Due film di David Lynch stanotte sulle tv gratuite: 1) STRADE PERDUTE. Giovedì 8 dicembre 2011.

Strade perdute, Rai Movie, ore 2,05. (il secondo film è Twin Peaks: Fuoco cammina con me, sempre su Rai Movie, alle ore 4,20: la scheda di questo blog)
Scomoda la notte per vedersi i film in tv (si può registrare però, o andare su qualche sito di repliche), però perfetta per gli incubi, le visioni, le ossessioni, le deviazioni – narrative, linguistiche, psichiche – di quel genio davvero maudit che è il signor David Lynch. Uno che tra anni Novanta e Duemila è arrivato a un cinema di puro delirio, intendendo ciò come una sequenza di fatti e immagini senza più un barlume di connessione logica e razionalità narrativa, anzi razionalità tout-court. Cinema come flusso di scene governato-sgovernato dall’inconscio, dove le regole, se ci sono, vanno cercate e individuate attraverso metodi interpretativi quali la psicanalisi: freudiana, junghiana o di altra scuola e di altri venerati maestri. Insomma, quel percorso che per Lynch culminerà nel 2001 con Mulholland Drive, per gli estimatori del regista il suo capolavoro assoluto, il film totalmente lynchiano, un apparente delirio in realtà molto organizzato, che è quasi una messa in scena e una messa in cinema della freudiana teoria dei sogni, con tanto di spostamenti, sublimazioni, inversioni, simboli ecc. Ma questa passeggiata nell’Es, David Lynch l’aveva incominciata prima, ad esempio con questo Strade perdute del 1996. Anche qui tutto è paradossale e delirante, la realtà si schianta e si frantuma per lasciare spazio all’oltre-realtà o a una sub-realtà. C’è un uomo che finisce in galera con l’accusa di aver ucciso la moglie. Ma il giorno dopo in cella non c’è più lui, ma un altro. Chi è davvero costui? come ha fatto ad entrare in quella cella superprotetta, e come ha fatto l’altro ad uscire? Fuori c’è una donna, la ragazza di un boss, che è la copia dell’uccisa, e qui siamo dalle parti di La donna che visse due volte di Hitchcock e anche di Una sull’altra di Lucio Fulci. C’è un misterioso uomo che si aggira, c’è un misterioso corridoio-cunicolo che conduce in una dimensione oscura. Prendere o lasciare. Questo Lynch non è per tutti, ma solo per chi apprezza o sopporta, è soprattutto per i suo devoti fan, che lo seguono fedeli in ogni esperienza estrema. Con Bill Pullman e Patricia Arquette.

Questa voce è stata pubblicata in film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.