FILM STASERA IN TV: gli imperdibili 10 (lunedì 1° nov.)

Vista l’eccellente offerta di film della serata e della notte in tv, anche stavolta dilato la consueta Top 7 a Top 10. La scelta è assolutamente personale. Chi volesse vedere la programmazione completa delle varie reti consulti Film.tv.it. Si prendono in considerazioni solo i film che incominciano tra le 21.00 e la 1.0o. Attenzione, la programmazione potrebbe cambiare all’ultimo momento (prima di vedere un film è meglio controllare, sempre su Film.tv.it, la sua presenza in palinsesto). Buona visione.
La scritta FREE indica i film trasmessi da canali non a pagamento.

10) L’odore della notte, Sky Cinema Italia, h. 21,00. Cultissimo romano-coatto, stando a quanto scrive Marco Giusti nel suo dizionario di B-movies Stracult. Film del 1998, che ricostruisce fatti e misfatti di una banda di borgatari anni ’70 chiamata per l’efferatezza delle sue imprese Arancia meccanica. Starring un perfetto Valerio Mastandrea, alla regia quel Claudio Caligari che aveva diretto nel 1983 l’oggi insostenibile Amore tossico. Tremenda e mitica in L’odore della notte la scena di Little Tony nella parte di se stesso costretto dai rapinatori che gli sono entrati in casa a cantare Cuore matto. (informazioni sul film)
9) Casa Howard, Studio Universal, h. 23,05. Dopo Camera con vista, James Ivory torna a girare un film tratto da un romanzo di Edward M. Forster. Intorno a Casa Howard avverrà un lungo, silenzioso, scontro di classe che, pur nel rispetto tutto british delle forme, avrà vincitori e vinti. Lucido e crudele. Il referto quasi viscontiano di un declino familiare. Cast enorme: Vanessa Redgrave, Anthony Hopkins, Emma Thompson. (informazioni sul film)
.8) Una notte da leoni, Premium Cinema, h. 21,15. Film eccentrico e sofisticato come una screwball comedy anni Trenta, ma con l’apparenza di una commediaccia maschile-goliardica contemporanea. Due amici più un parente tardofrikkettone imbarcato all’ultimo momento se ne vanno a Las Vegas per una pazza notte prima che uno di loro si sposi. Andrà tutto oltre ogni previsione di follia: si risveglieranno intossicati e in preda all’amnesia – The Hangover è il titolo originale – in una suite d’hotel completamente devastata, con una tigre in bagno, una gallina che scorrazza e il promesso sposo scomparso. Cos’è successo? Il film è la ricerca della verità su quella notte pazza e cancellata dalla memoria. Si scopriranno cose inimmaginabili, il matrimonio rischierà di saltare. Poi tutto si aggiusterà. Molto divertente e anche intelligente. Una sceneggiatura che non sbaglia un colpo, una commedia perfetta che è stata l’anno scorso enorme e inaspettato successo al box-office Usa. (informazioni sul film)
7) Spider-Man, Sky Cinema Max, h. 21,00. Uno dei migliori supereroi mai visti al cinema. Il manierista Sam Raimi azzecca tutto, a partire dalla scelta, sulla carta catastrofica e invece vincente, di un non-bello come Tobey Maguire, che con la sua aria da nerd riesce a chiaroscurare e nevrotizzare il suo Uomo Ragno, a dargli uno spessore oltre la bidimensionalità dei comics. Grande il lavoro fatto sulla scenografia, che ricrea un mondo senza tempo in cui confluiscono tecnologie postmoderne, architetture futuristico-langhiane alla Metropolis, reperti e immagini anni Cinquanta (quegli abiti stazzonati, quegli interni, quelle carte da parati). Cinema d’autore, anche se dagli incassi bilionari. (informazioni sul film)
6) Funny People, Premium Cinema, h. 23,05. Dell’anno scorso, è la scommessa più rischiosa di Judd Apatow, il re della nuova commedia popolar-sofisticata sospesa tra goliardia e finezze di scrittura (40 anni vergine, Molto incinta). Funny People non ha avuto il successo sperato, il pubblico non è accorso come ai precedenti film di Apatow, ma va reso atto al regista-sceneggiatore di aver tentato un’impresa quasi impossibile affrontando in chiave di commedia temi duri e tosti come la malattia e la morte. Il protagonista, Adam Sandler, è un attore che scopre di avere una forma di leucemia che gli lascia pochi mesi da vivere. Trova un ragazzo cui insegnare a recitare e forse il mestiere di vivere. Si sorride malinconicamente, si fa il tifo per il protagonista. Da vedere. (informazioni sul film)
FREE 5) Viaggi di nozze, Retequattro, h. 21,30. Non vado pazzo per Verdone, ma devo dire che questo è un gran film, di sicuro il suo vertice. I tre grotteschi viaggi da nozze che si intersecano, con Verdone triplicato in personaggi abissalmente diversi, sono semplicemente irresistibili. Sì, è il film dei coatti Ivano e Jessica e del loro immortale “lo famo strano?”, episodio che da solo vale la visione. (informazioni sul film)
4) Le due strade, Studio Universal, h. 21,10. Da riscoprire, questo film che ci arriva da lontano, dalla Golden Age di Hollywood, anno 1934. Dirige W.S. Van Dyke, il regista della serie dell’Uomo ombra, gli interpreti sono la sofisticata coppia Mirna Loy-William Powell, affiancata da un giovane e rude Clark Gable. Manhattan Melodrama, questo è il bellissimo titolo originale, racconta di due ragazzi sopravvissuti a un naufragio che verranno adottati dalla stessa famiglia. Le loro strade poi si separeranno, uno diventerà un criminale, l’altro sceglierà la legge. Ma ameranno la stessa donna. Un copione-matrice che verrà replicato nei decenni successivi in infiniti altri film, compreso il recente (2007) e magnifico I padroni della notte di James Gray. Per i cinefili: in Public Enemies di Michael Mann, Manhattan Melodrama è il film che Dillinger (Johnny Depp) va a vedersi al cinema prima di cadere vittima dell’agguato dell’Fbi. (informazioni sul film)
3) Novecento atto I, Sky Cinema Italia, h. 0,20. Confesso: non l’ho mai amato. Però devo anche ammettere che, rivisto oggi, il film resiste, nonostante l’obsolescenza della sua ideologia così insopportabilmente anni Settanta. Bertolucci mette in scena la rivoluzione contadina nella Bassa, dispiega bandiere rosse grandi come poderi a mezzadria, dipinge fascisti cattivissimi e pervertiti, epperò realizza uno spettacolo che ti avvince e non ti dà tregua, magniloquente e ipnotico come certi film di propaganda sovietici anni Venti (cui chiaramente si ispira). Il tutto, e qui sta l’astuzia bertolucciana, con i dollari dei produttori americani che, dopo il successo mondiale di Ultimo tango a Parigi, concessero al regista tutto quello che voleva. Solo che oggi Novecento funziona non tanto per il suo engagement, ma in quanto furibondo melodramma, verdiano all’ennesima potenza, corrusco, turgido come una romanza tenorile. (informazioni sul film)
FREE 2) Non si sevizia un paperino, Iris, h. 23,05. Considerato ormai il capolavoro assoluto di quel maestro dell’horror malato e perturbante che fu, che è, Lucio Fulci. Rimosso, censurato, tagliato, massacrato: tanto che non si sa più esattamente quale sia la versione originale. Ma ci pensate? Nel 1972 Fulci si inventa questo strepitoso, morboso film che, ambientato in una arcaica Lucania (che ricorda quella del bellissimo Il demonio di Brunello Rondi), mette in scena stregonerie mediterranee, preti non così innocente, bambini seviziati, passioni inconfessabili. Da brivido. Cast immenso: Irene Papas, Tomas Milian, Florinda Bolkan, Georges Wilson, Barbara Bouchet, Marc Porel. (informazioni sul film)
FREE 1) L’infanzia di Ivan, Rai Tre (Fuori Orario), h. 1,20. Il film che rivelò il genio di Andrej Tarkovskij. Il quale nell’anno 1962 arrivò del tutto sconosciuto al festival di Venezia con questo film – L’infanzia di Ivan era il suo esordio di regista – e se ne uscì con il Leone d’oro, anche se ex aequo con Cronaca familiare di Valerio Zurlini. C’è da dire che la giuria seppe vedere lontano. In una storia apparentemente di propaganda – quella di un bambino senza famiglia che si unisce ai soldati sovietici per combattere l’invasore tedesco – Tarkovskij riesce a immettere tutta la sua pietas per l’umanità ferita, il suo senso degli spazi e del paesaggio, la sua capacità di far vibrare e quasi sacralizzare la natura. Risultato emozionante, che prefigura già tutto il percorso di un maestro del cinema. (informazioni sul film)

Segnalazioni:
La più bella serata della mia vita, Cult, h. 21,00. Dimenticato Ettore Scola del 1972, tratto da La panne di Dürrenmatt, con un Alberto Sordi in uno dei suoi odiosi personaggi affiancato da Michel Simon. Da riscoprire. (informazioni sul film)
Michael Jackson’s This is it, Sky Cinema 1, h. 0,35. Il film uscito postumo e fortemente sospettato di speculare sulla tragica fine della più grande popstar musicale delle ultime decadi (insieme a Madonna). Ma, al di là delle polemiche, è un’occasione per vedere-ascoltare il leggendario MJ sul palco mentre, pochi giorni prima della sua morte, preparava il tour che sarebbe dovuto partire di lì a poco da Londra. (informazioni sul film)
Ritorno a Cold Mountain, Sky Cinema Family, h. 21,00. Leccatissimo flop di Anthony Minghella, allora reduce dal successo del Paziente inglese. Il cast stellare – Jude Law, Nicole Kidman, Renée Zellweger – non bastò a salvarlo. (informazioni sul film)
Questione di cuore, Joi, h. 21,00. Uno di quei film di Francesca Archibugi che non convincono mai fino in fondo. Anche questo è un film a metà, nonostante le buone performance di Antonio Albanese e Kim Rossi Stuart. (informazioni sul film)
Il padrone di casa, MGM Channel, h. 21,00. Il film-commedia che rivelò il talento di Hal Ashby (Harold e Maude, L’ultima corvée, Tornando a casa, Shampoo), uno dei registi di punta della Hollywood democratica primi anni Settanta. (informazioni sul film)
Il miglio verde, Premium Emotion, h.21,o0. Celebre prison-movie tratto da Stephen King con Tom Hanks. (informazioni sul film)
FREE Squadra antimafia, Rai Movie, h. 21,00. Penultimo della serie del trucido commissario Nico Giraldi, overo Tomas Milian nella sua fase post-monnezza ma sempre immerso in linguaggio ed estetica borgatara. Oggi Milian è oggetto di devozione, non immeritatamente. Certo, un film così non può piacere ai cultori del cinema alto. (informazioni sul film)
FREE Il toro, Iris, h. 21,05. Lontana commedia di Carlo Mazzacurati, appena tornato nei cinema con La passione. Qui c’erano Diego Abatantuono e Roberto Citran. (informazioni sul film)
La casa, Fantasy Channel, h. 22,00. Ennesima variazione sul tema della casa stregata. Ma occhio, questo è un classico. Esordio nel 1982 di Sam Raimi, il futuro regista di Spider-Man, un horror low-budget girato con un senso straordinario della messinscena, con un furore citazionista da allievo devoto dei grandi del passato e un’abilità tecnica già da maestro. (informazioni sul film)
Into the Mirror
, Steel, h. 22,40. Uno degli horror coreani che hanno fatto scuola in questo decennio. (informazioni sul film)
Bimba, Sky Cinema Italia, h.22,45. Per fans di Sabina Guzzanti: un film del 2003 da lei interpretato, scritto e diretto, dove ancora si accontentava di fare la comica e divertire. Che poi, si sa, con l’ambizioso Draquila sarebbero arrivati l’impegno e la controinformazione. (informazioni sul film)
Pari e dispari, Cult, h. 22,50. Tardo Bud Spencer-Terence Hill movie. A renderlo interessante è la regia di Sergio Corbucci. (informazioni sul film)
Matrix Reloaded, Italia 1, h. 23,15. Seconda puntata della saga diretta da Andy e Larry Wachowski. Snodo dell’immaginario filmico contemporaneo, anche se non all’altezza del primo e memorabile Matrix. (informazioni sul film)
La guerra di Charlie Wilson, Premium Emotion, h. 0,10. Film del 2008 ove si racconta la storia incredibile e avventurosa del deputato Usa che riuscì a far avere ai mujaheddin afghani armi e soldi per combattere l’invasione sovietica. Alla regia il glorioso Mike Nichols, Tom Hanks e Julia Roberts coppia regina di interpreti, sceneggiatura di uno dei più bravi in circolazione, Andrew Sorkin (lo stesso di The social network). Eppure La guerra di Charlie Wilson non funzionò al box-office. Ma resta un film non trascurabile. (informazioni sul film)
Ciao America!, Sky Cinema Classics, h. 0,30. Brian De Palma dirige un giovanissimo, magrissimo Robert De Niro. (informazioni sul film)
FREE Il padre di famiglia, Rai Movie, h. 0,35. 1967, Nanni Loy gira nel 1967 questo film su una coppia unita inzialmente dagli ideali e dall’impegno sociale e politico ma che poi, con la vita matrimoniale e l’arrivo dei figli, incomincia a spegnersi e avvitarsi su se stessa. Molto in anticipo sui tempi. Ottimo. Da recuperare. Grande Nino Manfredi e partecipazione straordinaria di Ugo Tognazzi. (informazioni sul film)
Riflessi di paura, Sky Cinema Hits, h.0,50. Horror del gran talento francese Alexandre Aja qui in trasferta hollywoodiana. Con Kiefer Sutherland. (informazioni sul film)
FREE Il favorito della grande regina, Iris, h. 0,50. Elisabetta I, i suoi amori, gli intrighi di corte. Ma questa non è la versione recente con Cate Blanchett ma quella del 1955 diretta da Henry Koster. Lei, la regina, è Bette Davis, nientemeno. (informazioni sul film)

Questa voce è stata pubblicata in cinema, film, film stasera in tv, stasera in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a FILM STASERA IN TV: gli imperdibili 10 (lunedì 1° nov.)

  1. Pingback: FILM STASERA IN TV: gli imperdibili 10 (mart. 2 nov.) | NUOVO CINEMA LOCATELLI

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.