Film stasera su Sky: ROMEO E GIULIETTA di Franco Zeffirelli (mercoledì 19 dicembre 2012)

Romeo e Giulietta, Sky Cinema Classic HD, ore 21,00.
leonard-wSì, c’è stato un tempo in cui Franco Zeffirelli girava bei film. Diciamo a metà degli anni Sessanta quando riuscì a ricavare da Shakesperare con risultati memorabili prima La bisbetica domata con la gran coppia Elizabeth Taylor-Richard Burton in versione quasi autobiografica e poi questo Romeo e Giulietta. Un testo messo in scena mille volte, usurato e abusato, ma che uno Zeffirelli in stato di grazia (come non era mai stato prima, come non sarebbe più stato in seguito) rivitalizza aggiornandolo al giovanilismo e al clima di quei ribelli anni Sessanta londinesi. Difatti il cast è tutto inglese, con caschetti molto beatlesiani e rollingstoniani, e tutti i ragazzi, compresi i protagonisti Olivia Hussey e Leonard Whiting, sono poco più che adolescenti, e sembrano appena usciti da una sfilata di Biba o Mary Quant. Incantevole, fragrante, velocissimo. Un film che restituisce come pochi l’air du temps, pur essendo in costume. Davvero Zeffirelli, al di là di ogni possibile retorica, ci fa sentire Shakespeare nostro contemporaneo (contemporaneo a ciò che noi eravamo, ci sentivamo allora). Il Tema di Giulietta di Nino Rota scalò le classifiche americane e poi del resto del mondo (nel film lo canta Bruno Fillippini, fino ad allora conosciuto come cantante pop-sanremese e fu una sorpresa vederlo in versione menestrello). Alla fine si piange, si piange davvero. Un film che adoro. Romeo+Juliet di Baz Luhrmann non esisterebbe senza questo Zeffirelli del 1968.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Film stasera su Sky: ROMEO E GIULIETTA di Franco Zeffirelli (mercoledì 19 dicembre 2012)

  1. silvia bergero scrive:

    Sarà stata la moda e l’air du temps, fatto sta che molto Shakespeare – in particolare Romeo e Giulietta, Sogno di una notte, La dodicesima notte, Come vi piace ecc. – hanno BISOGNO di interpreti ragazzi, perché così erano concepite. Così come Lady McBeth deve essere una strafiga affascinante come quella del film omonimo di Polanski. Se non si capisce perché succede quel che succede. detto ciò, a Zeffirelli preferisco Lurhman e non sono sicura della discendenza che Luigi dà come certa.
    (però mi ricordo bene la grande impressione che mi fece quando lo vidi negli anni sessanta)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.