Film imperdibili stasera sulle tv gratuite: PECCATO CHE SIA UNA CANAGLIA con Loren & Mastroianni (domenica 1° gennaio 2012)

Peccato che sia una canaglia, La7, ore 1,35.
Amo molto questa commedia, anno 1954, firmata Alessandro Blasetti e con la già magnifica coppia Sofia Loren-Marcello Mastroianni in azione prima dei fasti con De Sica (che qui però li tiene d’occhio e ha modo di saggiarli bene, essendo uno degli interpreti nella parte del padre di lei). Titolo che qualcosa deve al dramma elisabettiano Peccato che sia una sgualdrina, anche se qui la protagonista ha altri vizi rispetto alla lussuria, quelli del furto e della truffa, abilità di famiglia trasmessale dal babbo (De Sica appunto, tromboneggiante e gran affabulatore e imbonitore come e più del solito). Il tassista romano Paolo (Mastroianni) rischia di farsi rubare la sua preziosa vettura dalla prorompente Lina (Loren) e dai suoi complici. Ritrova la ragazza, vorrebbe denunciarla, ma ne cade innamorato. Si dipana una commedia in cui il buon tassista vorrebbe redimere la ragazza, solo che lei fatica a cavarsi fuori dalle cattive abitudini e cattive compagnie, anche perché il papà, il ladro patentato professor Stroppiani (De Sica), vorrebbe vedere in lei la piena realizzazione della specialità di famiglia. Baruffe, colpi di scena, piccoli drammi, fino a che trionferà l’amore. Una romantic comedy popolare, che sembrerebbe tipica del neorealismo blando di quegli anni Cinquanta, e invece qui siamo in un altro universo linguistico e stilistico rispetto alla nascente commedia all’italiana dei Risi, Steno, Monicelli. Non per niente c’è all’origine un racconto di Alberto Moravia, e la matrice letteraria si sente, nei dialoghi, nella costruzione impeccabile del racconto. La Loren, che qui se la intende a meraviglia col più compassato e stilizzato Mastroianni fondando un sodalizio che darà grandissimi risultati, sembra spingere il film verso derive popolar-plebee, ma è solo un’impressione di superficie. Blasetti in realtà, chissà quanto consapevolmente, ricrea un film di incontro-scontro tra un lui di ovvia normalità e una lei di turbolenta condotta che ricorda molto da vicino la sophisticated comedy americana anni Trenta/Quaranta, anche nella sua variante screwball come Susanna di Howard Hawks. C’è anche qualcosa dei nostri telefoni bianchi, un cinema elegante che non avremmo più ritrovato dopo. Una bellissima riuscita, questo Peccato che sia una canaglia, che avrebbe potuto fondare un genere, quello della commedia popolar-sofisticata-brillante, che invece non è mai davvero decollato in Italia. Purtroppo.

Questa voce è stata pubblicata in film in tv, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Film imperdibili stasera sulle tv gratuite: PECCATO CHE SIA UNA CANAGLIA con Loren & Mastroianni (domenica 1° gennaio 2012)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.