TERRAFERMA di Crialese escluso dall’Oscar, ed è giusto così

Allora, tutti (intendo stampa e qualcuno online) a prendersela stamattina con i giurati che hanno escluso Terraferma di Emanuele Crialese dalla shortlist dei film in corsa per l’Oscar al miglior film in lingua straniera. Shortlist di nove titoli, che verranno ulteriormente ridotti tra qualche giorno ai cinque delle nomination definitive. Sull’elenco, che presenta parecchie sorprese sia per gli esclusi che per gli inclusi, rimando a eventuale commento successivo. Intanto dico solo che Terraferma non è mai stato seriamente in corsa, non è mai stato citato tra i probabili nominati dai siti specializzati in Oscar predictions, non è mai comparso tra i migliori film stranieri finalisti ai tanti premi pre-Oscar. Passato pure inosservato e nell’indifferenza generale: recensioni all’estero pari a zero virgola qualcosa, interesse minimo dei critici anzi nullo. Allora quale sorpresa? Era chiaro da tempo che sarebbe finita così, solo qui, dalle nostre provincialissime parti, si pensava che il film di Crialese fosse in pole position e godesse dell’alta considerazione degli addetti ai lavori. Ma quando mai, bastava fare un giro veloce su internet per rendersi conto del contrario. Invece si lascia intendere che l’esclusione sia il frutto di oscuri complotti anti-italiani, o ci si fustiga perché siamo incapaci di promuovere adeguatamente i nostri prodotti all’estero e non sappiamo fare lobbying su chi decide gli Oscar ecc. ecc. Vogliamo scherzare? Ma l’avete vista la shortlist? Ci sono dentro perfino un film marocchino e uno taiwanese e uno belga, vi pare che dietro ci sia il lavoro di un potente gruppo di pressione? La verità semplice e amara, e che ci costa tanto ammettere, è che Terraferma è un brutto film e non meritava la nomination, tutto qui.

Questa voce è stata pubblicata in Oscar, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.