OSCAR 2012 LIVE: purtroppo The Artist miglior film (commento alle 5,36)

(Seguendo gli Oscar su Sky)
Bene, anzi malissimo. The Artist si è portato a casa anche l’Oscar più importante, quello come migliore film, dopo quelli per la regia e per l’attore protagonista. Che scandalo, premiare un filmuccio così quando c’erano in ballo cose come Hugo Cabret e The Tree of Life, ma così va il mondo, così va Hollywood. Almeno Hazanavicius ha ringraziato/ricordato Billy Wilder, il quale però in Viale del tramonto aveva detto sul passaggio dal cinema muto al sonoro molto, molto di più e molto meglio di The Artist.

Questa voce è stata pubblicata in Oscar e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a OSCAR 2012 LIVE: purtroppo The Artist miglior film (commento alle 5,36)

  1. houssy scrive:

    Caro Luigi, vedo che ancora una volta siamo in perfetta sintonia. Ho odiato The artist, l’ho trovato terribilmente furbo e decisamente presuntuoso, come se fosse l’unico esperimento di questo tipo (non so se per esempio ricordi Dr. Plonk di Rolf De Heer di qualche anno fa, tanto per citare un film recente). Molto meglio Hugo, con il suo omaggio al cinema sentito e sentimentale, sincero e toccante. Meno male che almeno la Streep ha fatto giustizia e si è ripresa ciò che le spettava di diritto, il palcoscenico. Per il resto una cerimonia piuttosto deludente esclusi i soliti momenti topici, che ormai sono accademia.
    Un saluto e a presto.

  2. seppukkunt scrive:

    il fatto che il pubblico continui a osannare the artist è l’ulteriore segno che si guarda a quello che ci può far sembrare più intelligenti e prendere per buona qualsiasi cazzata passata per capolavoro senza sforzarsi di avere un occhio critico. the artist è un film insulso, autoreferenziale nell’accezione più spregiativa, ma tutti lo amano perché fa figo far vedere che si riesce a vedere un film muto, senza poi prendersi la briga di verificare che esistono decine e decine di registi che hanno fatto un lavoro che fa sembrare quello di hazanavicius l’ultimo dei film di alvaro vitali. la cosa che mi innervosisce particolarmente è l’aver letto in numerosi presunti blog di cinema la stessa identica frase: “solo i francesi sono in grado di proporre un film muto nel 2011/che coraggio fare un film muto nel 2011” e idiozie così. se ti occupi di cinema e non hai mai sentito parlare di guy maddin, per fare l’esempio più lampante, nè ti prendi la briga d’informarti a riguardo, non dovresti trattare di cinema e basta. ma vabbe’, come avevo già detto, è tutta colpa di pavlov.

  3. Pingback: #Oscar Ruffiano e prevedibile: The Artist è così? « Il Frullatore di Oliver Panichi

  4. Pingback: Ruffiano e prevedibile: The Artist è così? « Il Frullatore di Oliver Panichi

  5. Quando sono candidati un film come Hugo Cabret e The Tree of Life tutti gli altri dovrebbero mettersi da parte, ma Hollywood, si sa , è Babilonia, un luogo dove arroganza e ignoranza spadroneggiano, Ringrazio Martin Scorsese e Terrence Malick per la gioia che mi hanno dato.

    • luigilocatelli scrive:

      sottoscrivo pienamente. non si può dare l’oscar per la regia a hazanavicius quando in gara ci sono scorsese e malick, vogliamo scherzare? (e vogliamo parlare di quelli che neanche sono stati nominati, tipo il mcqueen di shame o il refn di drive?)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.