PIETÀ di Kim Ki-duk, Leone d’oro a Venezia, esce il 14 settembre. Trailer e recensione

Venerdì 14 settembre, a pochi giorni dal Leone d’oro vinto a Venezia (la consegna dei premi è stata sabato 8 settembre), esce nei cinema Pietà del coreano Kim Ki-duk. Per saperne qualcosa di più rimando alla mia recensione da Venezia subito dopo la proiezione (e prima del Leone). Storia del brutale esattore di uno strozzino e di una madre, storia d’amore e vendetta, storia di colpe ed espiazioni disseminata di richiami religiosi, simboli cristiani e non. Faccio notare che la casa di distribuzione, la Good Films, ha nel frattempo aggiunto l’acento al titolo originale che è, e resta, Pieta, forse a riecheggiare il latino pietas. Film a fasi alterne, con voragini e abissi ma anche picchi inarrivabili e momenti sublimi, che è il caso di non perdersi. Avvertenza: trattasi di film cruento, disturbante, a tratti insostenibile, dunque prepararsi. Bel film comunque, anche se io il Leone maggiore l’avrei dato a The Master di Paul Thomas Anderson.
[youtube http://www.youtube.com/watch?v=qNwTnicZekM&w=560&h=315]

Questa voce è stata pubblicata in cinema, film, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a PIETÀ di Kim Ki-duk, Leone d’oro a Venezia, esce il 14 settembre. Trailer e recensione

  1. Pingback: Ecco perché PIETA di Kim Ki-duk non ha l’accento (nell’originale) | NUOVO CINEMA LOCATELLI

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.