Film da ritrovare stasera sulle tv gratuite: IL GRANDE UNO ROSSO (giovedì 19 aprile 2012)

Il grande Uno rosso, di Samuel Fuller, su 7 Gold alle ore 21,10.
Bellico del 1980 firmato dal macho Samuel Fuller, che quando uscì in Italia convertì al cinema di genere la critica fino ad allora militante e gauchiste e votata solo al più rigoroso e impervio cinema d’autore. Lo salutarono come un capolavoro muscolare e virile alla vecchia maniera dei classici di Hollywood, e ancora mi chiedo come sia potuto accadere tutto questo, e così repentinamente. Non che il film di Samuel Fuller non meritasse, anzi. Però, con la sua esaltazione-celebrazione del rito maschio e guerriero della battaglia e del sangue non si poteva certo dire omogeneo alla cultura de’ sinistra di quei critici. Ma lo stesso cambiamento sarebbe accaduto ancora più clamorosamente, o stava accadendo proprio allora, nei confronti di Clint Eastwood, prima dileggiato e vilipeso come fascista ai tempi dell’Ispettore Callaghan da gran parte della nostra stampa e poi salutato dagli stessi che gli davano del fascio come autore puro di un cinema anarco-individualista più rosso che nero. Questo Il grande Uno rosso piacque parecchio dalle nostre parti anche perché i francesi avevano già fa tempo (addirittura dalla Nouvelle Vague) sdoganato Samuel Fuller tra gli autori massimi, e dunque ci si doveva prontamente adeguare. Però il film era davvero da vedere, ed è da rivedere, su questo non si discute. Quattro soldati della divisione americana di fanteria The Big Red One, ai comandi del sergentaccio Lee Marvin, vengono seguiti dalla mdp su vari fronti durante la seconda guerra mondiale, dall’Algeria alla Normandia, Sicilia, Cecoslovacchia. Le battaglie, il fuoco, il massacro, il sangue, i corpi spappolati, braccia e teste che volano e rotolano. Vittorie e sconfitte. Che siano il deserto o le lunghe spiagge atlantiche a fare da sfondo, il rito crudele è sempre lo stesso, e le vittime sono gli ultimi, i soldati. La guerra vista dal basso, da chi ci rischia la vita. Film di una sincerità che trapassa lo schermo e arriva al cuore di chi guarda, dove la battaglia è nello stesso tempo suprema prova per l’uomo (inteso come esemplare maschile) e grande gioco dei potenti a spese degli ultimi. Uomini in bilico tra eroismo e lotta per la sopravvivenza. Un bellico girato da uno che la guerra l’aveva fatta davvero e la conosceva bene, un capolavoro di un autore ormai quasi settantenne dalla carriera leggendaria di grande outsider, amato e poi ripudiato da Hollywood, e poi riscoperto e adorato da critici e autori. Un’icona, con il suo inconfondibile sigaro e il cappellaccio, che si prestò anche per apparizione d’attore memorabili in The Last Movie di Dennis Hopper, Lo stato delle cose e Hammett di Wim Wenders.

Questa voce è stata pubblicata in film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Film da ritrovare stasera sulle tv gratuite: IL GRANDE UNO ROSSO (giovedì 19 aprile 2012)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.