Venezia 2011 Live: oggi Cina batte Le Carré

Visti stamattina in proiezione stampa prima Tinker, Tailor, Soldier, Spy di Tomas Alfredson (ovvero l’ennesima versione di La talpa di John Le Carré) e il film cinese dela regista Ann Hui Tao jie (A Simple Life). Il primo è una grande produzione internazionale con attori di richiamo forte come Colin Firth e Gary Oldman, il secondo è una piccola produzione di Hong Kong. Eppure gli applausi più lunghi e più convinti sono stati tutti per A Simple Life, film semplice come il suo titolo, che racconta una storia molto comune e universale, di buonissimi sentimenti ma non smaccatamente ricattatoria verso lo spettatore. Film che ha commosso tuti, anche se alcuni (molti) critici alzeranno il sopracciglio. A me è piaciuto, e sono sicuro che piacerà al grande pubblico, italiano e globale. Grande Andy Lau, superstar dell’action nogkonghese (potete andarlo a vedere proprio adesso nei cinema italiani in Detective Dee), che qui è bravissimo in un personaggio di ordinaria quotidianità. Non sono andato alla conferenza stampa con Colin Firth (però intravisto mentre firmava autografi), ma non potevo perdermi quella con Andy Lau. Le recensioni dei due film prossimamente su questo blog. Intanto li ho inseriti nella mia classifica, aggiornata poco fa.

Questa voce è stata pubblicata in Container e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.