Venezia vista dagli stranieri: cosa hanno detto di “Black Swan”

Gli italiani hanno stroncato Black Swan, il film di Darren Aronofsky con Natalie Portman che ha aperto ieri la Mostra di Venezia. Mentre gli stranieri gridano al capolavoro o quasi. Due modi opposti di guardare al cinema. Recensioni a confronto

Natalie Portman ieri sul red carpet al Lido

Da sinistra: Darren Aronofsky, Natalie Portman, Christopher Gartin e Vincent Cassel alla proiezione al Lido di "Black Swan"

Da "Black Swan"

Grande copertura mediatica sui siti e la stampa Usa-UK per Il cigno nero di Darren Aronofsky, il film americano che ha aperto ieri il concorso a Venezia. Aronofsky è nome di grande prestigio nell’area anglofona, già da prima della sua vittoria due anni fa al Lido con The Wrestler. Il suo Black Swan (clicca per il trailer) era molto atteso, già da settimane il tam tam sui siti e la stampa si era fatto fortissimo: uno dei pochi film di Venezia capace di suscitare davvero l’interesse negli angloamericani, insieme a Miral di Julian Schnabel e Somewhere di Sofia Coppola.
Oggi arrivano le recensioni, molto favorevoli, che contrastano cone la tiepida accoglienza se non la stroncatura da parte dei critici italiani. A conferma che da quelle parti hanno uno sguardo diverso sul cinema, altri criteri di valutazione, meno interesse per l’autorialità e più per il coefficiente spettacolare e narrativo. Un cultural divide tra sensibilità cinematografica anglo-americana e quella italiana abbastanza impressionante.

RECENSIONI ITALIANE
Claudia Morgoglione, Repubblica.it: “Non fa però del tutto centro, la pellicola del già Leone d’oro Aronofsky (lo vinse due anni fa, per “The Wrestler”). Almeno se guardiamo alla proiezione stampa di questa mattina in Sala Perla, che termina tra gelo, fischi e pochi applausi. Eppure la vicenda della ballerina classica divisa in due (Natalie Portman) – ossessionata dalla collega-rivale Mila Kunis e dal balletto “Il lago dei cigni”, forse innamorata del coreografo (Vincent Cassel)  – vuole coinvolgere il pubblico: basta pensare all’esplicito voyeurismo che contiene”.
Paolo Mereghetti, Corriere della sera: “La pur brava Natalie Portman non riesce a salvare una storia tropo programmatica e ‘metaforica’. (…) Tutto diventa previsto e prevedibile. alla fine gli applausi in colonna sonora non mi sembrano certo meritati”.

ALL’ESTERO
Variety: “Aronofsky sembra muoversi nel solco del primo Polanski o di David Cronenberg”. “Un ritratto perfido, sexy, travolgente di una giovane ballerina divorata dall’ambizione”. “Il risultato è un disorientante ed emozionante blend di classicità e tecnica contemporanea”.
The Hollywood Reporter: “Un guilty pleasure sontuosamente girato”. “La sua spettrale visionarietà, la competizione tra le due ballerine lo rendono iresistibile”. “Dividerà il pubbblico, scatenerà controversie”.
Screen International:””Uno dei più eccitanto film usciti da Hollywood quest’anno”. “Giochi d’artificio cinematografici che lsciano il pubblico senza fiato” “Un film sul balletto tipo ‘Due vita una svolta’ ma con le psicopatologie dei polanskiani ‘Repulsion’ e ‘Rosemary’s Baby'”.
Telegraph: “Potente, avvincente e sempre intrigante, con una performance di alto livello di Natali Portman che la promuove a star da premiare nel prossimo futuro”.
Il sito Indiewire: “Un’esperienza sensoriale per occhi e orecchi”.
Il blog Obsessed with Film: “Il miglior film che io abbia visto quest’anno. Mi ha scosso, eccitato, emozionato. Tarantino è un pazzo se non gli dà il Leone d’oro. Aronofsky ha fatto il suo capolavoro e Natalie Portman è da oggi la favorita all’Oscar”.
Da Twitter: Jorge Carreon di The Examiner: “Black Swan è un indimenticable ritratto sulla follia della perfezione. Natalie Portman è grandiosa”.

Vincent Cassel (a sinistra) in "Black Swan"

Portman è il Cigno nero

Questa voce è stata pubblicata in cinema e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Venezia vista dagli stranieri: cosa hanno detto di “Black Swan”

  1. Pingback: BLACK SWAN, partenza fulminante al box-office Usa | NUOVO CINEMA LOCATELLI

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.