Oggi è un altro giorno #1: Ma perché proibire i botti di Capodanno? (31 dicembre 2011)

‘Sta cosa dei botti proibiti a Milano e Torino per motivi risibili (presunto inquinamento, spavento di cani e gatti) mi sa tanto di stato etico-dirigista che vuole ficcanasare nelle nostre vite e dettarci la retta via. Si facessero gli affari loro i nostri amministratori e lasciassero fare e ci lasciassero un po’ di anarchia e sregolatezza, solo un po’. Il disordine di Capodanno (come quello di carnevale) è necessario, è radicato nella tradizione e nel profondo collettivo, non lo si può estirpare con un’ingiunzione comunale. Consigli a Pisapia e Fassino: leggetevi Bachtin.

Questa voce è stata pubblicata in a latere e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.