IL GRANDE GATSBY di Luhrmann slitta all’estate 2013 e diventa un caso (intanto trailer e foto)

Leonardo DiCaprio e Carey Mulligan in ‘Il grande Gatsby’ di Baz Luhrmann

Un’altra scena

Il Grande Gatsby non sarà visibile prima dell’estate 2013″. Il comunicato della Warner Bros., congiuntamente sottoscritto dal presidente della distribuzione americana Dany Fellman e dalla responsabile della distribuzione internazionale Veronika Kwan Vandenber, è arrivato qualche giorno prima di Ferragosto e, nonostante la stagione, ha gelato le legioni di fans da tempo in attesa di uno dei film più importanti degli ultimi tempi. Diretto da quel Baz Luhrmann che in Moulin Rouge! aveva fatto miracoli, compreso quello di far cantare e ballicchiare Nicole Kidman, è l’ennesima trasposizione in cinema del romanzo più celebre di Francis Scott Fitzgerald, celebrazione come nessun’altra opera letteraria dei folli, vitalistici, perduti anni Venti. Il trailer già distribuito, anche piuttosto lungo e corposo, lascia intravedere uno spettacolone sgargiante e assai ipermoderno in cui Luhrmann realizza un altro pastiche (con qualche rischio di pasticcio) secondo la ricetta ibridante e contaminazionista di Moulin Rouge! Solo che stavolta prende di mira gli anni Venti americani anzichè quelli tardo-ottocenteschi dell’assenzio e della Bohème parigina, e per moltiplicare l’effetto colossale è ricorso pure al 3D. Protagonisti, assolutamente credibili almeno fisicamente, la nuova coppia Leonardo DiCaprio-Carey Mulligan, per intenderci la giovane moglie sola di Drive, la sorella di Fassbender in Shame. Li affiancano l’ex uomo-ragno Tobey Maguire e Joel Edgerton (Animal Kingdom, Warrior). Solo che questo The Great Gatsby sta diventando, se non proprio un caso, almeno un giallo d’agosto sotto il sole torrido della californiana Hollywood. Lo slittamento dell’uscita addirittura all’anno prossimo accende e rinfocola dubbi, sospetti, ipotesi, rumors, perfidie. Figuriamoci, fino a solo un paio di mesi fa lo si dava addirittura come possibile entrata nelle lineup della Mostra di Venezia e del Toronto Film Festival di questo settembre, invece niente né al Lido né in Canada. Warner Bros. aveva annunciato l’uscita a Natale, periodo di grandi incassi e perfetto per la corsa agli Oscar (secondo il regolamento, i film per concorrere devono essere in sala entro il 31 dicembre). Invece adesso arriva questo posticipo clamoroso all’estate 2013 (in America: il che vuol dire chissà quando in Italia, e pensare che da noi era già stata fissata la data del 13 febbraio). Il presidente della distribuzione americana WB Fellman ha per The Great Gatsby parole entusiastiche: “Basandoci su quanto abbiamo visto, quello di Luhrmann è un incredibile lavoro che va al di là delle previsioni. Un film che dà vita al classico di Scott Fitzgerald in uno stile visivamente sensazionale”. Aggiunge la sua collega della distribuzione internazionale Veronica Kwan Vandenberg: “La risposta che abbiamo avuto nelle proiezioni test è stata fenomenale e pensiamo che Il grande Gatsby sarà un perfetto summer movie a livello globale”. Ma sui siti specializzati americani il gioco delle illazioni e delle dietrologie si è già scatenato. Insomma, cos’ha davvero indotto a questa decisione? Stando ai maligni, la produzione non è per niente convinta del film e preferisce che si lavori ulteriormente in fase di editing e post-produzione per raddrizzare un risultato pericolante. Dunque, non si crederebbe al film così com’è ritenendolo non in gradodi affrontare il pubblico esigente del periodo natalizio e ancor meno la corsa all’Oscar. A rafforzare il sospetto ci sarebbe il fatto che Il grande Gatsby poco si adatterebbe al periodo estivo, stagione notoriamente più da popcorn-movie a effetti e effettaci speciali che a film complessi tratti da opere letterario, e dunque la scelta di farlo cadere proprio lì sarebbe solo dettata dalla necessità di ulteriori, imprescindibili interventi volti a rimediare un film sbilenco. Macchè, ribattono altri, si tratta di una scelta razionale che vuole valorizzare al massimo le enormi potenzialità del film, ricordando che il maggior successo di Luhrmann, Moulin Rouge!, uscì proprio d’estate e dunque il periodo sarebbe perfetto anche per The Great Gatsby. Secondo alcuni Hollywood-watchers il ritardo sarebbe invece dovuto al ben noto perfezionismo del regista che, alle prese oltretutto con la complicazione del 3D, avrebbe richiesto più tempo per l’editing e la post-produzione. Altra interpretazione benevola è quella che vede nella mosssa della WB il desiderio di sottrare il film a una corsa agli Oscar già affollata di titoli di origine letteraria, dunque direttamente concorrenti del Grande Gatsby, come Anna Karenina (con Keira Knightley) e il musical Les Miserables (con Russell Crowe e Anne Hathaway). Siamo insomma in pieno porto delle nebbie, molte illazioni e poche certezze. Vista l’estenuante attesa di un altro anno, sarà il caso intanto di dare o ridare un’occhiata a quella che resta a tutt’oggi la più famosa trasposizione in film del romanzo di Scott Fitzgerald, quella realizzata nel 1974 da Jack Clayton con protagonista la coppia d’oro Robert Redford-Mia Farrow.

Da ‘Il grande Gatsby’ di Baz Luhrmann. In primo piano Tobey Maguire e Carey Mulligam dietro Leonardo DiCaprio

TRAILER
[youtube http://www.youtube.com/watch?v=rARN6agiW7o&w=560&h=315]
“The Great Gatsby,” won’t be seen until next summer, since Warner Bros.

Questa voce è stata pubblicata in anticipazioni, film, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.