Film stanotte sulle tv gratuite: DIARIO DI UN VIZIO, il primo dei tre film di Marco Ferreri trasmessi da Rai Movie (mercoledì 8 maggio 2012)

Stanotte Rai Movie dedica un omaggio a Marco Ferreri a 15 anni dalla sua scomparsa a Parigi trasmettendo tre suoi film:
ore 1,25: Diario di un vizio (1993).
ore 2,55: Marcia nuziale (1965).
ore 4,20: Dillinger è morto (1969).

Diario di un vizio
Film pochissimo visto già quando uscì, nel 1993. Un film samizdat, semiclandestino, il penultimo di Marco Ferreri. Con incredibilmente Jerry Calà (Calà!) protagonista e una Sabrina Ferilli al suo esordio o quasi. Disturbante, come e più degli altri Ferreri. Allora non ce la feci a guardarmelo: insostenibile. Perché ti comunico un senso di miseria, di degrado, di disagio, di laidezza come pochi. Un venditore di detersivi per strada (e già questo fa venire i brividi), cioè Calà (my God!), vive una vita da niente in una squallida pensione romana. La sua unica via di fuga, ma forse è invece un ribadire l’impossibilità di ogni fuga, è tenere un diario ossessivo dove annota la sua piatta quotidianità e la sua storia con una ragazza (Ferilli) che lo tradisce. Ferreri, come nel suo capolavoro Dillinger è morto, fa del cinema su un uomo che si muove e annaspa nel vuoto, cinema dell’alienazione e dell’abiezione quotidiana, della perdità di ogni dignità. Solo che siamo lontani da quell’esito altissimo, qui si respira soprattutto lo squallore, senza alcun riscatto possibile, nemmeno estetico, nemmeno stilistico e linguistico.

Questa voce è stata pubblicata in film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.