Film-capolavoro stanotte sulle tv gratuite: LA FIAMMA DEL PECCATO di Billy Wilder (martedì 27 marzo 2012)

La fiamma del peccato, Rai Movie, ore 1,30.
Sì, capolavoro, non si discute, non si può discutere. Quando si parla di noir, e di femmine fatali e torbide, bisogna fare i conti con questo grandissimo La fiamma del peccato e con la sua luciferina, ambigua, indimenticata protagonista Barbara Stanwyck. Dirige Billy Wilder e sceneggia Raymond Chandler da un romanzo di James M. Cain, e già a leggere i nomi in sequenza si resta senza fiato. Esce nell’anno di guerra 1944, anticipando di poco un altro film analogo per trama e atmosfere, Il postino suona sempre due volte, del 1946 (pure questo da Cain). La storia l’abbiamo vista e la vedremo molte volte, ed è quella del brav’uomo un po’ stupido che si lascia manipolare da una vamp senza scrupoli affinché la aiuti a far fuori l’odiato marito. Qui l’ingenuo di turno è l’assicuratore Fred MacMurray, lei è Barbara Stanwyck, of course, la dark lady più dark della storia del cinema insieme a Lana Turner, modello inarrivabile e mai più raggiunto, basta vedere come guata e sorride crudele, e a come circuisce il povero assicuratore perché faccia firmare al marito una polizza che, in caso di morte accidentale, pagherà a lei una doppia indennità. Double Indemnity è difatti il bellissimo titolo originale, anche se va detto che il titolo italiano è altrettanto efficace. Billy Wilder firma uno dei suoi film non-commedia, dove tira fuori tutto il suo disincanto di uomo venuto da un’Europa minacciata dai demoni, prima l’Austria di fine impero poi la Germania di Weimar. Di espressionista, e di omaggi al grande cinema tedesco degli anni Venti-primi Trenta, qui c’è molto, a partire dallo stile. Tutto è ombra in questo film, ombre che si stagliano sulle parete e sui corpi, e che di La fiamma del peccato sono la sigla, il segno che non dimenticheremo più.

Questa voce è stata pubblicata in film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.