Film-cult stasera sulle tv gratuite: QUEL NOSTRO IMPOSSIBILE AMORE (mercoledì 7 novembre 2012)

Quel nostro impossibile amore (La bella Lola), Iris, ore 1,09.
In uno dei suoi film meno amati eppure più stratificati, complessi e rivelatori, La mala educacion, Pedro Almodóvar omaggia una delle icone pop spagnole e uno dei suoi feticci, Sara Montiel, anzi Sarita come affettuosamente la chiamavano e continuano a chiamarla i suoi devoti. Cantante-attrice e anche un po’ ballerina, Montiel ha dominato certo cinema di genere spagnolo e latinoamericano tra anni Cinquanta e Sessanta diventando pure una gay icon potente come poche. Il protagonista (uno dei due protagonisti, entrambi interpretati da uno strepitoso Gael Garcia Bernal) di La mala educacion si esibisce come drag queen rifacendo un celebre numero canoro di Sara ‘Sarita’ e, tanto per non lasciare ulteriori dubbi, Almodóvar ci mostra con nostalgia un cinema grandiosamente decaduto con la locandina ormai strappata di uno dei suoi film più celebri, La bella Lola. Che, signori, è esattamente quello che stanotte Iris manderà in onda, nella versione italiana e con il brutto titolo italiano Quel nostro impossibile amore. Visione altamente consigliata, soprattutto se si ama Almodóvar e il suo cinema. Un classico melodramma, come ne produceva la Spagna ancora profondamemnte incassata nel franchismo dei primissimi anni Sessanta, un melodramma simile ai nostri Matarazzo e dintorni, o ai nostri fotoromanzi. Un adattamento contemporaneizzato di La signora delle camelie/La Traviata con qualcosa pure preso dall’Angelo azzurro. Dunque, un rampollo di famiglia altolocata per scommessa e per sfida seduce una cantante di night, la bella Lola del titolo originale, naturalmente interpretata da Sara Montiel. Ma ne cadrà innamorato e, sfidando ogni convenzione sociale contraria a quella mesaillance (un ragazzo perbene con una peccaminosa chanteuse!), la imporrà alla sua famiglia e al suo ambiente. Interverrà la madre di lui, implorando la sciantosa di mollare il figlio se vuole salvarlo dalla rovina (e qui siamo proprio alla Traviata, solo con mamma al posto di papà Germont). Così accadrà. Con conseguenze altamente (melo)drammatiche. Ora, come si può resistere a una tale goduria? Attenzione, lui è un nostro bellone proletario anni Cinquanta, Antonio Cifariello, qui in esportazione sul mercato spagnolo. C’è anche Luisa Mattioli, che più tardi sarebbe diventata la signora Roger Moore.

Questa voce è stata pubblicata in Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Film-cult stasera sulle tv gratuite: QUEL NOSTRO IMPOSSIBILE AMORE (mercoledì 7 novembre 2012)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.