Film classici stasera sulle tv gratuite: PROFONDO ROSSO di Dario Argento (martedì 9 ottobre 2012)

Profondo rosso, Iris, ore 1,16.
Obbligatorio. Il capolavoro del primo (e migliore) Dario Argento, quello che aveva reinventato il thriller sadicizzandolo e italianizzandolo, e però ancora si atteneva a un pur minimo schema narrativo classico, prima di sprofondare nell’orrore assoluto, fine a se stesso, autistico, celibe, di Suspiria e seguenti. C’è una misteriosa casa, che è una villa liberty di sinistra suggestione, dove su una parete è graffitato un disegno che è la chiave della vicenda. Ci sono delitti a catena, assai efferati in stile Argento. C’è un inglese che indaga, ed è il David Hemmings di Blow-up, coadiuvato da una giornalista italiana, una bellissima Daria Nicolodi molto icona Seventies, moglie di Argento e mamma di Asia. Si uccide, in Profondo rosso (anno 1975), perché in quella villa qualcuno in tempi lontani uccise. Ma cos’era successo davvero e perché quel passato ritorna? Stuolo di interpreti fantastici, da Gabriele Lavia figlio devoto a Macha Meril medium. C’è anche Clara Calamai, la diva del viscontiano Ossessione, qui riesumata in una sorta di Viale del tramonto sul Tevere. Chi se la dimentica più quella scena finale? Quell’ascensore? Colonna sonora che divelse le charts di allora.

Questa voce è stata pubblicata in film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.