Film stasera sulle tv gratuite: VITE VENDUTE di Clouzot (martedì 12 marzo 2013)

Vite vendute, regia di Henri Georges Clouzot. Rai Movie, ore 0,45.
salaire-de-la-peur-1953-tou-01-gMeraviglioso. Me lo ricordo in un passaggio sulla tv in bianco e nero, una vita fa, e l’impressione poderosa che mi fece. Lo danno un po’ sul tardi, ma sarebbe un peccato perdersi questo classico del 1953 strapremiato a Cannes e Berlino, e firmato da un autore francese che sapeva farsi rispettare anche dal grosso pubblico, confezionando film di ineccepibile fattura e forte impatto spettacolare. Oltretutto Rai Movie manda in onda la versione restaurata, con il reintegro delle parti allora tagliate nella versione italiana, ragione in più per non perderselo. Siamo in un’America Centrale abbastanza vaga e di fantasia, una sorta di astratto non-luogo tropicale chiamato Las Piedras. Quattro disperati tutti in cerca, pur se per motivi diversi,  di soldi, accettano un lavoro sporchissimo ad alto rischio, quello di trasportare su due camion un carico di nitroglicerina destinata a un impianto petrolifero. E la nitroglicerina, si sa, esplode a ogni minima vibrazione, figuriamoci su un camion e su quelle strade disastrate. Per i quattro, due francesi, un italiano, uno del Nord Europa – tutta gente che ha alle spalle storie tribolate e ha finito con l’incagliarsi, con l’insabbiarsi in quel buco di mondo – incomincia un viaggio che sarà un’avventura all’inferno. Un film che non ti permette di distogliere gli occhi un attimo. Accanto a Yves Montand e Charles Vanel ci sono anche il nostro Folco Lulli (icona del cinema popolare italiano anni Cinquanta e primi Sessanta) e il gelido, biondo Peter Van Eyck. Nel 1977 Hollywood realizzerà un remake con Roy Scheider, Il salario della paura (che è anche il titolo originale francese di Vite vendute), ma non si ripeterà il successo, nonostanta la regia del grande William Friedkin.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.