Locarno Festival Preview: LO STRANIERO di Luchino Visconti

Anna Karina e Marcello Mastroianni in 'Lo straniero'

Anna Karina e Marcello Mastroianni in ‘Lo straniero’

OC695835_P3001_173602Lo straniero, tratto nel 1967 dal romanzo omonimo di Albert Camus, è forse il film più maudit, negletto, rimosso, dimenticato, anche schernito di Luchino Visconti. Sarà proiettato a Locarno mercoledì 7 agosto alle 18,30 (L’altra sala) come omaggio a una delle sue interpreti, Anna Karina, nell’ambito della sezione Histoire(s) du Cinéma.
Davvero poco viscontiano, Lo straniero. Con le sua atmosfere assolate e astratte, depurate fino alla metafisica, si configurò come l’opposto e quasi l’autonegazione del formalismo iperdecorativo del regista. Algeri, anni Trenta, l’Algeri della presenza coloniale francese. L’impiegato Meursault precipita lentamente in una sorta di anoressia esistenziale, in una catatonia che lo disconnette dal mondo e lo scava dentro: a incarnare quella strana categoria dell’anima e del pensiero filosofico detta esistenzialismo, di cui Camus cercava di dar conto nella sua opera, esistenzialismo come tentativo di descrivere se non spiegare l’alienazione, lo smarrimento, lo straniamento dell’individuo nelle società di massa e sempre più tecnologizzate del Novecento. Meursault, senza sapere il perché, automa guidato da imperscrutabili forze, compie un giorno sulla spiaggia, abbacinato dal sole, un delitto gratuito, senza motivo e senza movente. Seguirà il processo e la condanna. Visconti ricostruisce le scene del processo da par suo e registra implacabile la lenta dissoluzione del suo protagonista, un Marcello Mastroianni meravigliosamente passivo e opaco. Tutto girato ad Algeri, e anche questo rende obbligatorio Lo straniero. Raro, ma davvero.

Questa voce è stata pubblicata in anticipazioni, cinema, Container, festival, film e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Locarno Festival Preview: LO STRANIERO di Luchino Visconti

  1. heuresabbatique scrive:

    per Jared Hess mi sono informato: ecco i progetti che ha diretto dopo Napoleon Dynamite , (suo esordio del 2004): in primis una commedia in cui Jack Black da prete si trasformava in pugile da wrestling, il film is called Super Nacho ed è datato 2006, successivamente è stato impegnato a dirigere Gentlemen Broncos, un film come il precedente dalla trama assai disdicevole.In più dovrebbe tornare presto nei cinema con una nuova commedia alla Napoleon, per cui qualcosa di very ma very strange.Gli attori coinvolti invece fanno la loro porca figura Jim Carrey e Owen Wilson.La fonte è Mymovies, sei vuoi controllare di persona, prego.Spero di essere stato d’ aiuto come neo-crono-sorico del cinema.

  2. heuresabbatique scrive:

    No per niente, almeno dal punto di vista qualitativo e inventivo, ma credo anche da quello puramente commerciale ma non ne sarei sicuro.Ad esempio (sempre per Mymovies) Super Nacho ha incassato più di 80 milioni di dollari e che abbia aperto il primo weekend usa con all’ incirca 28 milioni ma non so di quanto fosse il budget.Però so certamente che il primo weekend usa di Gentleman Broncos è stato scarsino forte anche se distribuito (come non penso) in pochissimissime sale: soli 10.000 dollari.Comunque ripeto il successo di critica e forse anche quello commerciale che ha avuto con Napoleon non è mai tornato e forse non tornerà mai più chissà, sicuramente se continua così tarderà a venire, di molto, ma di molto molto

Rispondi