Film oggi sulle tv gratuite: IL GRANDE FREDDO (domenica 21 ottobre 2012)

Il grande freddo, Rai Movie, ore 17,15.
Titolo diventato proverbiale, entrate nel linguaggio medio globale autonomizzandosi anche dal film che l’ha generato, a indicare ormai in ogni latitudine la caduta delle illusioni giovanili, l’inevitabile normalizzazione e patteggiamento con il mondo che prima o poi  arriuva per tutti. In questo film The Big Chill, il grande gelo, è quello che coglie e avvolge un gruppo di ex compagni e amici e sodali dei mitologici anni Sessanta della rivoluzione (mancata), della protesta furiosa nei college e nelle strade contro l’establishment, della diserzione dalla guerra del Vietnam. Si ritrovano tutti attorno alla bara di uno di loro, suicida senza apparente motivo. Siamo nel 1963, quindici anni sono passati dai sogni di palingenesi, ora quella morte costringe tutti a guardarsi dentro, e anche fuori, alla realtà com’è, diversa da quella che si sarebbe voluto, ma è la realtà, e bisogna farci i conti. Film epocale, ma per davvero, che mise a fuoco quel preciso momento dei primi anni Ottanta in cui la generzione sessantottina dei baby boomers diventò finalmente adulta, un passaggio che in Italia fu motlo mediatizzato e chiamato riflusso. Curiosamente Il grande freddo è molto simile nell’impianto e nella narazione a C’eravamo tanto amati di Ettore Scola, dove a essere disillusi erano tre reduci dalla Resistenza immersi nell’Italia del boom e del post boom, e chissà se il regista Lawrence Kasdan gli ha dato un’occhiata prima di girare. Gran cast: Kevin Kline, Tom Berenger, Glenn Close, William Hurt (il migliore), Jeff Goldblum. Kevin Costner ricorda sempre che gli toccò fare il morto nella bara, solo che poi lo tagliarono in fase di editing.

Questa voce è stata pubblicata in Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.