Flop del nuovo film americano di GABRIELE MUCCINO

È uscito negli Stati Uniti lo scorso weekend Playing for Keeps, il nuovo film americano di Gabriele Muccino, per l’esattezza il terzo dopo La ricerca della felicità (grandi incassi) e Sette anime (incassi deludenti), entrambi con Will Smith. Che stavolta non c’è. Protagonista di Playing for Keeps – che in Italia si chiamerà Quello che so sull’amore e sarà nei cinema il prossimo 10 gennaio – è il Gerald Butler diventato quasi-star con 300 e che anche qui mostra i muscoli, stavolta come ex campione di calcio: ora in declino e fuori dal giro, tant’è che, tornato al paesello americano dove vivono la ex moglie e il figlio ragazzino, si lascia convincere a far da allenatore alla baby-squadra in cui gioca il rampollo. Finirà col diventare l’ambita preda sessuale di alcune mamme dei mini calciatori. Cast di rispetto. La moglie è Jessica Biel, le signore a caccia del maschio Gerald sono Catherine Zeta-Jones e Uma Thurman. Nomi che non sono però bastati a convincere il pubblico. Distribuito in ben 2837 sale, durante il suo primo weekend di programmazione Playing for Keeps ha incassato solo 6 milioni di dollari, una cifra molto bassa per gli standard americani e che già ne decreta il flop. ‘Butler Bombs’, Butler fa fiasco, titola Mojo, sito specializzato in box office. Tra le cause individuate, lo scarso appeal sul pubblico di Gerald Butler, non proprio una superstar, ma soprattutto il genere ibrido del film, sospeso tra romantic comedy e sport, cosa che finisce con lo scoraggiare sia il pubblico maschile che quello femminile. Disastroso lo score su Rotten Tomatoes: 2%. Che, tradotto, vuol dire che il 98% dei critici presi in considerazione dal sito lo hanno stroncato. Va un po’ meno peggio, ma sempre male, su Metacritic, sito che fa una media dei voti assegnati nelle varie recensioni: 30%. Siamo dalle parti, spiace dirlo, del disastro. Non è un buon momento per i nostri registi in America. This Must Be The Place di Paolo Sorrentino, distribuito recentemente da Weinstein dopo essere stato tenuto in freezer per un anno e mezzo, è passato nell’indifferenza generale nonostante la presenza di Sean Pean incassando solo un manciata di dollari.

Questa voce è stata pubblicata in anticipazioni, cinema, Container, film, news e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.