Film imperdibili stasera sulle tv gratuite: C’ERAVAMO TANTO AMATI di Ettore Scola (lunedì 26 dicembre 2011)

C’eravamo tanto amati, Rai 3, ore 21,05.
Il film di Ettore Scola che preferisco, nonostante i molti cedimenti e ammiccamenti all’air du temps (siamo nel 1974) e al clima allora dominante (e asfissiante) di impegno politico ssoluto e perfino acefalo. Ma grazie a Dio l’engagement è risolto in chiave di commedia maliconcica e nostalgica con personggi che non sono marionette dimostrative e portatrici di un qualche messaggio ma corpi e anime pulsanti e credibili. Tre amici ex partigiani, tre vite che si sono poi allontanate e che hanno preso pieghe diverse nell’Italia anni Cinquanta della normalizzazione, della caduta di quegli ideali resistenziali, dell’incipiente boom economico, della democristianizzazione totale e pervasiva. Uno fa il portantino e viene buttato ai margini del lavoro a causa del suo impegno militante (Nino Manfredi), uno emigra dal sud profondo a Roma per realizzare i suoi ideali di intellettuale organico ma non ne avrà che delusioni (Stefano Satta Flores al film della sua vita), uno ha tradito l’antico impegno e si è arricchito sposando la figlia di un palazzinaro e diventando lui stesso un boss della speculazione edilizia (Vittorio Gassman, chi se no?). C’è una ragazza da tutti amata e che connette i destini di tutti, ed è una Stefania Sandrelli adorabile. L’Italia rinata dalla guerra, l’Italia degli anni cruciali tra Cinquanta e Settanta raccontata attraverso gli emblematici tre ex partigiani. Il mio personaggio di culto è Giovanna Ralli, moglie del palazzinaro Gassman, che da plebea de’ Roma si trasforma con i soldi in signora borghese in preda alla nevrosi, anzi all’alienazione in stile Antonioni. Le scene in cui rifà i tormenti alla Monica Vitti sono indimenticabili.

Questa voce è stata pubblicata in film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Film imperdibili stasera sulle tv gratuite: C’ERAVAMO TANTO AMATI di Ettore Scola (lunedì 26 dicembre 2011)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.