FILM STASERA IN TV: gli imperdibili 7 (martedì 26 ottobre)

Top 7 della sera e della notte tv, dall’analogico al satellitare al digitale terrestre. La scelta è assolutamente personale. Chi volesse vedere la programmazione completa delle varie reti consulti Film.tv.it. Si prendono in considerazioni solo i film che incominciano tra le 21.00 e la 1.0o. Buona visione.

7) Una notte da leoni, Premium Cinema, h. 0,30. Film eccentrico e sofisticato come una screwball comedy anni Trenta, ma con l’apparenza di una commediaccia maschile-goliardica contemporanea. Due amici più un parente tardofrikkettone imbarcato all’ultimo momento se ne vanno a Las Vegas per una pazza notte prima che uno di loro si sposi. Andrà tutto oltre ogni previsione di follia: si risveglieranno intossicati e in preda all’amnesia – The Hangover è il titolo originale – in una suite d’hotel completamente devastata, con una tigre in bagno, una gallina che scorrazza e il promesso sposo scomparso. Cos’è successo? Il film è la ricerca della verità su quella notte pazza e cancellata dalla memoria. Si scopriranno cose inimmaginabili, il matrimonio rischierà di saltare. Poi tutto si aggiusterà. Molto divertente e anche intelligente. Una sceneggiatura che non sbaglia un colpo, una commedia perfetta che è stata l’anno scorso enorme e inaspettato successo al box-office Usa. (informazioni sul film)
6) Il giardino dei Finzi-Contini, Sky Cinema Italia, h. 21,00. L’ultimo vero capolavoro (1970) di Vittorio De Sica, che non sembrava all’inizio il regista più adatto per la versione cinematografica del best-seller di Giorgio Bassani. Invece ne trasse un film che vinse il Festival di Berlino e poi l’Oscar, e che ancora oggi commuove. Un classico. La famiglia ebraica ferrarese dei Finzi-Contini, con al centro la giovane, bella, altera Micol di cui tutti si innamorano, raccontata negli anni che vanno dalle leggi razziali alla deportazione nei lager nazisti. Amori, vita quotidiana, illusioni e disillusioni prima della tragedia che tutto cancellerà. Uno dei rarissimi film sull’ebraismo italiano (io non ne ricordo molti: L’oro di Roma, Hotel Meina e poi?). Micol è una strepitosa Dominique Sanda, qui nella sua fase magica di musa del cinema engagé italo-francese tra anni Sessanta e Settanta. (informazioni sul film)
5) Un cuore in inverno, Cult, h. 21,o0. Un film di sentimenti senza lacrima, un anti-mélo su passioni che implodono nei corpi e nelle menti. Un triangolo amoroso dove tutto e nulla succede. Stéphane e Maxime (Daniel Auteil e André Dussolier) sono due amici liutai, uno malinconico l’altro estroverso. Maxime è innamorato della violinista Camille, una Emmanuelle Béart al massimo del suo fulgore (davvero in quel momento una delle attrici più belle del mondo), Stéphane, forse per sfida all’amico, cercherà di farla innamorare di sé. Ma quando l’opera di seduzione sarà compiuta, si tirerà indietro, bloccato dalla sua incapacità-impossibilità a vivere le passioni. Claude Sautet firma nel 1992 il migliore film della sua vita, ancora oggi una lezione di stile ineguagliata sulla rappresentazione cinematografica dei sentimenti. (informazioni sul film)
4) Triplo gioco, Rai 4, h. 22,50. Poco conosciuto noir del 2003 di Neil Jordan (La moglie del soldato, Michael Collins), assurto nel frattempo allo status di culto. L’eclettico Jordan gira stranamente il remake di un film del ’56 di un autore lontanissimo da lui come Jean-Pierre Melville, Bob le Flambeur, e incredibilmente centra il bersaglio. Un maturo malavitoso (Nick Nolte) si barcamena a Nizza tra loschi traffici e dissipazione di sè in alcol e varie droghe, incontra una ragazza dell’est, la salva dalla schiavitù della prostituzione organizzata, prepara il colpo della vita a un caveau con una banda multietnica di specialisti. Attenzione, tra gli interpreti c’è anche il regista Emir Kusturica. (informazioni sul film)
3) Cube – Il cubo, Rai 4, h. 21,00. Il canadese Vincenzo Natali, quello di Splice per intenderci, gira nel 1997 questo strano, indefinibile, ipnotico oggetto cinematografico. Thriller, noir, fantasy, prison movie. Questo e altro è Cube. Sei persone variamente assortite sono rinchiuse in una cella cubica, incastrata come altre della stessa forma e dimensione in una megastruttura a cubo. Per capirci, una sorta di grande cubo di Rubik che qui diventa un universo concentrazionario. Come fuggire? Come salvarsi? Se dalla cella apri la porta sbagliata rischi di morire, se apri quella giusta sopravvivi ma ti ritrovi in un’altra cella analoga, sempre prigioniero. Eppure la strada per uscire ci deve essere. Un gioco, un sogno, un incubo. Un film astratto e concettuale, costruito secondo rigorosi modelli matematici e ispirato alla cosiddetta Teoria dei gochi e al suo Dilemma del prigioniero. Da vedere assolutamente. (informazioni sul film)
2) La conversazione, Sky Cinema Classics, h. 23,00. Un Coppola del periodo aureo, girato nel 1974 dopo Il padrino e prima di Apocalyspe Now, e vincitore della Palma d’oro a Cannes. Piccolo film, se confrontato ad altri suoi di maggior impegno produttivo. Ma anche con un piccolo budget Coppola sa essere grandioso e epico, con la sua capacità magistrale di trasformare in racconto anche il minimo dettaglio. Qui c’è un detective incaricato di sorvegliare e intercettare i movimenti di una coppia. Resterà coinvolto man mano nella vicenda, fino a una soluzione imprevista. Gene Hackman è l’investigatore, e le sue sedute all’apparato di intercettazione anticipano e ricordano quelle del film tedesco La vita degli altri. Coppola dichiarò di essersi ispirato a Blow-up di Antonioni. (informazioni sul film)
1) The Hurt Locker, Sky Cinema Hits, h. 23,10. Quest’anno si è portato via un sacco di Oscar. Però val la pena ricordare che quando fu presentato in prima mondiale a Venezia 2008 non se lo filò nessuno, anzi l’accoglienza fu glaciale, forse perché The Hurt Locker non era quel manifesto contro la guerra in Iraq che molti si aspettavano. Kathryn Bigelow, la più virile delle donne registe e non solo delle donne, non giudica, non stigmatizza, non emette proclami. Si limita a fare benissimo il suo mestiere e a raccontare le avventure di un pugno di uomini duri, gli artificieri americani incaricati nella sporca guerra intorno a Bagdad di disinnescare gli ordigni sospetti degli attentatori. Un film che non dà tregua, uno dei migliori bellici delle ultime decadi, te lo guardi col cuore in gola senza mai dare un’occhiata all’orologio. Ma che, nonostante (o forse proprio per) l’alto tasso di spettacolarità, fa capire benissimo cosa sia la guerra asimmetrica e combattere contro un nemico che si può nascondere ovunque e in chiunque, anche nell’apparentemente inoffensivo mercante del suq. Almeno una scena non si dimentica, ed è quella del povero kamikaze. Jeremy Renner è il tostissimo protagonista (è adesso nei cinema in The Town di Ben Affleck: andatelo a vedere, merita). (informazioni sul film)

Altre segnalazioni:
Wanted – Scegli il tuo destino, Italia 1, h. 21,10. Angelina Jolie con la pistola, in questo action dell’anno scorso di gran successo negli Usa. Angelina spara anche in Salt, in uscita tra poco. (informazioni sul film)
Due sporche carogne, Sky Cinema Classics, h. 21,10. Noir francese del ’68 con la gran coppia di duri Alain Delon-Charles Bronson. L’avevo trascurato. Lo aggiungo tardivamente alla lista dopo che Filippo Tuena me l’ha segnalato (grazie Filippo). (informazioni sul film)
Casa Howard, Studio Universal. h. 21,20. Dopo Camera con vista, un altro Ivory tratto da Edward M. Forster. Cast tutto british, grandissimo: Vanessa Redgrave, Anthony Hopkins, Emma Thompson. (informazioni sul film)
Il vizietto, MGM Channel, h. 21,00, e Il vizietto 2, MGM Channel, h. 22,35. Il primo Vizietto non solo rivoluzionò il rapporto tra cinema e omosessualità, ma influenzò anche il sentire collettivo. Resta, al di là di questo dato storico, una commedia perfetta.(informazioni sui film)
Porte aperte, Sky Cinema Italia, h. 22,40. Un Gianni Amelio del 1990, prima dei suoi grandi successi, tratto da Sciascia. Una storia molto siciliana su un giudice che nella Palermo fascista cerca di salvare un condannato alla pena di morte. Con un Volontè maturo e ormai depurato dei suoi tic espressionisti. Cinema civile ma non predicatorio né declamatorio. Sobrio. Alla Amelio, appunto. (informazioni sul film)
Alien, Iris, h. 22,40. Il primo, l’originale. Il film del 1979 firmato Ridley Scott che ha dato il via a una delle più celebri saghe del cinema horror-fantastico. Ormai un classico, con il suo mostro che si ridesta durante la missione spaziale e l’eroica Sigourney Weaver a tenergli testa. Un capostipite e una pietra miliare. Citatissimo anche in Avatar. (informazioni sul film)

Questa voce è stata pubblicata in cinema, film stasera in tv, stasera in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a FILM STASERA IN TV: gli imperdibili 7 (martedì 26 ottobre)

  1. Pingback: FILM STASERA IN TV: gli imperdibili 10 (merc. 17 nov.) | NUOVO CINEMA LOCATELLI

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.