TRUE GRIT è il maggior incasso di sempre dei Coen (ed ecco le nuove foto)

True Grit (Il Grinta), regia di Joel e Ethan Coen. Con Jeff Bridges (“Rooster” Cogburn), Matt Damon (LeBoeuf), Josh Brolin (Tom Chaney), Hailee Steinfeld (Mattie Ross). Uscita in Italia il 18 febbraio.

Jeff Bridges

True Grit ha incassato in America, in meno di due settimane di programmazione, ben 86,8 milioni di dollari, polverizzando quello che era il miglior risultato mai raggiunto al box office da un film dei Coen, i 74,3 milioni di dollari di Non è un paese per vecchi.

Hailee Steinfeld

I risultati del box office americano sono sbalorditivi per True Grit – Il grinta, l’ultimo film dei Coen. Dopo il secondo weekend di programmazione (per un totale di 12 giorni nei cinema), il western firmato dai fratelli di Minneapolis è arrivato alla rispettabile cifra di 86,8 milioni di dollari, numeri più da blockbuster che da film indie qual è, per quanto di lusso, questo True Grit. I siti specializzati fanno notare che in meno di due settimane il film ha polverizzato il precdente miglior risultato raggiunto dai Coen al botteghino, vale a dire i 74.283.625 di dollari di Non è un paese per vecchi. Un esito che probabilmente nemmeno gli stessi registi si aspettavano. La storia di True Grit non è inedita, fu già portata sullo schermo da un John Wayne nella fase crepuscolare della carriera che per il suo Grinta si portò a casa l’Oscar (allora sembrò un premio onorario, quasi di circostanza, oggi ci appare strameritato). True Grit non è però un remake di quel lontano western del 1969, ci hanno tenuto a ribadire i Coen, ma un film completamente nuovo che tiene d’occhio soprattutto il romanzo di partenza del 1968 di Charles Portis. Una ragazzina cui hanno ucciso i genitori ingaggia un riluttante e ormai stanco sceriffo perché la aiuti a ritrovare gli assassini e a fare giustizia. La ragazza è Hailee Steinfeld, di cui si parla come di una rivelazione. Ma a dominare è lui, Jeff Bridges, con benda sull’occhio, il Grinta provato dalla vita eppure ancora disposto a correre rischi nell’ennesima scorribanda tra le praterie del West. Se non avesse vinto l’anno scorso l’Oscar con Crazy Heart, Bridges si porterebbe a casa molto probabilmente il prossimo. Non succederà, ovvio. È comunque un momento d’oro per il 61enne attore (un’età portata alla grande, bisogna dire), che si toglie finalmente tutte le soddisfazioni che si merita e anche qualche sassolino dalle scarpe, per via di quella battuta che l’ha sempre perseguitato a Hollywood: “Jeff Bridges è il primo degli attori di seconda fila”. Adesso campeggia in cime al box office: se True Grit va alla grande, anche la strenna natalizia tutta effetti speciali e 3D Tron: Legacy, che lo vede in un doppio ruolo, fa il suo dovere, ed è già arrivata a 130 milioni di dollari sul solo mercato americano.

Jeff Bridges

Matt Damon

Josh Brolin

Jeff Bridges e Hailee Steinfeld

Jeff Bridges e Matt Damon

I fratelli Coen sul set

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=7WQ3TyA2YD4&fs=1&hl=it_IT]

Questa voce è stata pubblicata in anteprime, anticipazioni, box office, cinema, film, foto e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.