delle varie reti consulti MyMovies Guida in tv e Sky.

Sono esclusi da questa lista i cinque film con Sean Penn che oggi vanno in onda in tv, su Sky Cinema Mania e su Cinema Premium 1, per celebrare i 50 anni dell’attore americano. Cliccare qui per sapere titoli, ora e collocazione dei cinque film.

5) New York, New York, MGM (Sky), h. 0,05. Non si può non voler bene a questo film, così sbagliato che gli si affeziona. Un musical con la regia di Martin Scorsese, che ha infinite qualità ma non la leggerezza che ci vuole in questi casi. Poi la coppia Liza Minnelli-Robert DeNiro non funziona, icone di cinema troppo differenti perché tra di loro scatti la chemistry. Eppure New York, New York è da vedere, come i Cancelli del cielo di Cimino, come The Last Movie di Hopper, perché l’imperfezione e il fallimento possono essere più interessanti di una buona ma mediocre riuscita. Poi c’è il theme-song, il cui successo ha in qualche modo riscattato e risarcito il film. E che continua a garantire serate e tour a una Liza Minnelli ombra di se stessa.
4) Shampoo, Studio Universal, h. 21,00. Commedia di Hal Ashby, esponente di quella che allora, 1975, si chiamava la nuova Hollywood. Warren Beatty al massimo del suo fulgore è in Shampoo un parrucchiere a Los Angeles che si finge gay per coprire le troppe storie e trame che ha con le ricche clienti. Qualcosa di simile a un gigolo, ma allora non si diceva. Una ronda di amori e inganni più europea che hollywoodiana, che allora piacque molto. Con Julie Christie e una grande Lee Grant (Oscar infatti). Il parrucchiere attiraclienti è diventato poi un carattere ripreso in altri film, come il pazzesco, oltre ogni demenzialità ma parecchio interessante Zohan con Adam Sandler.
3) La donna della domenica, Sky Cinema Italia, h. 21,00. Un film di Luigi Comencini, che con il suo tocco lieve riesce a non tradire il libro da cui è tratto, il giallo torinese degli immensi Fruttero e Lucentini. Qualcosa dell’eleganza e del disincanto dei due miracolosamente si ritrova anche nel film, che incrocia i generi del noir e della commedia, inevitabilmente all’italiana. Non funziona però in La donna della domenica Marcello Mastroianni, clamorosamente miscast, troppo maturo e indolente come commissario Santamaria. Invece Jacqueline Bisset è sorprendentemente a posto come madamina sabauda. Ma il culto è Lina Volonghi, che con questo film è diventata un idolo camp.
2) Bellamy, Sky Cinema 1, h. 21,00. L’ultimo Chabrol, anno 2009, con Gérard Depardieu ispettore parigino che torna nella natia Provenza, a Nîmes, e si ritrova immerso in un giallo di provincia e in un reticolo di complicati legami familiari. Omaggio dichiarato di Claude Chabrol a due Georges, Brassens e Simenon, Bellamy è un giallo crepuscolare ma con quella crudeltà e quel disincanto tipicamente chabroliani. Poco visto. Da vedere.
1) Il matrimonio di Lorna, Cult, h. 0,30. L’ultimo film pervenuto (anno 2008) dai fratelli Dardenne, i maestri del cinema disadorno e no frills. Che qui però imprimono una svolta al loro lavoro, abbandonando la camera a mano e il 16 millimetri per una tecnica di ripresa e un formato più tradizionali. E scrivendo per la prima volta una sceneggiatura molto costruita e articolata, una trama perfino avvincente con risvolti noir e da crime story, pur nel solco del realismo estremo che li distingue. Lorna è un’albanese emigrata in Belgio manovrata da un piccolo gangster che la fa sposare a un tossico perché possa avere il permesso di soggiorno. Il piano è che i due divorzino al più presto lasciando Lorna sola e legalizzata. E pronta a impalmare un russo malavitoso, voglioso anche lui di avere il sospirato permesso e disposto a pagare molto bene per riuscirci. Ma qualcosa non funziona e il piano va all’aria. I Dardenne registrano con implacabilità quest’Europa sotterranea dei migranti clandestini, il disagio e il disfacimento morale di un underwold senza regole. Uno dei più alti e riusciti tra i film sui migranti, ormai un genere che allinea parecchi titoli, da Verso l’Eden di Costa-Gavras a Welcome a Illégal, presentato all’ultimo Cannes.

altre segnalazioni in breve:
Vento di passioni, Rete4, h. 21,10. Mélo familiare con Brad Pitt superstar.
Io tigro, tu tigri, egli tigra, Rete4, 23,55. Pozzetto-Boldi-Villaggio-Montesano in questo film a episodi del 1978. Un po’ più fine di analoghe commedia per via della regia di Giorgio Capitani. C’è anche Nadia Cassini.
Il prescelto, Canale 5, h. 21,20. Di Neil LaBute con un Nicolas Cage che va su un’isola britannica a indagare su strani riti neopagani. Remake dello straculto The Wicker Man del ’73.
F.I.S.T., 27 Gold, h. 21,10. Film del 1978 sull’irresistibile ascesa di un boss del sindacato americano colluso con la mafia. Interpretato da Stallone.
X-Men le origini: Wolverine, Sky Cinema 1, h. 0,40. Spin-off della serie X-Men. Sempre interessante, molto meglio di altri blockbuster a effetti speciali.
Il seme della discordia, Sky Cinema Hits, h. 22,55. Commedia pop-camp alla partenopea di Pappi Corsicato su una strana gravidanza.
Il Casanova di Federico Fellini, Sky Italia, h. 21,00. Un Fellini sempre grande ma già declinante.
Silver City, Rai Movie, h. 23,00. Giallo politico del 2005 di uno dei padri del cinema indie, John Sayles.
Il grande sogno, Premium Cinema, h. 21,00. Il Sessantotto semiautobiografico di Michele Placido raccontato da Michele Placido. Che nella parte del ragazzo appena arrivato a Roma e finito in polizia, cioè di se stesso, ha voluto Scamarcio.


Questa voce è stata pubblicata in film, film stasera in tv, stasera in tv, tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a FILM STASERA IN TV: la Top 10 secondo me (17 agosto 2010 – seconda parte)

  1. Pingback: FILM STASERA IN TV: la Top 10 secondo me (del 17/8/2010 – prima parte) | NUOVO CINEMA LOCATELLI

  2. Pingback: Recensione: ILLÉGAL di Olivier Masset-Depasse (un film onesto non è sempre un buon film) | NUOVO CINEMA LOCATELLI

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.