Film stasera sulle tv gratuite: IL PAPAVERO È ANCHE UN FIORE (venerdì 17 agosto 2012)

Il papavero è anche un fiore****, la 7, ore 1,10.
Quando in Iran c’era lo Scià occidentalizzante, le frontiere erano aperte alle troupe straniere e il paese diventava un set di spy stories come questa. Spy (e crime) story che si porta dietro tutto il profumo dei suoi anni Sessanta prima della rivoluzione (il film è del 1966), tratta com’è esemplarmente da un racconto dell’Ian Fleming inventore di James Bond e diretta da Terence Young, che dei Bond movies è stato uno dei massimi registi. Il papavero del titolo è naturalmente il papavero da oppio, e il film racconta della caccia al reseau dei trafficanti di eroina che, dalle coltivazioni in Iran, attraversavano la Turchia per arrivare in Europa a vendere e smerciare. Per lo Scià il film fu anche l’occasione, allora si disse, di celebrare la lotta del suo Iran alla droga, proprio mentre parte dell’opposizione lo accusava quel traffico di appoggiarlo, e di ricavarne profitti. Insomma, sono parecchi i motivi anche extrafilmici per riscoprire Il papavero è anche un fiore, a partire dalle location strepitose oggi impossibili. Cast da vertigine. Yul Brinner quale agente (turco!) antidroga, Omar Sharif, Trevor Howard, Eli Wallach, Stephen Boyd (il cattivo Messala di Ben-Hur), Angie Dickinson, Senta Berger, perfino una Rita Hayworth declinante ma sempre mitologica. Più cultistiche apparizioni di Amedeo Nazzari (e già questo) e Marcello Mastroianni quali agenti della nostra polizia. Ancora, la tedesca Nadja Tiller della Ragazza Rosemarie, Marilù Tolo, Jack Hawkins. Imperdibile per chi adora (come me) il cinema di genere anni Sessanta e quelle irripetibili coproduzioni con cast misto-international messi su per accontentare tutti i pubblici e i vari finanziatori. Ma il dettaglio più incredibile è la voce fuori campo di Grace Kelly (non creditata), qui nel suo unico pur se parziale ritorno al cinema dopo la promozione via matrimonio a principessa di Monaco. Fu convinta a partecipare per via dell’impegno antidroga del film e, se ricordo bene, dalla benedizione all’intera operazione da parte dell’Onu. Ovviamente una chicca che col doppiaggio ci siamo persi.
Gli asterischi:
* da evitare
** evitabile
*** vedibile
**** da vedere
***** indispensabile

Questa voce è stata pubblicata in cinema, film, film in tv, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.