‘This must be the place’ di Sorrentino esce finalmente in America (il 2 novembre)

Il poster americano

Ormai in America lo davano per desaparecido. Invece This must be the place, il film di Paolo Sorrentino presentato in prima mondiale a Cannes 2011, il 2 novembre finalmente esce negli Stati Uniti. Qualcosa come un anno e mezzo dopo Cannes. Il potente Harvey Weinstein, che si era assicurato subito la distribuzione del film per gli Usa, l’ha tenuto in frigorifero per tutto questo tempo, e una ragione ci sarà. Forse non c’è mai stata molta convinzione sulle potenzialità di This must be the place nell’ostico mercato nord americano nonostante la presenza di Sean Penn. Gli addetti ai lavori erano convinti che Weinstein l’avrebbe fatto uscire entro il 31 dicembre dell’anno scorso, in modo che potesse concorrere agli Oscar, ma il tycoon aveva altri titoli forti in casa su cui puntare, come The Artist, The Iron Lady e Marilyn, e ha giocato con quelli (vincendo alla grande). Il fatto che lo mandi nei cinema adesso potrebbe voler dire che si sia deciso a lanciarlo nella corsa agli Oscar e Golden Globes 2013, ma anche stavolta è assai probabile che privilegi altri film del suo listino con maggiori chance, come The Master, Silver Linings Book e Quasi amici. Intanto, le prime recensioni americane per il film di Sorrentino non sono malvage, sicuramente meglio del previsto. Il sito Metacritic, basandosi per ora su sole 8 recensioni, gli assegna un passabile 65%. Meglio Rotten Tomatoes che, contabilizzando 43 recensioni, gli dà un buon 74%. Resta da vedere come risponderà il pubblico e se i siti specializzati in Oscar Predictions lo inseriranno nelle loro liste.
IL TRAILER AMERICANO

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, festival, film e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.