I crtitici di New York premiano Kathryn Bigelow e ‘Lincoln’ di Spielberg

‘Zero Dark Thirty’: il film di Kathryn Bigelow sulla caccia a Bin Laden ha vintro tre premi del NYFCC. Lo vedremo a gennaio.

Tre premi anche a ‘Lincoln’ di Spielberg, tra cui quello a Daniel Day-Lewis come miglior attore.

Il New York Film Critics Circle, associazione che raggruppa i critici di cinema newyorkesi, ha assegnato ieri i suoi premi, considerati l’avvio della stagione che culminerà nei Golden Globes e negli Oscar e tenuti in gran conto dagli addetti ai lavori. Tre premi sono andati a Zero Dark Thirty, l’attesissimo film (sarà nei cinema americani tra pochi giorni, in quelli italiani a gennaio) sulla cattura di Bin Laden che segna il ritorno di Kathryn Bigelow dopo i trionfi di The Hurt Locker: miglior film, migliore regia e miglior fotografia (Greig Fraser). Tre riconoscimenti se li porta via anche il Lincoln di Steven Spielberg, che sta funzionando molto bene al box office Usa: miglior attore protagonista (Daniel Day-Lewis), miglior sceneggiatura (Tony Kushner), miglior attrice non pritagonista (Sally Field). Sul piano numerico, un pareggio, ma certo il film della Bigelow si assicura i due premi più pesanti, miglior film e miglior regista.
Ecco la lista completa. Da sottolineare la vittoria meritata di Matthew McConaughey nella categoria miglior attore non protagoìnista per due film, Magick Mike e Bernie. Prevedibile e sacrosanto il riconoscimento ad Amour di Haneke come migliore film in lingua straniera. La sorpresa è Rachel Weisz, migliore attrice per The Deep Blue Sea di Terence Davies (sì, il maestro di Voci lontane, sempre presenti), che chissà se vedremo in Italia.
Miglior Film: “Zero Dark Thirty”
Miglior regista: Kathryn Bigelow, “Zero Dark Thirty”
Migliore sceneggiatura: Tony Kushner, “Lincoln”
Migliore attrice: Rachel Weisz, “The Deep Blue Sea”
Migliore attore: Daniel Day-Lewis, “Lincoln”
Migliore attrice non protagonista: Sally Field, “Lincoln”
Migliore attore non protagonista: Matthew McConaughey, “Bernie” e “Magic Mike”
Miglior fotografia: Greig Fraser, “Zero Dark Thirty”
Migliore film non-fiction: “The Central Park Five”
Migliore film animato: “Frankenweenie”
Miglior film in lingua straniera: “Amour”
Migliore opera prima: David France, “How to Survive a Plague”

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, premi e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.